dalla Home

Live

pubblicato il 4 marzo 2015

Salone di Ginevra: Seat, "Stiamo crescendo ed è solo l'inizio"

Il Vicepresidente Ricerca e Sviluppo di Seat Matthias Rabe ci illustra i piani della Casa spagnola

Salone di Ginevra: Seat, "Stiamo crescendo ed è solo l'inizio"
Galleria fotografica - Seat al Salone di Ginevra 2015Galleria fotografica - Seat al Salone di Ginevra 2015
  • Seat al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 1
  • Seat al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 2
  • Seat al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 3
  • Seat al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 4
  • Seat al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 5
  • Seat al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 6

Matthias Rabe è un appassionato di automobili, prima che top manager del marchio Seat; cosa non scontata in questo settore. Proprio il sacro fuoco che lo anima nei confronti della materia che tratta ne fa l'uomo adatto per contribuire a dare al marchio spagnolo l'immagine che il Gruppo Volkswagen ha deciso di attribuirle. Ovvero, quella di un brand emozionale, di design, ma pratico ed equilibrato nei prezzi. Ecco come ha risposto alle nostre domande quando lo abbiamo incontrato in Svizzera, al Salone di Ginevra.

OmniAuto.it: Quali sono le prossime tappe di sviluppo di Seat?
Matthias Rabe: "Seat ha fatto molto e molto deve ancora fare. Con l'ultima Leon abbiamo inaugurato la 'nuova' Seat, ma siamo appena all'inizio. Il prossimo, importante step evolutivo è quello legato al nuovo SUV compatto, ovviamente su base MQB. In questo modo potremo contare su tre pilastri: Ibiza, Leon e appunto il nuovo SUV".

OmniAuto.it: Come si fa a innalzare la percezione del brand?
Matthias Rabe: "Devo dire che Seat è già migliorata molto, dal punto di vista della percezione da parte del pubblico. In Germania, ogni anno, la rivista Auto Motor und Sport pubblica un indice sulla brand awarness: Seat ha scalato molte posizioni nel 2014. Non solo: nei confronti effettuati dalle testate specializzate, la Leon ha vinto molte sfide, battendo anche vetture premium come BMW Serie 1 e Mercedes Classe A. Detto questo, è chiaro che non possiamo ritenere di essere arrivati: dobbiamo lavorare molto per scalare ancora posizioni, ma grazie al design, al piacere di guida e alla tecnologia (sulla quale abbiamo investito e stiamo investendo molto) contiamo di farcela".

OmniAuto.it: Chi ha la passione per l'auto sicuramente ha compreso ciò che lei sta dicendo. Ma non crede che valori come il piacere di guida ormai abbiano poca presa sulla maggior parte del pubblico?
Matthias Rabe: "Se si parla in termini tecnici, sì: molti non sanno mettere a fuoco specificamente e giudicare la risposta dello sterzo, la reattività del motore o la capacità della vettura di isolare dai rumori e dalle vibrazioni. Tutti, però, sanno dire se si trovano meglio su un'auto o su un'altra. Magari non sanno bene spiegare perché, ma sanno scegliere. Ecco, noi di Seat siamo convinti che chi sale su una delle nostre auto scenda con buone sensazioni".

OmniAuto.it: Autonomous Driving: che posizione avete su questo tema?
Matthias Rabe: "Come sapete, il Gruppo Volkswagen è molto avanti su questa tecnologia. Dal nostro punto di vista, però, va bene solo se contribuisce ad aumentare il piacere di guida e la sicurezza: se l'auto prende i comandi quando si tratta di evitare un pericolo, di parcheggiare o di procedere in coda, ok. Ma se il guidatore vuole divertirsi su una strada ricca di curve deve continuare a sentirsi libero di farlo".

Seat 20V20 | Salone di Ginevra 2015

C'è sempre una prima volta. Anche per Seat che, con questo concept, molto vicino alla produzione di serie, vuole entrare nel segmento dei SUV/crossover. Le linee spigolose si ispirano alla Leon.

Autore: Adriano Tosi

Tag: Live , Seat , ginevra , interviste


Top