dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 3 marzo 2015

Infiniti QX30 Concept, la SUV compatta del futuro

Svelate le forme e gli interni della SUV crossover di lusso per le generazioni X e Y internazionali

Infiniti QX30 Concept, la SUV compatta del futuro
Galleria fotografica - Infiniti QX30 ConceptGalleria fotografica - Infiniti QX30 Concept
  • Infiniti QX30 Concept - anteprima 1
  • Infiniti QX30 Concept - anteprima 2
  • Infiniti QX30 Concept - anteprima 3
  • Infiniti QX30 Concept - anteprima 4
  • Infiniti QX30 Concept - anteprima 5
  • Infiniti QX30 Concept - anteprima 6

Ormai tutte le case premium hanno un SUV crossover compatto: Infiniti non vuole essere da meno e propone la QX30, esposta a Ginevra ancora come concept, ma di fatto in forme vicine alla versione definitiva. L'auto nasce per emergere nel segmento delle compatte di lusso, un gradino al di sotto le QX50 e QX70, per acquirenti delle cosiddette generazioni X e Y, giovani con disponibilità di denaro, che hanno un'idea di auto "premium" distante da quella tradizionale. Il suo luogo di destinazione principale è la città, con qualche escursione fuoriporta, per i mercati internazionali, con priorità in Cina e in Europa, ma anche negli Stati Uniti.

Stile fluido e senso di protezione, per piacere ai giovani

Esteticamente, prosegue l'evoluzione dello stile Infiniti. I volumi complessivi sono da coupé hatchback alta e con ruote grandi da 21" dalle forme tridimensionali e in alluminio fresato e plastica; sulle superfici sono poi applicate pieghe decise e aree fluide, che sembrano plasmate dall'aria. I designer hanno pensato ad un'auto originale e ricercata, efficace dal puto di vista aerodinamico e al tempo stesso a guida alta e capiente all'interno: basta guardare come viene trattata la zona sopra la testa dei passeggeri posteriori, più ampia di quello che lo strano montante sembri far immaginare. La zona inferiore possiede quegli elementi di finitura, come i profili scuri o le finiture cromate satinate, che amplificano il senso di robustezza e protezione tipico delle crossover. Nella concept, anche le barre superiori, parzialmente in fibra di carbonio, diventano un elemento di originalità, allungandosi verso il centro del tetto trasparente.

Cuoio Connolly e connettività

All'interno, la lussuosità è data non solo dalle tonalità scure, con luci d'ambiente diffuse, ma per l'impiego del cuoio Connolly ad impunture blu che ricopre gran parte dell'abitacolo, come palpebra sulla strumentazione, plancia, bracciolo centrale o telaio dei sedili leggeri, e riveste volante e pomello del cambio. Il risultato è un ambiente lussuoso, ma senza eccessivi appensantimenti di forme e materiali. Ovviamente, viene integrata anche tutta la più recente tecnologia elettronica e multimediale della casa, a cominciare dal sistema il sistema Infiniti InTouch con connessione di rete. La Infiniti QX30 Concept è, infine, realizzata per montare una vasta gamma di propulsori, diesel e a benzina, per tutti i mercati, alcuni più marcatamente sportivi, altri più attenti ai consumi. Il crossover di serie ispirato alla QX30 Concept, pronto a rivaleggiare con concorrenti quali Audi Q3 o BMW X1, verrà lanciato il prossimo anno.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Prototipi e Concept , Infiniti , auto giapponesi , ginevra , saloni dell'auto


Top