dalla Home

Tuning

pubblicato il 30 aprile 2007

Gumpert Apollo

La supercar che mancava al giusto prezzo

Gumpert Apollo
Galleria fotografica - Gumpert ApolloGalleria fotografica - Gumpert Apollo
  • Gumpert Apollo - anteprima 1
  • Gumpert Apollo - anteprima 2
  • Gumpert Apollo - anteprima 3
  • Gumpert Apollo - anteprima 4
  • Gumpert Apollo - anteprima 5
  • Gumpert Apollo - anteprima 6

Se diciamo Gumpert Apollo cosa vi viene in mente? Ovviamente a nient'altro che non sia una tra le auto sportive più esclusive create di recente da una piccola factory europea. Gumpert Apollo è infatti la vettura sportiva prodotta, da fine del 2005, da una joint venture tra il tuner tedesco MTM e l'ex capo del reparto corse Audi, Roland Gumpert.

Equipaggiata con un V8 biturbo modificato, derivato dalla passata Audi RS6, Gumpert Apollo può contare su 650 cv e 850 Nm di coppia. Se questi numeri vengono associati ad un peso contenuto a 980 kg si può facilmente pensare a prestazioni a dir poco formidabili: velocità massima di 360 km/h, accelerazione da 0-100 km/h in 3 secondi e 0-200 km/h in 8,9 secondi.

Per capire che Apollo non è una sportiva comune basta guardarla da ferma. Le soluzioni adottate, sia esternamente che nell'abitacolo, sono tutte finalizzate ad un utilizzo in pista, anche se questa fuoriserie tedesca può essere tranquillamente (nel senso più letterale possibile del termine!) usata in strada visto che è targata e omologata come una qualsiasi vettura di grande serie.

In principio nessuno poteva immaginare che le linee ed i contenuti di questa aggressiva supercar piacessero ad un così alto numero di appassionati che si sono spartiti le circa 60 Apollo prodotte nel 2006, ognuna offerta al prezzo di circa 250.000 Euro. All'ultima edizione del Salone di Ginevra infatti, Mr. Gumpert si diceva più che soddisfatto del grande interesse suscitato dalla sua Apollo, tanto da ipotizzare per il futuro la creazione di un modello più compatto ed economico, magari equipaggiato con il 4 cilindri TFSI oppure col V6 sempre di origine Volkswagen. Staremo a vedere.

Autore:

Tag: Tuning


Top