dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 25 febbraio 2015

nanoFlowcell QUANTiNO, quando l'elettrica va ad acqua salata

200 km/h, 138 CV e 1.000 km di autonomia grazie ad una batteria a liquidi ionici

nanoFlowcell QUANTiNO, quando l'elettrica va ad acqua salata
Galleria fotografica - nanoFlowcell QUANTiNOGalleria fotografica - nanoFlowcell QUANTiNO
  • nanoFlowcell QUANTiNO - anteprima 1
  • nanoFlowcell QUANTiNO - anteprima 2
  • nanoFlowcell QUANTiNO - anteprima 3
  • nanoFlowcell QUANTiNO - anteprima 4
  • nanoFlowcell QUANTiNO - anteprima 5
  • nanoFlowcell QUANTiNO - anteprima 6

L'ultima trovata dell'imprenditore e inventore svizzero Nunzio La Vecchia si chiama QUANTiNO, ed è un'ulteriore applicazione della sua inedita tecnologia che prende il nome di nanoFlowcell e che viene proposta anche sulla più grande e potente QUANT F. La QUANTiNO è una sportiva compatta (è lunga 3,91 m) e muscolosa, con ruote enormi da 22", carrozzeria a due volumi, abitacolo 2+2 e alcune soluzioni stilistiche fantasiose, che la rendono diversa dalle solite sportive. E in effetti diversa lo è veramente: grazie a una batteria di flusso e quattro motori elettrici, può raggiungere la velocità massima di 200 km/h, e percorrere addirittura fino a 1.000 km con una sola ricarica.

La cosa in apparenza sorprendente è l'energia proveniente da qualcosa di simile all'acqua salata, nello specifico un liquido ionico: l'auto monta infatti una batteria di flusso, già nota in altri settori, che converte l'energia chimica degli elettroliti in energia elettrica. La ricarica avviene in un tempo rapidissimo, sostituendo simultaneamente i due liquidi ionici, uno con carica positiva e uno con carica negativa: per questo motivo, la macchina è dotata di due serbatoi di elettroliti, uno positivo e uno negativo, da 175 litri ciascuno, per generare la reazione chimica. La batteria invia quindi l'energia a bassa tensione, con un voltaggio pari a 48 V, ai quattro motori, che sviluppano complessivamente circa 138 CV, e che grazie al peso ridotto e all'aerodinamica curata consentono di ottenere prestazioni di rilievo. Per adesso è ancora una concept car: dopo l'anteprima al Salone di Ginevra (5-15 marzo 2015), inizieranno i test stradali veri e propri entro la fine dell'anno, per avviare quanto prima la vendita al pubblico. Ancora prematuro, quindi, parlare di prezzi, anche se le intenzioni di nanoFlowcell sono quelle di realizzare una sportiva elettrica "abbordabile".

Autore: Sergio Chierici

Tag: Prototipi e Concept , ginevra , auto elettrica , saloni dell'auto


Top