dalla Home

Test

pubblicato il 21 febbraio 2015

Dossier #perchécomprarla

Maserati Ghibli, perché comprarla... e perché no [VIDEO]

La berlina diesel ha uno stile mozzafiato, finiture di lusso, comodità e prestazioni. Ma navigatore, volante e leva del cambio possono migliorare

Galleria fotografica - Nuova Maserati Ghibli Galleria fotografica - Nuova Maserati Ghibli
  • Nuova Maserati Ghibli  - anteprima 1
  • Nuova Maserati Ghibli  - anteprima 2
  • Nuova Maserati Ghibli  - anteprima 3
  • Nuova Maserati Ghibli  - anteprima 4
  • Nuova Maserati Ghibli  - anteprima 5
  • Nuova Maserati Ghibli  - anteprima 6

Eccola qui la sfidante italiana delle tedesche, quella Maserati Ghibli che con il motore diesel sembra incantare come una sirena molti automobilisti abituati a viaggiare in Audi, BMW e Mercedes. Oltre che per il cuore a gasolio di 3 litri e 250 o 275 CV la nuova Ghibli ha dalla sua uno stile unico e profondamente italiano che affascina già alla prima occhiata, con la griglia anteriore e i fari bixeno-LED che la fanno somigliare ad un feroce predatore affamato di chilometri e avversarie teutoniche. La bellissima vernice Blu Emozione (1.208 euro) dell'esemplare in prova nel #perchécomprarla gioca un ruolo fondamentale nell'esaltare le linee della carrozzeria, equilibrate, grintose ed eleganti nonostante i quasi 5 metri di lunghezza di questa grande berlina, mentre i cerchi opzionali Urano da 20" riempiono nel modo migliore i sinuosi passaruota. Anche osservandola da dietro la Ghibli non può fare a meno di entusiasmare i sensi degli appassionati di belle macchine, grazie alla coda rialzata e ai quattro terminali di scarico che borbottano sonoramente anche col Diesel. Ma vediamo i pregi e difetti della Ghibli a gasolio.

Grande davanti e nel bagagliaio

Basta salire a bordo della Ghibli per capire che qui si fa sul serio e che il lusso "Made in Maserati" è interpretato con un gusto italiano assai raffinato. Gli interni color Sabbia sono un trionfo di pelle di ottima qualità sui sedili, sulla plancia e nelle portiere e anche la massiccia chiave metallica degna di cotanta berlina. Gli inserti in legno d'ebano opzionali sono il tocco di classe in più, così come il cielo e i montanti rivestiti in Alcantara e gli assemblaggi interni realizzati con la massima precisione. Il volante è davvero grande, forse troppo, e un'impugnatura migliore non guasterebbe, così come la leva del cambio meriterebbe un inserimento più preciso della retromarcia. Davanti il posto è abbondante e comodo anche per via dei sedili con regolazione elettrica inclusi nel Premium Package (3.178 euro), ma chi siede dietro deve lottare un po' con l'accesso ristretto e il poco posto per i piedi sotto al sedile anteriore; i passseggeri alti fino a 1,75 metri non hanno problemi di spazio per la testa e per un totale relax si consiglia di viaggiare in due sul sedile posteriore, nonostante l'omologazione per 5 persone. Il bagagliaio ha l'apertura stretta, ma è così esteso in profondità da "ingoiare" davvero tante valigie e da permettersi di abbattere gli schienali posteriori per i carichi eccezionali.

Vola sopra rumori e buche

Prima di partire è bene impratichirsi con il navigatore della Ghibli, un touchscreen da 8,4" già visto su altre vetture del gruppo FCA e che non raggiunge la raffinatezza di alcuni sistemi tedeschi. La plastica attorno allo schermo ha una finitura semplificata e anche la grafica è un po' deludente, ma l'utilizzo è intuitivo e l'infotainment ha tutto quello che si chiede a vetture di questo livello, compreso l'impianto Hi-Fi Bowers&Wilkins da 4.270 euro. Guidando in città la Ghibli si nota subito la coda alta che toglie in parte la visibilità posteriore e l'assetto gestito dalle sospensioni Skyhook a controllo elettronico che assorbe anche le buche più terribili con il massimo "aplomb". Il motore turbodiesel 3.0 V6 275 CV della VM offre una bella spinta come fanno i concorrenti tedeschi, senza un allungo esaltante, ma sempre pronto a dare motricità alle ruote posteriori con il cambio automatico ZF a 8 marce, una garanzia. La modalità I.C.E. (Increased Control & Efficiency) che addolcisce la risposta di motore e cambio è molto utile sul bagnato, anche se l'assetto molto equilibrato e l'elettronica risolvono tutti i problemi di tenuta di strada; l'impostazione Sport rende invece tutto più immediato, fulmineo. Viaggiare sulla Ghibli è come stare in una bolla insonorizzata dove si sente solo il motore un po' le gomme, una sensazione davvero piacevole. Nell'uso quotidiano senza troppe "sfuriate" veloci il consumo sta sui 7,5 l/100 km; se invece si spinge è facile salire a 9 l/100 km. Un accenno al prezzo della Ghibli Diesel che parte da 68.159 euro e può facilmente superare i 90.000 euro con gli optional montati sull'auto del #perchécomprarla.

Scheda Versione

Maserati Ghibli
Nome
Ghibli
Anno
2013
Tipo
Premium
Segmento
superiore
Carrozzeria
3 volumi
Porte
4 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Test , Maserati , guida all'acquisto


Listino Maserati Ghibli

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
3.0 V6 DS 250cv automatica posteriore diesel 250 3 5 € 68.803

LISTINO

3.0 V6 DS 275cv automatica posteriore diesel 275 3 5 € 68.803

LISTINO

3.0 V6 BT 330cv automatica posteriore benzina 350 3 5 € 72.084

LISTINO

3.0 V6 BT 410cv S automatica posteriore benzina 410 3 5 € 85.105

LISTINO

3.0 V6 BT 410cv S Q4 automatica 4x4 benzina 410 3 5 € 88.180

LISTINO

 

Top