dalla Home

Novità

pubblicato il 26 aprile 2007

Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2007

I vincitori

Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2007
Galleria fotografica - Villa d'Este 2007: i vincitoriGalleria fotografica - Villa d'Este 2007: i vincitori
  • Villa d\'Este 2007: i vincitori - anteprima 1
  • Villa d\'Este 2007: i vincitori - anteprima 2
  • Villa d\'Este 2007: i vincitori - anteprima 3
  • Villa d\'Este 2007: i vincitori - anteprima 4
  • Villa d\'Este 2007: i vincitori - anteprima 5
  • Villa d\'Este 2007: i vincitori - anteprima 6

Lo scorso 21 e 22 aprile ha avuto luogo il "Concorso di Eleganza di Villa d'Este", uno dei più importanti e suggestivi eventi internazionali per auto d'epoca. Nelle giorntate di sabato e domenica sono state esposte e votate automobili dall'inestimabile valore storico, estetico e progettuale in una cornice unica quale può essere quella offerta da Villa d'Este e Villa Erba, a Cernobbio sulle rive del Lago di Como.

"Oggi, così come in passato - spiega il dott. Jean-Marc Droulers, presidente di Villa d'Este SpA - siamo estremamente soddisfatti del grande richiamo esercitato dal fascino di questa manifestazione, organizzata per la prima volta nel 1929 grazie all'iniziativa del Grand Hotel Villa d'Este. Non esiste al mondo scenario migliore per apprezzare lo stile di vita italiano coniugato alla cultura automobilistica". L'edizione 2007 è stata se possibile ancora più ricca di partecipazioni eccezionali, e la grande affluenza di collezionisti e pubblico appassionato ne è una delle più dirette conseguenze.

Tra le vetture classiche premiate meritano una nota di riguardo quelle che, secondo la Giuria, si sono distinte all'interno delle numerose categorie di concorso esistenti. Come auto più elegante è stato votato uno dei tre esemplari costruiti di Rolls-Royce Phantom II Continental del 1932 (concorrente: Stefan Schörghuber), mentre la Royce Phantom III del 1938 di J.W. Millegan è stata considerata la vettura meglio restaurata del concorso. La Ferrari 375 MM Coupé Scaglietti del 1954 ha vinto il premio Auto & Design per lo stile più emozionante, mentre il premio speciale della giuria "Trofeo Albrecht Graf Goertz" è stato assegnato alla Ferrari 340 MM Spider Vignale del 1953 di Umberto Camellini. Il Trofeo Scaglietti è stato vinto, neanche a farlo apposta, dalla Ferrari Scaglietti 250 GT LWB Tour de France Berlinetta del 1957, mentre Il Trofeo FIVA per l'automobile meglio conservata è andato alla Alfa Romeo 6C 1750 SS Spider Zagato del 1929 appartenente a Henri Chambon. Quest'automobile dalla carrozzeria leggera, era praticamente perfetta per le corse sportive e nel 1929 vinse la Mille Miglia. Il premio per il viaggio più lungo conferito dall'Automobile Club di Como è andato alla BMW 335 Cabriolet Autenrieth: Mr. Viberg ha viaggiato con la sua cabriolet quattro porte dalle tempeste di neve del nord della Norvegia fino alle rive del Lago Como.

Com'è avvenuto per le concept, presso Villa Erba nella giornata di Domenica, il pubblico ha potuto votare "la più bella" tra le vetture classiche e la vincitrice del Trofeo BMW Italia (secondo Referendum pubblico) è stata eletta l'Alfa Romeo 6C 1750 GS Flying Star del 1931, costruita per conto di Alfa Romeo dalla Carrozzeria Touring di Milano. Con questo modello, Mrs. Josette Pozzo vinse la Coppa d'Oro di Villa d'Este al Concorso d'Eleganza Villa d'Este del 1931. Dopo 76 anni, l'Alfa Romeo Flying Star non solo è tornata nel luogo che l'ha vista riportare al suo massimo successo, ma torna protagonista ancora una volta grazie alla conquista del Trofeo BMW Italia. L'automobile proviene dalla collezione di Arturo Keller.

La Coppa d'Oro di Villa d'Este è invece andato alla Bugatti 57C Cabriolet Voll & Ruhrbeck del 1939. Lo chassis dell'autovettura fu tra gli ultimi a essere consegnato prima dello scoppio della seconda guerra mondiale a Noll di Düsseldorf, importatore tedesco di Bugatti. Voll & Ruhrbeck furono incaricati di dotare lo chassis di una carrozzeria speciale. La Bugatti passò quindi a Sonja Heine, campionessa olimpica di pattinaggio su ghiaccio. Dopo essere stata sottoposta a un completo restauro, essa è stata ora ammirata nella versione originale per la prima volta in Europa. L'attuale proprietario è James A. Patterson.

Tra le atre vetture premiate, nelle diverse classi e trofei, segnaliamo:

Trofeo Albrecht Graf Goertz
Premio Speciale della Giuria
-> Ferrari 340 MM Spider Vignale, 1953. Concorrente: Umberto Camellini (I)

Class B. Eleganti e comode - Carrozzerie chiuse degli anni '20 e '30
-> Alfa Romeo 6C Berlinetta

Class C. Belle e Potenti - Grandi vetture europee degli anni '30
-> Mercedes-Benz SSK

Class D. Lampi prima della tempesta - Vetture aperte della fine degli anni '30
-> Bugatti 57 C Cabriolet

Class E. Piccole grandi automobili - L'esclusività
-> Macerati A6G/2000 Coupé Zagato

Class F. Stile Italiano - Il lavoro dei grandi carrozzieri
-> Fiat 8V Supersonic Coupé

Class G. Prestigio nel mondo - Automobili eccezionali da diverse nazioni
-> Aston Martin DB4 GT Zagato

Class H. La nascita di un mito - Ferrari da competizione degli anni '50
-> Ferrari 375 MM Spider Pinin Farina

Autore:

Tag: Novità


Top