dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 18 febbraio 2015

Dossier Auto a Metano

Le auto a metano pagano l'Rc auto più cara d'Italia

Le tariffe variano di città in città, ma sono le più alte quasi a pari merito con le diesel. La differenza con le benzina è del 21%

Le auto a metano pagano l'Rc auto più cara d'Italia
Galleria fotografica - Le auto a metano più vendute in Italia 2014Galleria fotografica - Le auto a metano più vendute in Italia 2014
  • 1. Fiat Panda   - anteprima 1
  • 2. Fiat Punto   - anteprima 2
  • 3. Lancia Ypsilon   - anteprima 3
  • 4. Volkswagen Golf   - anteprima 4
  • 5. Fiat 500L - anteprima 5
  • 6. Volkswagen Up!	   - anteprima 6

Le auto a metano percorrono in media più chilometri di quelle diesel o benzina. Per questo sono più esposte ai sinistri e pagano tariffe Rc auto più salate, anzi: le più salate d’Italia. Lo dimostra uno studio condotto da SosTariffe.it, che ha cercato di stimare la differenza tra le alimentazioni metano, GPL, diesel e benzina analizzando il costo delle assicurazioni più economiche, reperibili online, in rifermento a due delle auto più vendute (Fiat Punto e Citroen C3) ed una di classe superiore (Volkswagen Touran). Il risultato è che nella maggioranza degli esempi la polizza assicurativa più cara è quella delle metano, seguite subito dopo dalle diesel, dalle GPL e con distacco dalle benzina. Ovviamente a giocare un ruolo chiave sono i comuni di residenza. In generale il risultato dimostra che l'assicurazione per una macchina a metano è più costosa soprattutto al Centro-Nord, dove la differenza con l'assicurazione benzina raggiunge picchi dell'11% e del 21%. Se c’è stato un aumento o meno rispetto agli anni precedenti al momento non si sa, ma SosTariffe.it ci ha detto che la situazione è allo studio e presto verrà pubblicato un confronto con l’anno scorso. Nell’attesa di leggerlo, vediamo in dettaglio i risultati 2014.

Al Centro ci sono le differenze di prezzo maggiori

Nella serie di esempi che il comparatore online ha prodotto si evince che assicurare un’auto come la Touran a metano in un comune del Centro Italia può arrivare a costare oltre il 21% in più rispetto alla stessa auto a benzina, mentre per le macchine come Punto e C3 la differenza massima è stata registrata rispettivamente a Roma (17,3%) e Milano (18,7%). Questa differenza per chi assicura un’auto alimentata a metano rispetto a chi lo fa con una macchina a benzina diminuisce al Sud dove la convenienza per le auto a benzina non supera il 9,6%. Tuttavia, sono poi le singole statistiche di ogni Compagnia a incidere. Infatti, come emerge dal rapporto di SosTariffe.it, per la Punto a benzina, a Milano servono 226 euro di Rc auto annuale, che salgono a 267 euro per la diesel. Più alti del modello a benzina, come già detto, anche quelli a GPL (255 euro) e a metano (256 euro). A Roma, per la Citroën C3 a benzina occorrono 328 euro l’anno, che s’impennano a 389 euro per la diesel, e a 388 euro per quelle a GPL. A Napoli, la Volkswagen Touran costa 711 euro a benzina, ma le cose cambiano per i modelli diesel (766 euro) e GPL (717 euro), con l’exploit della versione a metano: 787 euro annui.

Le province critiche del Mezzogiorno

Come è noto ad incidere maggiormente sull'assicurazione auto è la città di residenza dell'assicurato. Napoli è la più penalizzata per l’elevato numero di incidenti, furti e truffe. Le Province in cui il rapporto tra il costo complessivo dei sinistri ed il numero dei veicoli assicurati supera di almeno il 45% la media nazionale sono: Crotone, Taranto, Foggia, Brindisi, Napoli, Prato, Reggio Calabria e Pistoia (fonte Ania). Le criticità possono dipendere da un’anomala frequenza sinistri (ossia dal rapporto tra numero dei sinistri e numero dei veicoli assicurati) o da un’anomala incidenza dei danni fisici sul totale dei sinistri. Con riferimento al primo indicatore (frequenza sinistri), si può verificare che le province critiche del Mezzogiorno presentano sempre valori spropositati rispetto alla media nazionale (8,6%). A titolo d’esempio, a Napoli la frequenza è pari al 15,4%, a Bari e Taranto all’11,3%. Anche con riferimento al secondo indicatore (incidenza dei danni fisici) si può verificare che le province critiche del Mezzogiorno presentano sempre valori spropositati rispetto alla già elevata media nazionale (21%): Crotone 44%, Brindisi 41%, Taranto 40%, Foggia 37%. (fonte Ania). In particolare, per la Fiat Punto a benzina, a Milano (come tariffa Rca più bassa del mercato) servono 225 euro l’anno. A Roma, dove gli incidenti sono più frequenti, 340 euro, mentre a Napoli 631 euro. Con la Punto a metano i prezzi salgono in tutt’e tre le città, perché quella vettura statisticamente è più a rischio sinistro. Analizzando la Citroen C3 a benzina, si evidenzia come il milanese paghi 214 euro, il romano 328 e il napoletano ben 635 euro. Salendo di categoria e osservando la Volkswagen Touran 1.6 a benzina, si passa dai 226 euro di Milano, ai 336 euro di Roma, fino ai 711 euro di Napoli. Le differenze di prezzo maggiori, dunque, si riscontrano tra Milano e Napoli dove l'assicurato arriva a spendere anche oltre il 68% in più rispetto a chi abita al Nord.

[Fotogallery: le 10 auto a metano più vendute nel 2014]

Autore:

Tag: Attualità , metano , statistiche , assicurazioni


Top