dalla Home

Curiosità

pubblicato il 17 febbraio 2015

Volvo, 1.000 auto connesse contro i pericoli del ghiaccio

Svezia e Norvegia sperimentano sensori di rilevamento, connessioni di rete tra auto e nuove infrastrutture di sicurezza

Volvo, 1.000 auto connesse contro i pericoli del ghiaccio
Galleria fotografica - Volvo, test con 1000 auto per il progetto cloudGalleria fotografica - Volvo, test con 1000 auto per il progetto cloud
  • Volvo, test con 1000 auto per il progetto cloud - anteprima 1
  • Volvo, test con 1000 auto per il progetto cloud - anteprima 2
  • Volvo, test con 1000 auto per il progetto cloud - anteprima 3
  • Volvo, test con 1000 auto per il progetto cloud - anteprima 4
  • Volvo, test con 1000 auto per il progetto cloud - anteprima 5
  • Volvo, test con 1000 auto per il progetto cloud - anteprima 6

L'auto del futuro sarà sempre più connessa, attraverso reti e sistemi cloud: lo sa bene Volvo, che sta conducendo un test insieme al ministero dei trasporti svedese e l'amministrazione delle strade pubbliche norvegese. L'obiettivo è di rilevare e condividere le informazioni su strade con bassa aderenza, ad esempio in presenza di ghiaccio, ma l'aspetto che suscita più interesse è il numero di vetture coinvolte, passate dalle 50 della fase iniziale alle 1.000 attuali. Come dire: vogliamo che tra pochi anni questa tecnologia diventi realtà. Lo scopo, secondo Erik Israelsson, responsabile per Volvo del progetto denominato ITS (Intelligent Transport System), è di evitare situazioni di pericolo improvviso, grazie a due funzionalità: un allarme di strada scivolosa, che avvisa il conducente e manda la segnalazione anche agli addetti alla manutenzione stradale, e un rilevatore di luci di emergenza attive, che avverte i guidatori se altri veicoli hanno l'hazard attivato, e quindi se in una determinata area c'è una situazione di pericolo.

Arriveranno in seguito altre tipologie di segnalazioni, ma già queste due, diffuse in rete e opportunamente elaborate, possono migliorare la sicurezza stradale: ad esempio, l'indicazione di strada ghiacciata proveniente dalle auto permette di offrire dati in più alle stazioni già presenti nella rete stradale, e consente un intervento immediato. Le prossime città scandinave che saranno incluse nei test sono Göteborg e Oslo, per verificare l'efficacia del sistema in condizioni di traffico reali: un primo passo verso il "Volvo cloud", un sistema di rete tra veicoli e infrastrutture che Volvo sta studiando per la guida del futuro, più sicura, confortevole e senza code di traffico.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Volvo , auto europee , sicurezza stradale , guida sicura


Top