dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 17 febbraio 2015

Kia Sportspace concept, la GT chiede spazio

La sportiva ibrida in stile "shooting brake" anticipa a Ginevra la nuova Optima SW

Kia Sportspace concept, la GT chiede spazio
Galleria fotografica - Kia Sportspace conceptGalleria fotografica - Kia Sportspace concept
  • Kia Sportspace concept - anteprima 1
  • Kia Sportspace concept - anteprima 2
  • Kia Sportspace concept - anteprima 3
  • Kia Sportspace concept - anteprima 4
  • Kia Sportspace concept - anteprima 5
  • Kia Sportspace concept - anteprima 6

Al primo sguardo la Kia Sportspace concept che esordisce al Salone di Ginevra (5-15 marzo 2015) può sembrare una curiosa station wagon dalle forme affusolate, ma osservandola meglio si nota il grande lavoro fatto sul design di questa ipotetica GT quattro posti con ampio bagagliaio. La fonte ispiratrice è quella della sportive "shooting brake" di tradizione britannica, familiari spesso a due porte un tempo utilizzate per caricare cani da caccia e fucili o per un viaggio romantico con bagagli al seguito. La stessa Kia descrive la Sportspace concept come un'auto disegnata per "viaggi veloci ed efficienti con il massimo comfort e il minimo stress", nel più puro stile delle "gran turismo da week-end". Nella pratica la Sportspace è una filante familiare a 5 porte e quattro posti che anticipa di qualche mese lo stile della prossima Kia Optima SW, attesa per la fine del 2015. Sotto la suggestiva e spigolosa carrozzeria c'è invece il sistema ibrido che combina il turbodiesel 1.7 CRDi ad un piccolo elettromotore, entrambi sull'asse anteriore e abbinati ad un cambio automatico sequenziale.

Ideata nel centro stile Kia di Francoforte sotto la supervisione di Gregory Guillaume, la Sportspace concept mantiene la caratteristica griglia anteriore a "naso di tigre", ulteriormente affinata e integrata nei grandi fari a LED in quattro elementi. Alcune esagerazioni da concept come gli enormi cerchi in lega bruniti, le maniglie a filo carrozzeria e gli specchietti ultrasottili sono destinati a sparire sulla Optima SW di produzione, ma la vecchia idea di rendere sportiva e accattivante un'auto familiare sembra trovare qui un nuovo impulso. Molto belli e abbastanza vicini alla futura versione di serie sono gli interni dove risalta la plancia lineare con grande schermo touch dell'infotainment, l'ingombrante tunnel centrale, la strumentazione virtuale con navigatore integrato e sedili in pelle lavorata ad intreccio. Un bel colpo d'occhio, molto racing, lo forniscono anche i comandi centrali, i pulsanti sul volante, i satelliti e la leva del cambio in alluminio nero.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Kia , auto coreane , ginevra , auto ibride


Top