dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 15 febbraio 2015

Progetto Titan, l'auto elettrica secondo Apple

Il WSJ fornisce nuove indiscrezioni. Decine di cervelli "rubati" alle Case automobiilistiche

Progetto Titan, l'auto elettrica secondo Apple

Apple avrà la sua auto elettrica. Di ufficiale non c’è ancora nulla, ma le indiscrezioni che si sono fatte sempre più insistenti negli ultimi mesi e che sono letteralmente esplose in queste ore dopo un articolo pubblicato sull’autorevole Wall Street Journal, lascian pochi dubbi: a Cupertino fanno sul serio.

Secondo il quotidiano americano - notoriamente bene informato quando si parla dei nuovi prodotti della Mela - esiste già un team di oltre cento persone dedicato al progetto denominato TITAN che lavorano in regime di massima segretezza. Il direttore d'orchestra per conto di Tim Cook sarebbe il Vice President della Apple Steve Zadesky, già responsabile dello sviluppo di iPod e iPhone e con un trascorso, ormai lontano, alla Ford. E' lui che sta indicando i cervelli da rubare alle aziende che le automobili le fanno già. Costruttori tradizionali in primis - a settembre è stato cooptato Johann Jungwirth, il Presidente della Ricerca e Sviluppo di Mercedes-Benz North America - ma anche il produttore di auto elettriche per antonomasia, la Tesla Motors. Il patron Elon Musk ha recentemente "denunciato" lo shopping a peso d'oro, con proposte di remunerazione nell'ordine di 250 mila dollari per i manager disposti ad indossare la casacca della Mela.

Come sarà, ma soprattutto cosa sarà la Apple Car è ancora presto per dirlo. Molti osservatori escludono che il colosso californiano abbia intenzione di costruire un’automobile nel senso industriale del termine. In altre parole a Cupertino si starebbero concentrando nello sviluppo del software che consentirà la guida autonoma del veicolo per poi fornire la tecnologia alle case automobilistiche. L’obiezione? Apple ha l’abitudine di vendere prodotti che è in grado di costruire e controllare nella loro interezza (hardware e software). Non c’è motivo per credere che tale principio che è alla base del successo di molti prodotti non sia applicato anche ad un’eventuale "iCar". Tanto più che con i 700 miliardi di capitalizzazione e gli oltre 170 miliardi di liquidità, Apple è in grado sia di costruire quante fabbriche desidera assumendo tutto il personale necessario sia di comprare tout court un Costruttore automobilistico già operante sul mercato. E allora iniziamoci a preparare all'idea di vedere una mela pure su un cofano!

Autore: Redazione

Tag: Anticipazioni , auto americane , auto elettrica , guida autonoma


Top