dalla Home

Curiosità

pubblicato il 13 febbraio 2015

BMW M4 Coupé, svelata la Safety Car della MotoGP 2015

Al debutto il motore con iniezione ad acqua per aumentare prestazioni e ridurre i consumi

BMW M4 Coupé, svelata la Safety Car della MotoGP 2015
Galleria fotografica - BMW M4 MotoGP Safety Car 2015Galleria fotografica - BMW M4 MotoGP Safety Car 2015
  • BMW M4 MotoGP Safety Car 2015 - anteprima 1
  • BMW M4 MotoGP Safety Car 2015 - anteprima 2
  • BMW M4 MotoGP Safety Car 2015 - anteprima 3
  • BMW M4 MotoGP Safety Car 2015 - anteprima 4
  • BMW M4 MotoGP Safety Car 2015 - anteprima 5
  • BMW M4 MotoGP Safety Car 2015 - anteprima 6

Una conferma nella MotoGP: la BMW M4 Coupé sarà la Safety Car anche nella stagione 2015, a partire dalla gara del 29 marzo in Qatar e per tutto il resto del campionato. Il modello sarà contraddistinto dalla livrea nera, con le vistose strisce "M", il grande alettone posteriore, i lampeggianti sul tetto e i nomi degli sponsor tecnici. Tuttavia, la novità importante della M4 Safety Car 2015 è sotto il cofano: debutta infatti un nuovo sistema di iniezione ad acqua, che secondo BMW è in grado di migliorare le prestazioni e, insieme, ridurre il consumo di benzina.

In pratica, nel 3 litri 6 cilindri della M4, viene iniettato del vapore acqueo nel collettore, per abbassare la temperatura nel processo di combustione e aumentare la densità, e quindi la quantità, di ossigeno, oltre a ridurre i rischi di deformazione termica delle parti del motore. L’acqua viene raccolta in un serbatoio anti-gelo capiente cinque litri e disposto nel bagagliaio, con una pompa specifica, sensori e valvole di controllo dell'elettronica; la quantità d'acqua, iniettata alla pressione di 10 bar, si regola in tempo reale in base a una serie di parametri, tra cui ovviamente la temperatura del motore. Il serbatoio per la M4 Safety Car deve essere riempito prima dell'inizio di ogni sessione in pista, mentre pur un eventuale uso stradale basta effettuare un rabbocco d'acqua ogni cinque rifornimenti di carburante, in media: l'obiettivo, infatti, è di portare questo sistema nelle vetture di serie. E niente è meglio della pista per verificarne l'efficacia.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Bmw , moto


Top