dalla Home

Eventi

pubblicato il 6 febbraio 2015

Retromobile 2015, spazio ai sogni

La rassegna francese giunta alla 40esima edizione apre la stagione del motorismo storico europeo

Retromobile 2015, spazio ai sogni
Galleria fotografica - Retromobile 2015Galleria fotografica - Retromobile 2015
  • Retromobile 2015 - anteprima 1
  • Retromobile 2015 - anteprima 2
  • Retromobile 2015 - anteprima 3
  • Retromobile 2015 - anteprima 4
  • Retromobile 2015 - anteprima 5
  • Retromobile 2015 - anteprima 6

E’ vero, le auto storiche rappresentano una nicchia, tuttavia sono l’unico settore dell’automobilismo che, durante questi anni di profonda crisi, non ha vissuto il minimo momento di esitazione, anzi. Così a Parigi, in occasione di Retromobile 2015, vediamo come le case automobilistiche siano sempre più presenti al fianco dei collezionisti sia per offrire un supporto nei restauri, che per affiancare nuovi modelli alla tradizione dei marchi; è il caso di DS che ha esposto la storia della mitica “Deesse” con una splendida kermesse dai primi modelli datati 1955, alle versioni cabrio, alle SM per poi arrivare alle nuove arrivate DS3, 4 e 5. Non mancano poi Mercedes con la nuova GT AMG, Porsche con la nuova Carrera GTS, Renault con il concept Alpine Vision Gran Turismo... tutte affiancate dagli storici modelli della tradizione di ciascun marchio. Lungo i corridoi della fiera, pienissimi di appassionati, brillano le auto di ogni epoca e di ogni marca, tante le francesi: interessante la mostra dedicata allo scomparso marchio spagnolo Pegaso e la collezione dell’italiano Corrado Lopresto che racconta l’eccellenza del design italiano con le sue vetture, plurivittoriose nei concorsi d’eleganza di mezzo mondo. Un’ampia sezione è dedicata ai ricambisti, in particolare di auto francesi; poi modellini, automobilia, abbigliamento ed attrezzature per chi vuole prendersi cura della propria auto: tutto fa parte di un trend che avvicina anche nuovi appassionati di “young classics”, auto con età compresa tra 20 e 30 anni; le più gettonate? Ovviamente le francesi, tra cui le Peugeot 205, le Citroen Mehari e 2CV e le Renault 5, soprattutto nelle versioni sportive.

Presenti tanti capolavori tra cui spiccano le italiane: Alfa Romeo 33 Daytona, Ferrari F40, Lamborghini Conuntach, Maserati Ghibli, Lancia Stratos o De Tomaso Mangusta; poi altre rarità, tra cui la Porsche 911 Carrera RSR che giunse quarta alla 24 Ore di Le Mans, alcune splendide Mercedes 300 SL “Ali di gabbiano”, le Aston Martin di James Bond, poi le Bugatti - dalle prime fino alla Veyron - e si potrebbe continuare per ore… Infine lo spettacolo delle aste, in cui vengono vendute auto di ogni tipo, a prezzi anche accessibili: abbiamo visto vendere Rolls-Royce Corniche coupè a 20.000 euro, così come una splendida Alfa Romeo 6C 1750 Zagato, passare all’incanto a oltre 1.500.000 euro! Degna di nota è la collezione Baillon, in vendita presso la casa d’aste Art Curial, costituita da decine di auto (molte in pessime condizioni), abbandonate in un grande capannone in campagna da decine di anni. Tra queste, la bellissima Ferrari 250 GT SWB California Spider appartenuta all’attore Alain Delon che verrà venduta per svariati milioni di euro.

Autore: Enrico Rondinelli

Tag: Eventi , auto storiche


Top