dalla Home

Test

pubblicato il 29 gennaio 2015

Pirelli Cinturato All Season, la praticità della gomma unica

Prova su strada del pneumatico per utilitarie e compatte, buono per città, bassi chilometraggi e nevicate improvvise

Pirelli Cinturato All Season, la praticità della gomma unica
Galleria fotografica - Pirelli Cinturato All Season, la provaGalleria fotografica - Pirelli Cinturato All Season, la prova
  • Pirelli Cinturato All Season, la prova - anteprima 1
  • Pirelli Cinturato All Season, la prova - anteprima 2
  • Pirelli Cinturato All Season, la prova - anteprima 3
  • Pirelli Cinturato All Season, la prova - anteprima 4
  • Pirelli Cinturato All Season, la prova - anteprima 5
  • Pirelli Cinturato All Season, la prova - anteprima 6

Anche voi siete fra quelli le catene da neve nel bagagliaio dell'auto, ma le usate così poco da non sapere neppure come sono fatte? Benvenuti allora nel club degli automobilisti che potrebbero valutare l'acquisto di pneumatici quattro stagioni, come ad esempio i nuovi Pirelli Cinturato All Season che ho provato in anteprima in Sicilia. La Casa della P lunga ha infatti deciso di introdurre per la prima volta in Europa la gomma utilizzabile sia in estate che in inverno, utile proprio per chi percorre pochi chilometri, quasi tutti in città, guida una vettura piccola o compatta e incontra raramente neve o ghiaccio. L'inedito Cinturato All Season di Pirelli è pensato come pneumatico da usare tutto l'anno, senza bisogno di fare il classico cambio gomme nel periodo delle ordinanze invernali, da novembre ad aprile. Non si tratta quindi di un'alternativa alle gomme invernali, quanto piuttosto di un buon compromesso che fa risparmiare tempo e in parte denaro a chi di solito non affronta le condizioni stradali più estreme. A tutti quelli che invece vivono in montagna o utilizzano auto ad alte prestazioni Pirelli continua a consigliare l'utilizzo dei pneumatici invernali e il cambio stagionale con le estive.

Un po' di pioggia per cominciare

Per mettere alla prova le doti del Cinturato All Season ho affrontato un percorso vario che va dalla tortuosa litoeanea di Taormina (ME) alle gelide strade che salgono sull'Etna, fino agli oltre 1.800 metri di Piano Provenzana e Monte Conca. Il meteo bizzarro e il lungo percorso mi hanno permesso di testare la nuova gomma su vari tipi di fondo, dall'asfalto asciutto fino alla neve e al ghiaccio, passando per l'asfalto bagnato, il pavè, la cenere vulcanica che invade le strade dell'Etna e anche un bel po' di buche che non guastano mai… La prima impressione su strada asciutta è quella di trovarsi alla guida di un'auto con pneumatici estivi, con una buona precisione di guida garantita anche dalla Peugeot 308 turbodiesel assegnatami dall'estrazione a sorte; il merito, spiega Pirelli, è sia della mescola del Cinturato All Season che lavora in maniera ottimale in un ampio range di temperature che del battistrada con lamellatura mista 2D e 3D che compatta il movimento del tassello in frenata e in curva. Pochi problemi anche nei vari passaggi a livello, situazione in cui l'All Season si dimostra in grado di assorbire scalini importanti senza risultare troppo rigido, almeno nella misura 205/55 16 montata sulla mia Peugeot.

Sull'Etna innevato, quasi fossero gomme invernali

Una bella sensazione di sicurezza e risposta veloce ai cambi di direzione l'ho provata poi sulla strada bagnata che da Linguaglossa sale le pendici dell'Etna, un susseguirsi di tornanti affrontati con passo rapido e senza fenomeni di acquaplaning. Anche in questo caso i tecnici Pirelli mi spiegano che l'aderenza sotto la pioggia del Cinturato All Season è garantita dal disegno del battistrada direzionale, dotato di due scanalature centrali che numerosi canali longitudinali che facilitano l'espulsione dell'acqua, per la precisione fino a 30 litri al secondo. Insomma, fino a qui l'automobilista medio - me compreso - non trova grandi differenze rispetto ad un pneumatico estivo come il Pirelli P1 Verde o un "winter" puro come il Sottozero, compreso il livello di rumorosità percepibile nell'abitacolo che non infastidisce affatto. Dove la situazione cambia un po' è sulla neve, quella fresca e asciutta che trovo sui fianchi del vulcano imbiancato a partire dai 1.800 metri di quota di Piano Provenzana. Il sole e il vento rendono la situazione ancora più strana perché sembra di essere in mezzo ad un bufera di neve con cielo sereno. In un largo spiazzo abbondantemente innevato Pirelli ha ricavato un breve percorso di prova dove ci dimostra con due Fiat 500 calzate rispettivamente da Cinturato All Season e un estivo Cinturato P1 Verde le diverse prestazioni su neve. Il collaudatore sulla P1 quasi non riesce a partire, mentre quello con le All Season si muove senza esitazioni sulla superficie scivolosa; gli stessi driver provano poi la frenata su neve e anche qui gli spazi d'arresto cambiano sensibilmente, con la 500 All Season che si ferma prima della 500 "summer".

All Season in regola con le normative

Finita la dimostrazione posso finalmente provare di persona la resa del nuovo pneumatico quattro stagioni su cumuli di neve fresca, battua e ghiaccio; in tutte queste situazioni la direzionalità di marcia e lo spazio di frenata del Cinturato All Season mi pare avvicinarsi molto a quello delle gomme invernali, mentre solo in fase di accelerazione e partenza da fermo la performance sembra leggermente inferiore. Il grande vantaggio dimostrato anche in questa occasione è che con lo stesso pneumatico con cui si viaggia tutto l'anno, comprese le vacanze estive e il tragitto casa-lavoro, si può affrontare un'improvvisa nevicata o affrontare in sicurezza un passo autostradale, con la certezza di avere il giusto grip e di essere in regola con le normative vigenti in molte regioni italiane duranti i mesi invernali; il fianco marchiato con la scritta M+S e il simbolo dello "snowflake" nel profilo della montagna stanno a dimostrare la rispondenza a tutte le specifiche italiane ed europee.

Il Seal Inside ripara le forature

L'intensa giornata di prove del Pirelli Cinturato All Season si conclude con una rapida visita alla pista kart Santa Venera di Acireale (CT), per l'occasione inondata da pioggia artificiale nelle curve più difficili. Questa volta guido un'Audi A3 Sportback 2.0 TDI e come sempre apprezzo la precisione di guida sul bagnato in velocità, senza arrivare mai al galleggiamento della gomma che dimostra di saper espellere la pioggia molto velocemente. L'ultima dimostrazione è quella relativa alla tecnologia Seal Inside disponibile sull'All Season, ovvero il sistema autosigillante che ripara temporaneamente la gomma in caso di foratura e permette di raggiungere il gommista più vicino; con un chiodo mi diverto a bucare il battistrada del nuovo arrivato Pirelli per osservare con una telecamera interna il mastice-mescola che tappa il foro senza far sgonfiare la gomma. Tecnici e ingegneri di Pirelli fanno di più: ogni giorno forano con un chiodo le All Season Seal Inside della Fiat 500L che fa da apripista nelle varie prove e dopo sei buchi sul battistrada tutto procede come nulla fosse. Un accenno infine alla gamma del Pirelli Cinturato All Season, disponibile dalla prossima settimana con misure da 15, 16 e 17 pollici e un prezzo base riferito al set di quattro 205/55 16 di 330 euro (IVA e servizi esclusi); l'aggiunta della tecnologia Seal Inside fa salire il prezzo dello stesso set a quota 365 euro.

Autore:

Tag: Test , pneumatici , pneumatici invernali


Top