dalla Home

Curiosità

pubblicato il 26 gennaio 2015

Paul Newman, quanta passione per le auto

Oggi avrebbe compiuto 90 anni e noi ne ricordiamo l’amore per la pista

Paul Newman, quanta passione per le auto
Galleria fotografica - Paul Newman in visita alla FerrariGalleria fotografica - Paul Newman in visita alla Ferrari
  • Paul Newman in visita alla Ferrari - anteprima 1
  • Paul Newman in visita alla Ferrari - anteprima 2
  • Paul Newman in visita alla Ferrari - anteprima 3
  • Paul Newman in visita alla Ferrari - anteprima 4

Paul Newman ha vinto tre Oscar e interpretato più di 40 film, ma il suo nome è anche legato alla passione per le auto e c’è una sua bellissima frase che oggi, giorno in cui se fosse stato ancora in vita avrebbe compiuto 90 anni, vale la pena ricordare: “Sono stato un cattivo pugile, un deludente giocatore di football americano, di tennis, di badminton, un pessimo sciatore. Non ho mai avuto il dono della grazia nello sport. Poi un giorno mi son detto: ‘Sta' a vedere che invece sono un decente pilota…”. L’amore scoccò sul set di "Indianapolis pista infernale". Era il 1969 e con lui davanti alla macchina da presa c’era sua moglie Joanne Woodward. L’emozione fu così forte che Newman non si separò mai più dalle auto. Qualcosa di simile ci ricorda tristemente anche un altro Paul di Hollywood, Walker, che sul set di Fast and Furious si è innamorato di questo mondo arrivando a possedere una fantastica collezione di auto, fino al giorno in cui ha perso la vita in quel drammatico incidente (era il 2013).

Paul Newman ebbe l’opportunità di appassionarsi alle auto girando sul set insieme a piloti professionisti come Bobby Unser, Dan Gurney e Bobby Grim, che interpretavano se stessi. Un po’ come è successo anche a Patrick Dempsey che due anni fa a partecipato al Maserati Trofeo World Series assieme al pilota e stuntman Greg Tracy e nel 2013 è tornato alla 24 ore di Le Mans a bordo della Porsche 911 GT3 della scuderia Dempsey Del Piero Proton (la scuderia che ha fondato col calciatore italiano). Come lui anche Paul Newman era un gentleman-driver: bello, famoso e pilota non professionista. Newman esordì nel 1972 nel Campionato organizzato dallo Sport Car Club of America al volante di una Lotus Elan. In seguito vinse anche il Titolo nella categoria D-Production con una Triumph TR6. Poi arrivarono altri premi ed altre gare. Il meglio lo ottenne con Ferrari, Porsche e Ford e l’ultima gara fu a ben ottant’anni alla 24 Ore di Daytona del 2005. Fu anche titolare di alcune scuderie professionistiche, ma noi lo ricordiamo a Maranello, quando nel 2006, accompagnato da Jean Todt, provò in pista, a porte chiuse, la Ferrari 599 GTB Fiorano.

Autore:

Tag: Curiosità , cinema


Top