dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 13 gennaio 2015

Dossier Salone di Detroit 2015

Buick Avenir concept, lo stile GM del futuro

Forme sinuose e connettività al top per una grande berlina a trazione integrale

Buick Avenir concept, lo stile GM del futuro
Galleria fotografica - Buick Avenir conceptGalleria fotografica - Buick Avenir concept
  • Buick Avenir concept - anteprima 1
  • Buick Avenir concept - anteprima 2
  • Buick Avenir concept - anteprima 3
  • Buick Avenir concept - anteprima 4
  • Buick Avenir concept - anteprima 5
  • Buick Avenir concept - anteprima 6

La Buick Avenir concept rappresenta un'anticipazione del futuro stile General Motors e dell'evoluzione degli interni. La grande berlina al debutto al Salone di Detroit (12-25 gennaio 2015) ha proporzioni da ammiraglia, con 5.195 mm di lunghezza e 1.931 mm di larghezza, ma con forme aerodinamiche e aspetto muscoloso. In particolare, le pieghe inferiori e la linea di cintura muovono la fiancata fino ai possenti parafanghi posteriori, mentre il tetto si raccorda dolcemente al corto e sfaccettato volume di coda. Completano il quadro il frontale aerodinamico con la mascherina imponente a griglie verticali, ispirata alla storica Wildcat II, il lungo cofano anteriore, i fari full LED dalle firme caratteristiche e i grandi cerchi da 21".

Novità anche all'interno della Avenir concept, con un design a onde che si intersecano su fiancate, plancia e tunnel centrale attrezzato, avvolgendo completamente i quattro occupanti su poltroncine singole. Sono impiegati materiali di pregio classici, come la pelle, ma anche più originali come il bamboo e la seta. Protagonista è però il sistema di infotainment IntelliLink di nuova generazione, che sfrutta la strumentazione digitale e soprattutto il touchscreen da 12" a centro plancia, che raccoglie quasi tutti i comandi principali e alcune funzioni inedite: memorizzare le preferenze di infotainment del guidatore, impostare a distanza agli apparati elettrici di casa come le luci o la porta del garage, collegarsi a internet con una connessione 4G; inoltre, è presente un sistema di ricarica senza cavi per smartphone e tablet. Quanto alla meccanica, è previsto un V6 a iniezione diretta con cambio automatico a 9 marce e trazione integrale a doppia frizione; parte dei cilindri si disattivano a basse velocità per ridurre i consumi insieme al dispositivo start-stop, mentre il guidatore è in grado di scegliere la regolazione dell'assetto.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Prototipi e Concept , General Motors , auto americane , detroit


Top