dalla Home

Home » Argomenti » Carburanti alternativi

pubblicato il 9 gennaio 2015

Dossier CES 2015

Toyota, l'auto a idrogeno diventa open source

I giapponesi puntano sulle fuel cell invitando le altre Case a utilizzare grautitamente i suoi brevetti

Toyota, l'auto a idrogeno diventa open source
Galleria fotografica - Toyota MiraiGalleria fotografica - Toyota Mirai
  • Toyota Mirai - anteprima 1
  • Toyota Mirai - anteprima 2
  • Toyota Mirai - anteprima 3
  • Toyota Mirai - anteprima 4
  • Toyota Mirai - anteprima 5
  • Toyota Mirai - anteprima 6

La Toyota crede così fermamente nell'auto a idrogeno da permettersi di diffondere gratuitamente le sue tecnologie fuel cell a chiunque voglia contribuire allo sviluppo di questo nuovo tipo di mobilità. L'annuncio fatto al CES 2015 di Las Vegas riguarda la distribuzione "royalty-free" di ben 5.680 brevetti Toyota relativi alle automobili a celle a combustibile, inclusi quelli utilizzati per la realizzazione della nuova Mirai; di questi circa 1.970 riguardano le fuel cell, 290 i serbatoi dell'idrogeno ad alta pressione, 3.350 i software dei sistemi di controllo e 70 la produzione e la distribuzione dello stesso elemento chimico. Le licenze di utilizzo di questi brevetti saranno concesse senza oneri fino al 2020 ai produttori di auto a idrogeno (ma anche di autobus e macchine operatrici), di componenti e ai costruttori di stazioni di rifornimento.

L'idea che sta alla base di questa virata "open source" dell'auto a idrogeno Toyota è quella di condividere la fase iniziale di sviluppo di un prodotto e un mercato ancora tutto da inventare. Il colosso giapponese dell'auto valuta infatti che fra il 2015 e il 2020 ci sarà il lancio commerciale delle prime vetture fuel cell, momento in cui si renderà necessaria la "collaborazione fra produttori, autorità di governo, università e fornitori di energia". Per Toyota è quindi importante "eliminare i soliti confini aziendali per velocizzare e rendere più efficiente ed economico lo sviluppo di nuove tecnologie per il futuro della mobilità". La cosiddetta economia dell'idrogeno sembra quindi aver fatto un passo avanti, visto che la Casa delle Ellissi ha intenzione di chiedere uno scambio di brevetti "royalty-free" ai produttori di auto a idrogeno che utilizzeranno le sue tecnologie in questo settore.

Autore:

Tag: Tecnica , Toyota , idrogeno , auto giapponesi , auto elettrica , dall'estero


Top