dalla Home

Videogame

pubblicato il 17 dicembre 2014

Dossier Pit Game

Guidare come in un videogioco... supercar vere!

Abbiamo trasformato il nuovo THE CREW in realtà giocando auto in "carne ed ossa"

Galleria fotografica - OmniAuto.it interpreta The Crew by Ubisoft Galleria fotografica - OmniAuto.it interpreta The Crew by Ubisoft
  • OmniAuto.it interpreta The Crew by Ubisoft   - anteprima 1
  • OmniAuto.it interpreta The Crew by Ubisoft  - anteprima 2
  • OmniAuto.it interpreta The Crew by Ubisoft - anteprima 3
  • OmniAuto.it interpreta The Crew by Ubisoft - anteprima 4
  • OmniAuto.it interpreta The Crew by Ubisoft - anteprima 5
  • OmniAuto.it interpreta The Crew by Ubisoft - anteprima 6

Potremmo definirci dei car guys, o anche dei petrolheads, per dirla all’inglese. Gente per cui le auto sono chiodo fisso nel cervello. E ovviamente, siamo ragazzi che, prima di prendere la patente, siamo cresciuti a pane e videogiochi. Ora, per lavoro, abbiamo la fortuna di guidare spesso supercar da sogno e allora… ci è venuta l’idea di unire i due mondi. Il “pianeta” delle emozioni, del suono e della velocità legati alla guida di una sportiva vera, con quello del divertimento senza limiti garantito da un videogame: nello specifico il nuovo social driving game della Ubisoft, The Crew, dove in più c’è il bello di guidare insieme, collegati online su internet, scorazzando e facendo evoluzioni in gruppo.

Mondi paralleli che s'incontrano

Nel video di cui vi abbiamo già fatto vedere il trailer trovate il nostro parallelismo tra virtuale e reale, dove la “crew” di OmniAuto.it è formata da 4 fra gli oltre 130 modelli di auto riprodotte nel gioco: la Lamborghini Aventador da 700 CV e 350 all’ora, la mitica Nissan Skyline GT-R (come quella guidata da Paul Walker nei film di Fast & Furious), l’Abarth 595 Turismo con il cambio “giusto” (quello manuale) e la Jeep Grand Cherokee SRT con il suo 6.4 litri V8 all’americana. Della serie “there's no replacement for displacement”...

Il bello di quando lo "schema" diventa reale

Lo stage della nostra “partita” è l’Autodromo di Modena, dove abbiamo potuto guidare al limite in gruppo, comunicando via radio fra di noi come se fossimo in una chat e gustandoci attraverso i rispettivi parabrezza i sorpassi fra il gigante e la bambina (Jeep contro Abarth), o le sfide sul rettilineo fra il motore turbo alla giapponese della Nissan e il V12 aspirato all’italiana della Lambo, per non parlare delle staccate e dei traversi. Che erano tutte rigorsamente reali. Le auto però non le abbiamo giudicate. Perchè? Semplice: nei videogame bisogna pensare solo a divertirsi!

Leggi la recensione del gioco!

[Foto: Gianni Mazzotta & Carlo Favero]

Autore: Redazione

Tag: Videogame , guida sportiva , videogiochi


Top