dalla Home

Attualità

pubblicato il 15 dicembre 2014

Auto storiche, 36 emendamenti contro il bollo

I parlamentari chiedono di modificare la Legge di Stabilità mantenendo l'esenzione per le ultraventenni

Auto storiche, 36 emendamenti contro il bollo

Non ci sono solo scure nubi sui collezionisti di auto e moto storiche o chi semplicemente ama utilizzare qualche volta l'auto della giovinezza, magari mantenuta in funzione con tanti scarifici. Sull'articolo 3, comma 33 della Legge di Stabilità che prevede di abolire l'esenzione del bollo per le auto di età compresa fra i 20 e i 30 anni si è infatti abbattuta una valanga di 36 emendamenti e un ordine del giorno per la revisione della norma. Le forze politiche dei vari schieramenti presenti in Senato sembrano quindi aver accolto le richieste di modificha alla legge proposte da FMI e ASI, i due organismi preposti alla tutela degli interessi dei motociclisti e degli appassionati di auto d'epoca.

Lo scopo dei 36 emendamenti e dell'ordine del giorno specifico è quello di evitare lo scenario peggiore, quello che a fronte di un introito per lo stato di 78 milioni di euro di nuove tasse potrebbe portare ad un collasso del mercato dei veicoli storici. Secondo le stime dell'ASI il solo settore delle auto d'epoca genera in Italia un giro di affari di 650 milioni di euro per i lavori di manutenzione e restauro. Sia FMI che ASI stimano infatti che la cancellazione dell'attuale agevolazione porterebbe alla demolizione massiccia di molte "youngtimer" o alla loro vendita all'estero, con una perdita di incassi per l'erario che difficilmente andrebbe a compensare lo sfoltimento dei falsi veicoli storici.

Punti di vista per difendere le auto storiche

Le dichiarazioni dei presidenti di ASI ed ACI ad Auto e Moto d'Epoca 2014.

Autore:

Tag: Attualità , bollo auto , auto storiche


Top