dalla Home

Tecnica

pubblicato il 4 dicembre 2014

Volvo XC90, a grandi passi verso la sicurezza "totale"

Fra le due anteprime mondiali della nuova SUV svedese c'è anche il sistema che evita le collisioni

Volvo XC90, a grandi passi verso la sicurezza "totale"
Galleria fotografica - Volvo XC90, il sistema di assorbimento dell'energia verticale dopo un urtoGalleria fotografica - Volvo XC90, il sistema di assorbimento dell'energia verticale dopo un urto
  • Volvo XC90, il sistema di assorbimento dell\'energia verticale dopo un urto - anteprima 1
  • Volvo XC90, il sistema di assorbimento dell\'energia verticale dopo un urto - anteprima 2
  • Volvo XC90, il sistema di assorbimento dell\'energia verticale dopo un urto - anteprima 3
  • Volvo XC90, il sistema di assorbimento dell\'energia verticale dopo un urto - anteprima 4
  • Volvo XC90, il sistema di assorbimento dell\'energia verticale dopo un urto - anteprima 5
  • Volvo XC90, il sistema di assorbimento dell\'energia verticale dopo un urto - anteprima 6

Della Volvo XC90 sapete gia tutto: come l'hanno disegnata, di quali tecnologie multimediali l'abbiano letteralmente tempestata e di come rispetti l'ambiente. Certo, trattandosi di una Volvo, primaria importanza l'assume la sicurezza: la grossa SUV svedese è la prima al mondo ad avere un sistema che evita le collisioni con le auto che si incrociano: una protezione non da poco sia per chi sulla XC90 sta viaggiando, sia per chi dovesse trovarsi in "rotta" di collisione. Allo stesso modo, vi avevamo anticipato un'altra "prima" mondiale montata sulla nuova rivale di Audi Q7 e BMW X5: il sistema di assorbimento dell'energia verticale per la salvaguardia della spina dorsale. Se siamo venuti fino in Svezia, precisamente a Torslanda, dove la Volvo ha costruito una città nella città all'interno della municipalità di Göteborg, è perché gli svedesi volevano farci vedere come sono arrivati alla definizione di così tanti e sofisticati sistemi di sicurezza.

Basta un attimo

La situazione è idilliaca: papà, mamma e figlio di un anno e mezzo viaggiano nel totale relax su una delle interminabili statali svedesi, fra boschi e laghetti. La velocità non è elevatissima, ma non c'è fretta: oggi è festa. Sembra quasi una pubblicità del Mulino Bianco. Poi succede l'imponderabile: per ragioni non meglio identificate, il guidatore esce di strada, nonostante il dispositivo di abbandono involontario della carreggiata lo abbia ripetutamente avvisato del pericolo. L'immancabile fosso che costeggia quasi ogni strada svedese è una trappola alla quale non si può sfuggire: se vi sembra un evento piuttosto raro, quello di finire con le ruote in un fosso, sappiate che in Svezia e USA è uno degli incidenti più frequenti. Dicevamo: l'XC90 sulla quale viaggia l'ipotetica famiglia è ormai fuori controllo. Ma proprio quando ogni intervento umano è ormai inutile, inizia un'impressionante sequenza di operazioni coordinate da "santa" elettronica.

Il sedile che salva la spina dorsale

Innanzitutto, i chip capiscono quale tipo di sinistro sta per verificarsi, grazie ai sensori sparsi ovunque nella vettura che, attraverso algoritmi di una complessità rara, riconoscono l'avvenimento. Meno di un battito di ciglia dopo (al secondo 17 del video), le cinture di sicurezza anteriori vengono pretensionate mediante un motorino elettrico. Dopo che le ruote hanno toccato il fondo del fosso e le sospensioni hanno esaurito la propria corsa, ecco che entra in gioco (al secondo 25 del video) il sedile collassabile: in pratica, al di sopra di un certo valore di accelerazione, la struttura cede in maniera programmata, si avvicina al pavimento della vettura e riduce le sollecitazioni per la colonna vertebrale. Da qui e fino al secondo 45 del video, quando il veicolo procede su un fondo dissestato, il tensionamento elettrico della cintura continua, al fine di ridurre al minimo gli scuotimenti dei corpi. Infine, ma qui non ci sono novità, nel momento in cui si verifica l'impatto con la barriera che pone fine alla corsa della XC90, ecco innescarsi gli airbag, mentre il pedale del freno si sgancia per minimizzare le lesioni alle gambe.

Vision 2020, grazie Volvo

In Volvo sono instancabili, se si parla di sicurezza non conoscono mezze misure. Ecco perché, già qualche anno fa si sono posti un obiettivo a dir poco ambizioso conosciuto come Vision2020: nessuno, dal 2020, dovrà perdere la vita o rimanere seriamente ferito a seguito di un sinistro a bordo di una Volvo. La messa a punto del sistema di assorbimento dell'energia verticale è un importante passo in questa direzione e i numeri seguenti lo dimostrano: nel periodo 2001-2005, rispetto al 1991-1995, le lesioni gravi di tutti i generi i sono ridotte dal 7,5% al 2,8%. Se il confronto, riferito agli stessi periodi, lo si riferisce invece nello specifico delle lesioni toraciche e spinali, la riduzione è molto meno marcata: si passa dall'1% allo 0,8%. Numeri piccoli che non valgono l'investimento e la fatica? Subire una lesione spinale potrebbe significare rimanere in sedia a rotelle: anche solo uno di questi casi è già troppo. Ecco perché qui a Torslanda sono stati investiti parecchi milioni di corone svedesi per costruire e mettere a punto un area di crash test realistici. Già, perché agli uomini Volvo non basta ottenere le 5 stelle EuroNCAP a seguito di ben definite modalità di crash: qui si inseriscono quante più variabili possibili, per il miglioramento della sicurezza effettiva. Basti pensare, per esempio, che esiste una "pista" di lancio lunga più di 100 metri montata su cuscini d'aria attraverso i quali viene fatta ruotare: in questo modo, l'angolo di impatto fra il veicolo sulla "rampa" e quello che si trova alla fine della stessa è variabile a piacimento dai tecnici, che possono studiare le reazioni delle scocche in ogni situazione.

Galleria fotografica - Nuova Volvo XC90Galleria fotografica - Nuova Volvo XC90
  • Nuova Volvo XC90 - anteprima 1
  • Nuova Volvo XC90 - anteprima 2
  • Nuova Volvo XC90	   - anteprima 3
  • Nuova Volvo XC90 - anteprima 4
  • Nuova Volvo XC90	   - anteprima 5
  • Nuova Volvo XC90	   - anteprima 6

Volvo XC90, il crash test

Tutte le fasi di un crash test: ecco come la Volvo X90 è stata messa alla prova per mettere a punto i sistemi di sicurezza attiva e passiva.

Volvo XC90, il sistema di assorbimento dell'energia verticale dopo un urto

Come funziona il dispositivo dell'assorbimento dell'energia verticale, quando la vettura esce di strada.

Scheda Versione

Volvo XC90
Nome
XC90
Anno
2014
Tipo
Premium
Segmento
superiore
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Tecnica , Volvo , auto europee , sicurezza stradale


Listino Volvo XC90

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
D4 Geartronic Kinetic anteriore diesel 190 2 5 € 53.400

LISTINO

D4 Geartronic Kinetic 7posti 4x4 diesel 190 2.0 7 € 54.100

LISTINO

D5 AWD Geartronic Kinetic 4x4 diesel 235 2 5 € 57.500

LISTINO

T5 AWD Geartronic Kinetic 4x4 benzina 254 2 5 € 58.400

LISTINO

D5 AWD Geartronic 7 posti Kinetic 4x4 diesel 235 2 7 € 59.050

LISTINO

D4 Geartronic Momentum anteriore diesel 190 2 5 € 59.100

LISTINO

T5 AWD Geartronic Kinetic 7posti 4x4 benzina 254 2 7 € 59.950

LISTINO

D4 Geartronic Momentum 7posti anteriore diesel 190 2 7 € 60.650

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top