dalla Home

Curiosità

pubblicato il 2 dicembre 2014

Maserati è bolognese

I natali del Tridente celebrati in Via de' Pepoli 1, dove ebbe inizio l'avventura di Alfieri, Ernesto ed Ettore

Maserati è bolognese
Galleria fotografica - Maserati, 100 anni di modelliGalleria fotografica - Maserati, 100 anni di modelli
  • Maserati, 100 anni di modelli - anteprima 1
  • Maserati, 100 anni di modelli - anteprima 2
  • Maserati, 100 anni di modelli - anteprima 3
  • Maserati, 100 anni di modelli - anteprima 4
  • Maserati, 100 anni di modelli - anteprima 5
  • Maserati, 100 anni di modelli - anteprima 6

Una via centralissima, angusta e per molti versi anonima nel cuore di Bologna. Un indirizzo - Via de' Pepoli – che fino a poco tempo fa non diceva "nulla" neanche a chi vi abitava. Tanto meno il civico numero 1, dove ha sede un circolo culturale. Eppure questa strada oggi è su tutti i giornali e sarà ricordata per sempre come la casa natale della Maserati. E' la magia della storia di un marchio automobilistico glorioso universamente noto come "modenese" che ha deciso di celebrare le sue origini più intime. Perché è qui che comincio l'avventura dei tre fratelli Maserati, Alfieri, Ernesto ed Ettore, il 1° dicembre 1914, un secolo fa con l'apertura della prima officina. Ed da qui che la Maserati di oggi, quella globale, ha lanciato simbolicamente la sfida ai prossimi cent'anni.

Dove c'era un'officina

A Bologna c'erano tutti. A cominciare dal CEO Maserati Harald Wester. Il segno non scontato che i simboli possono fermare per un attimo anche l'attività frenetica di un Gruppo multinazionale. Ed è un bene perché il futuro si costruisce conoscendo innanzitutto il proprio passato. A maggior ragione se carico di storia, oggi testimoniata da Carlo e Alfieri Maserati, rispettivamente figli di Ettore ed Ernesto, i due fratelli che nel l 1914 erano al fianco di Alfieri quando presentò la "denuncia di esercizio individuale" nel vicino Palazzo della Mercanzia, allora come oggi sede della Camera di Commercio di Bologna. Le denominazione? "Officina meccanica per riparazioni automobili e garage". Ma quello, appunto, era solo l'inizio...

Una targa per non dimenticare

Il Comune di Bologna ha riconosciuto ufficialmente la storicità del luogo con una targa commemorativa che segna una volta per tutte l'origine bolognese del marchio che migrò a Modena nel 1939, quando il controllo dell'azienda passò alla famiglia Orsi. E questo è il testo della targa che da oggi tutti possono leggere: In questo edificio il 1° dicembre 1914 nacque la "Società Anonima Officine Alfieri Maserati." Grazie al genio e al lavoro di Alfieri e dei fratelli Ettore, Ernesto e Bindo l'azienda conquisterà fama e prestigio internazionali contribuendo a far conoscere nel mondo l'eccellenza dell'identità industriale di Bologna". Per non dimenticare l'orgine emiliana, ma soprattutto italiana di un marchio automobilistico che per fortuna sarà sempre e orgogliosamente made in Italy. A prescindere dalla nazionalità del Gruppo di che lo controlla.

Autore:

Tag: Curiosità , Maserati


Top