dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 28 novembre 2014

BMW Serie 3 plug-in hybrid, potenza ed efficienza

Il prototipo marciante da 245 CV anticipa l’elettrificazione della media tedesca, con 35 km di autonomia a batteria

BMW Serie 3 plug-in hybrid, potenza ed efficienza
Galleria fotografica - BMW Serie 3 plug-in hybrid prototipoGalleria fotografica - BMW Serie 3 plug-in hybrid prototipo
  • BMW Serie 3 plug-in hybrid prototipo - anteprima 1
  • BMW Serie 3 plug-in hybrid prototipo - anteprima 2
  • BMW Serie 3 plug-in hybrid prototipo - anteprima 3
  • BMW Serie 3 plug-in hybrid prototipo - anteprima 4
  • BMW Serie 3 plug-in hybrid prototipo - anteprima 5
  • BMW Serie 3 plug-in hybrid prototipo - anteprima 6

L'avanzare della tecnologia ibrida plug-in applicata alle automobili è come una valanga che non trova ostacoli e ingloba ogni cosa sul suo percorso. BMW non è fuori da questa traiettoria rivoluzionaria e si prepara alla svolta tecnologica portando l'elettrificazione "alla spina" dalla quasi irraggiungibile i8 alla più popolare Serie 3, presentata sotto forma di prototipo marciante proprio con il nome di BMW Serie 3 plug-in hybrid. Lo scopo di questa innovazione epocale per la Casa di Monaco è quello di fornire potenza ed efficienza in un colpo solo, ottenendo dai motori a quattro cilindri prestazioni degne delle migliori sei cilindri. A confermare questa volontà ci pensano i dati tecnici della BMW Serie 3 plug-in hybrid prototipo che unisce il quattro cilindri benzina Efficient Dynamics con tecnologia TwinPower Turbo al motore elettrico per esprimere una potenza di 245 CV e un picco di coppia massima di 400 Nm. Il tutto ovviamente condito da un consumo combinato di 2 l/100 km, un'autonomia puramente elettrica di 35 km e una velocità massima elettrica di 120 km/h.

La batteria ruba poco spazio

Il prototipo BMW Serie 3 plug-in hybrid, per ora ritratto solo con le camuffature che si addicono ad ogni muletto di auto nella fase sperimentale, sfrutta la parte elettrica BMW eDrive già utilizzata su i3 e i8, compresa la batteria ad alta tensione agli ioni di litio ospitata sotto il piano del bagagliaio. L'elettronica di potenza unisce invertitore raffreddato a liquido e due motori elettrici che trasmettono la loro potenza alle ruote posteriori attraverso il cambio automatico Steptronic a 8 marce. La possibile integrazione del sistema ibrido plug-in nei prossimi modelli BMW ha spinto i tecnici tedeschi a valutare ogni aspetto pratico della questione, come dimostra il bagagliaio di volumetria appena ridotta rispetto alle altre Serie 3 e il mantenimento anche sul prototipo dello schienale posteriore ribaltabile.

Il navigatore suggerisce la guida ideale

Per la gestione intelligente del nuovo sistema di trazione la BMW Serie 3 plug-in hybrid utilizza gli stessi comandi già presenti sulle versioni di serie, con un pulsante che permette di scegliere fra le modalità di guida Comfort, Sport ed Eco Pro. Questi settaggi intervengono come al solito sul funzionamento del cambio e sull'assetto, ma anche sul nuovo propulsore ibrido, privilegiando di volta in volta la guida comoda ed efficiente, quella sportiva o quella più efficiente possibile. Con l'inedita funzione Max eDrive si passa alla guida esclusivamente elettrica, mentre la modalità Save Battery permette di mantenere la carica o ricaricare la batteria quando questa è al di sotto del 50%. Il navigatore della BMW Serie 3 plug-in hybrid è dotato di un apposito Preview Assistant che mostra l'autonomia e calcola la migliore strategia di guida basandosi sull'utilizzo della vettura, ma anche sul profilo altimetrico del percorso impostato, sui limiti di velocità e su eventuali problemi di traffico rilevati in tempo reale dal sistema BMW ConnectedDrive.

Scegli Versione

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Bmw , auto europee , auto ibride


Top