dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 21 novembre 2014

Volkswagen Golf SportWagen HyMotion, l'idrogeno familiare

La Variant sperimentale sfrutta il pianale MQB e la cella a combustibile per fare 500 km con un pieno di gas

Volkswagen Golf SportWagen HyMotion, l'idrogeno familiare
Galleria fotografica - Volkswagen Golf SportWagen HyMotionGalleria fotografica - Volkswagen Golf SportWagen HyMotion
  • Volkswagen Golf SportWagen HyMotion - anteprima 1
  • Volkswagen Golf SportWagen HyMotion - anteprima 2
  • Volkswagen Golf SportWagen HyMotion - anteprima 3
  • Volkswagen Golf SportWagen HyMotion - anteprima 4
  • Volkswagen Golf SportWagen HyMotion - anteprima 5
  • Volkswagen Golf SportWagen HyMotion - anteprima 6

Da 40 anni la Volkswagen Golf ha il difficile compito di dettare le regole e gli standard che governano il mercato delle automobili compatte, quello delle berline a 5 porte che oggi sembra minacciato dall'avanzata di SUV e crossover. Il ruolo di capofila del segmento C la Golf se l'è guadagnato sul campo con più di 30 milioni di esemplari venduti al mondo, ma anche svolgendo il lavoro di auto laboratorio per l'esplorazione di nuove strade: alle varie GTI, GTD, R e alle recenti TGI a metano, e-Golf elettrica e GTE ibrida plug-in si aggiunge ora la Golf SportWagen HyMotion alimentata ad idrogeno e con 136 CV di potenza.

Il pianale MQB è adatto anche alla fuel cell

Presentata al Salone di Los Angeles (21-30 novembre 2014), la Golf SportWagen HyMotion non è altro che la versione americana della familiare Golf Variant, ma con trazione elettrica alimentata da cella a combustibile a idrogeno. L'idea è quella di dimostrare la fattibilità tecnica ed economica di una vettura fuel cell, una volta superati i problemi di diffusione delle infrastrutture di distribuzione dell'idrogeno. Il "jolly" della Casa tedesca, ovvero il pianale MQB modulare trasversale della Golf è risultato adatto anche all'installazione di un complesso sistema fuel cell che consuma l'idrogeno contenuto nelle apposite bombole in fibra di carbonio per percorrere fino a 500 km ed emettere allo scarico solo vapore acqueo. Per fare il pieno nei pochi distributori di idrogeno esistenti al mondo la Golf SportWagen HyMotion impiega circa tre minuti, mentre per raggiungere i 100 km/h da fermo occorrono 10 secondi netti.

La batteria supplementare dà una spinta in più

La cella a combustibile ha una potenza di 100 kW (136 CV), fa muovere il motore elettrico preso dalla e-Golf ed è assistita da una batteria ad alto voltaggio agli ioni di litio nella fase di avviamento e nei momenti in cui è richiesta la massima potenza, come fosse un turbo; questa viene ricaricata con l'energia cinetica di frenate e decelerazioni. L'unità a celle a combustibile è alloggiata davanti al posto del motore termico, in compagnia del motore elettrico, della trasmissione monomarcia coassiale, del sistema di raffreddamento e del convertitore che regola il voltaggio dell'insieme. Sopra l'assale posteriore è piazzata la batteria agli ioni di litio, vicino alla classica batteria a 12 volt, mentre sotto i sedili posteriori sono ospitati due serbatoi per l'idrogeno e altri due sotto il bagagliaio. Questi sono realizzati in materiale composito con fibra di carbonio e contengono l'idrogeno allo stato gassoso ad una pressione di 700 bar.

Scheda Versione

Volkswagen Golf Variant
Nome
Golf Variant
Anno
2013
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
Wagon
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Volkswagen , idrogeno , auto europee


OmniAuto.it | 500

Pagina non disponibile

 

Siamo spiacenti, la pagina che hai richiesto non è raggiungibile.

Il server di OmniAuto.it è temporaneamente fuori servizio. Riprova fra qualche minuto...

Errore 500: Internal Server Error.

Top
Top