dalla Home

Test

pubblicato il 18 novembre 2014

Audi Q3, un lifting per rimanere al top

Migliorata ovunque, la più piccola delle SUV Audi vuole conservare la leadership di mercato

Audi Q3, un lifting per rimanere al top
Galleria fotografica - Audi Q3 restyling 2015Galleria fotografica - Audi Q3 restyling 2015
  • Audi Q3 restyling 2015 - anteprima 1
  • Audi Q3 restyling 2015 - anteprima 2
  • Audi Q3 restyling 2015 - anteprima 3
  • Audi Q3 restyling 2015 - anteprima 4
  • Audi Q3 restyling 2015 - anteprima 5
  • Audi Q3 restyling 2015 - anteprima 6

Non è mai stata un'auto capace di accendere discussioni o attirare l'attenzione. Fecero molto più parlare di sé Q7 e Q5, tanto per capirci. Le ragioni di questa “indifferenza” nei confronti della Q3 non sono chiare, ma una cosa è certa: Audi metterebbe la firma, affinché le cose andassero in questo modo con ogni sua auto. La Q3 è infatti la seconda SUV più venduta nel nostro Paese nei primi 10 mesi del 2014, la prima in assoluto fra quelle compatte premium: le sue rivali sono BMW X1 e Mercedes GLA. Certo, la seconda, che è appena entrata a pieno regime nelle vendite e ne minaccia la leadership, ma visto che in Audi non sono degli sprovveduti, ecco la risposta: il restyling della loro SUV compatta. Le modifiche interessano il design e la meccanica, con motori tutti sovralimentati ed Euro 6 che tagliano le emissioni di CO2 in media del 17%, nonostante l'aumento di potenza, nel caso dei 2.0 TDI, da 140 e 177 CV a 150 e 184 CV. Le vendite inizieranno a febbraio del prossimo anno.

Una “tiratina” leggera

Perché cambiare quando si è i primi della classe? Per non cedere lo “scettro” ad altri, per esempio. Soprattutto quando gli altri, in questo caso la Mercedes, schierano una novità fresca – la già citata GLA - proprio con l'obiettivo di toglierti il primato. Detto questo, se è vero che non si può dormire sugli allori, è vero anche che una rivoluzione non avrebbe avuto senso. Si spiega così la mano leggera tenuta dai designer Audi: le differenze maggiori si concentrano nel frontale, ma per coglierle appieno si devono guardare gli esemplari con carrozzeria scura. In questo caso, infatti, spicca la nuova cornice cromata che mette in evidenza il single frame e lo collega ai fari anteriori, i quali a loro volta sono stati rivisti e sono ora dotati di tecnologia xeno plus e LED per le luci diurne (di serie). A proposito di fari, sono disponibili come optional anche quelli completamente a LED, per una maggiore potenza luminosa e un minor assorbimento energetico. In questo caso, Audi li abbina agli indicatori di direzione dinamici nei gruppi ottici posteriori: in pratica, gli indicatori di direzione si accendono in sequenza, indicando in due decimi di secondo la direzione della svolta.

Dentro nessuna novità

Da buona Audi, si è sempre contraddistinta per l'ottima realizzazione degli interni: la plancia, dal design avvolgente, rivestita con plastica morbida e con inserti in alluminio, assicura una percezione tattile e visiva di qualità. La posizione gode inoltre di ampie regolazioni, mentre il neo più evidente è rappresentato dall'accessibilità al sedile posteriore, leggermente compromessa dalle portiere strette. Una volta dentro, comunque, lo spazio non manca di certo, sia per le ginocchia sia per la testa e le spalle. Detto questo, il restyling ha interessato molto marginalmente qualche rivestimento e qualche abbinamento di colore.

Rassicurante come tutti la vogliono

Il cliente medio, uomo o donna che sia, difficilmente cerca emozioni di guida e con la Q3 va sul sicuro, in tutti i sensi. Un po' perché la tedesca è facilissima da guidare, un po' perché il telaio, leggermente rivisto nelle tarature, si conferma prima di tutto al riparo da sorprese: si può impegnare fin che si vuole in un cambio di direzione improvviso, tanto lei non tradirà. Primo perché la vettura è “sana” di base, secondo perché comunque l'ESP è sempre pronto a mettere la fatidica pezza. Ciò che conta di più è il comfort: l'assorbimento è ottimale, seppure le sospensioni non siano cedevoli, mentre l'isolamento acustico è più che buono e, solo al di sopra dei 120 km/h, emerge qualche fruscio in più rispetto a quello cui si è abituati sulle berline dei Quattro Anelli (ma solo per una questione, ovvia, di altezza della carrozzeria). Ineccepibile il 2.0 TDI da 150 CV: non solo spinge forte e senza “buchi” fra 1.300 e 4.200 giri, ma rispetto alla vecchia unità da 140 CV è anche migliorato nettamente dal punto di vista della silenziosità e delle vibrazioni, ora quasi del tutto assenti. In chiusura, mi sono concesso un giro anche sulla “giostra” RS Q3: 340 CV di pura cattiveria, che appagano tanto in accelerazione e ripresa; peccato che l'asfalto bagnato e le strade rettilinee dei dintorni di Monaco di Baviera non mi abbiano permesso di valutare il telaio fra le curve.

Già ordinabile a prezzi da 31.900 euro

Il lancio ufficiale è programmato per febbraio del prossimo anno, ma la vettura è già ordinabile presso la Rete di concessionari. Il listino parte dai 31.900 euro della 1.4 TFSI da 150 CV a trazione anteriore (il prezzo non cambia se si vuole il COD: il Cylinder on Demand che disattiva due cilindri in determinate situazioni al fine di ridurre i consumi), mentre i TDI partono dai 32.700 euro della 2.0 da 150 CV a trazione anteriore con cambio manuale. La 2.0 TDI a trazione integrale costa invece 2.100 euro in più, mentre il cambio automatico S tronic (ordinabile dal primo trimestre del 2015) è proposto a 2.200 euro.

Galleria fotografica - Audi RS Q3 restyling 2015 Galleria fotografica - Audi RS Q3 restyling 2015
  • Audi RS Q3 restyling 2015  - anteprima 1
  • Audi RS Q3 restyling 2015  - anteprima 2
  • Audi RS Q3 restyling 2015  - anteprima 3
  • Audi RS Q3 restyling 2015  - anteprima 4
  • Audi RS Q3 restyling 2015  - anteprima 5
  • Audi RS Q3 restyling 2015  - anteprima 6

Scheda Versione

Audi Q3
Nome
Q3
Anno
2011 (restyling del 2014)
Tipo
Premium
Segmento
compatte
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Audi , auto europee


Listino Audi Q3

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2.0 TDI 120cv anteriore diesel 120 2 5 € 30.200

LISTINO

2.0 TDI 120cv anteriore diesel 120 2.0 5 € 30.200

LISTINO

1.4 TFSI anteriore benzina 125 1.4 5 € 30.250

LISTINO

2.0 TDI 120cv Sport anteriore diesel 120 2 5 € 31.600

LISTINO

2.0 TDI 120cv Design anteriore diesel 120 2 5 € 31.600

LISTINO

2.0 TDI 120cv Sport anteriore diesel 120 2.0 5 € 31.600

LISTINO

2.0 TDI 120cv Design anteriore diesel 120 2.0 5 € 31.600

LISTINO

1.4 TFSI Design anteriore benzina 125 1.4 5 € 31.650

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top