dalla Home

Home » Argomenti » Pneumatici

pubblicato il 12 novembre 2014

Dossier Viaggiare d’inverno, speciale pneumatici invernali

Cambio gomme, le 5 regole per scegliere quelle invernali

Per non prendere fregature è bene tenere a mente queste considerazioni

Cambio gomme, le 5 regole per scegliere quelle invernali
Galleria fotografica - Gomme invernali o catene da neve? Ecco come scegliereGalleria fotografica - Gomme invernali o catene da neve? Ecco come scegliere
  • Gomme invernali o catene da neve? Ecco come scegliere - anteprima 1
  • Gomme invernali o catene da neve? Ecco come scegliere - anteprima 2
  • Gomme invernali o catene da neve? Ecco come scegliere - anteprima 3
  • Gomme invernali o catene da neve? Ecco come scegliere - anteprima 4
  • Gomme invernali o catene da neve? Ecco come scegliere - anteprima 5
  • Gomme invernali o catene da neve? Ecco come scegliere - anteprima 6

Siamo agli sgoccioli, sabato 15 novembre scattano tutte le ordinanze, quelle che ancora non sono entrate in vigore, e che rendono obbligatori su alcuni tratti stradali gli pneumatici invernali (o le catene da neve a bordo). C’è una gran corsa dal gommista, ma come per ogni altro tipo di affare frettoloso si rischia di pagare di più o addirittura di non trovare le gomme termiche adatte alla propria auto. Ma come si scelgono gli pneumatici invernali? Ne abbiamo parlato con Fabio Bertolotti, Direttore di Assogomma. “Uno studio del Politecnico di Torino ha dimostrato che l’utilizzo di un doppio treno di gomme dà origine non ad un maggiore costo, come qualcuno può pensare (facendo semplicemente il confronto tra l’acquisto di quattro gomme rispetto a due catene), ma rappresenta addirittura un risparmio economico - ha detto -; questo naturalmente se si fa un confronto sull’intero ciclo di vita della vettura (quando si utilizzano gli pneumatici estivi quelli invernali sono a riposo e viceversa, quindi i due treni di gomme non si consumano contemporaneamente…). Ciò premesso, i consigli su come scegliere le gomme invernali senza prendere fregature si possono riassumere in una lista di 5 “regole” che è bene tenere a mente quando ci si reca in officina. Eccole di seguito.

1. Riconoscere i simboli

Partiamo dal principio: parlare di pneumatici invernali, da neve e termici è la stessa cosa. Sono lo stesso prodotto e si riconoscono dal simbolo con il fiocco di neve (snowflake) incorniciato dalla sagoma di una montagna, che si trova sul fianco esterno (o spalla) della ruota. Accanto ci deve essere la marcatura M+S (ovvero “MS”, “M/S”, “M-S”, “M&S”). Prima dell’acquisto controllate quindi che le gomme abbiano i simboli giusti. Per saperne di più qui c’è l’approfondimento su come si legge l’etichetta degli pneumatici.

2. Occhio alla marca

Oggi ci sono soluzioni per tutti i portafogli. Quella ottimale, secondo Bertolotti, “è quella di indirizzare i propri acquisti verso pneumatici di marche premium, cioé conosciute, perché offrono sempre prodotti all’avanguardia, in continua evoluzione, che danno garanzie in termini di performance ed offrono la possibilità di spaziare (hanno tutte le misure). Ma esistono anche altri prodotti, i second brand o addirittura le terze linee delle marche meno note, che comunque hanno le carte in regola, seppure non al massimo delle prestazioni, per offrire comunque sicurezza”.

3. No all’affare del secolo

Quello che va evitato è sicuramente l’affare del secolo. Se qualcuno pensa di acquistare delle gomme è bene che faccia gli opportuni confronti. Il Direttore di Assogomma ci ha fatto l'esempio di un cartello che ha visto qualche giorno fa: ‘Si vendono gomme invernali nuove a partire da 22 euro a gomma’. “Credo che chiunque si possa rendere conto che bisogna farci attenzione”. Indicare una cifra minima oltre la quale non scendere è difficile perché ci sono tante variabili, di prezzo, di misura… Nel valutare la concorrenza ricordiamo che questa si esercita in punti percentuali e se tra un prodotto e un altro ci sono condizioni commerciali diverse del 50-70% è bene che ci si metta in allarme. Cliccate qui per avere qualche idea in più sui prezzi, tenendo presente che ci possono essere anche delle promozioni in corso.

4. Agire al momento giusto

Purtroppo per questo suggerimento siamo già in ritardo, ma è utile per i prossimi mesi. L’automobilista attento dovrebbe prenotare il cambio gomme per tempo e, come ci ha confermato Bertolotti, per non rischiare file o ritardi è bene farlo già a settembre. Riguardo all’acquisto di gomme invernali, invece, il periodo di riferimento è maggio-giugno, quando si rimontano le gomme estive: l’offerta è più ampia e le condizioni d’acquisto più vantaggiose.

5. Il gommista fa la differenza

Un orientamento logico è andare a comprare le gomme dai gommisti (ovvio che è meglio se di fiducia). E qui il Direttore di Assogomma ha specificato l’importanza che siano dei “professionisti” ovvero che facciano solo quello di mestiere (in Italia ce ne sono circa 10mila). “Questo perché ormai la professione della rivendita specializzata delle gomme è stata liberalizzata - dice -. Il gommista professionista non solo monta e smonta le gomme, ma fa un’equilibratura, un assetto… dà assistenza sia nella fase di montaggio che nella scelta della gomma stessa tenendo in considerazione le esigenze pratiche e della capacità di spesa dell’automoblista”.

Un’ultima considerazione: per fare un confronto rapido, Internet è un buon alleato; ci sono diversi siti su cui è possibile confrontare i prezzi delle gomme e farsi un’idea prima di recarsi in officina.

Autore:

Tag: Da Sapere , pneumatici , pneumatici invernali


Top