dalla Home

Tecnica

pubblicato il 5 novembre 2014

Crash Test Euro NCAP, quelle 5 stelle imperfette

Bisogna fare di più per la protezione dal colpo di frusta e la sicurezza dei bambini. Renault Megane e Suzuki Celerio si fermano a 4 e 3 stelle

Crash Test Euro NCAP, quelle 5 stelle imperfette
Galleria fotografica - Crash Test Renault Megane restylingGalleria fotografica - Crash Test Renault Megane restyling
  • Crash Test Renault Megane restyling - anteprima 1
  • Crash Test Renault Megane restyling - anteprima 2
  • Crash Test Renault Megane restyling - anteprima 3
  • Crash Test Renault Megane restyling - anteprima 4
  • Crash Test Renault Megane restyling - anteprima 5
  • Crash Test Renault Megane restyling - anteprima 6

Ormai lo sappiamo bene: ottenere le 5 stelle con le nuove regole dei Crash Test Euro NCAP non è facile. I dispositivi di sicurezza attiva fanno la differenza perché la loro disponibilità o meno pesa molto nella valutazione finale (e quindi di solito le city car sono penalizzate) e poi ci sono le altre novità (come i manichini più elaborati). Però anche chi ha avuto 5 stelle ha delle lacune nella sicurezza passiva per la protezione dei passeggeri in caso di incidente e c’è ancora molto da fare per la sicurezza dei bambini. Qualche sorpresa però ci può essere e tra le ultime sei auto messe alla prova brilla positivamente la nuova Skoda Fabia. Le 5 stelle non sono scontate nel segmento B ed il sistema di frenata d’emergenza assistita (in questo caso un optional, come sulla Nissan Pulsar) l’ha aiutata. Era più prevedibile invece il buon risultato delle vetture di segmento superiore, come la BMW Serie 2 Active Tourer, ed ovviamente dell’elettrica per eccellenza: Tesla Model S, il regolatore di velocità è stato molto apprezzato dai giudici. Hanno invece pagato la carenza degli ultimi ritrovati per l’assistenza alla guida la Suzuki Celerio, che ha superato il test con 3 stelle, e la Renault Megane restyling (4 stelle). Tutti i modelli esaminati presentano comunque di serie il Controllo Elettronico della Stabilità (ESC), appena diventato obbligatorio sulle nuove immatricolazioni.

Occhio al colpo di frusta

Entrando nel dettaglio bisogna citare il caso della protezione dal colpo di frusta, molto scarsa per i passeggeri posteriori di Suzuki Celerio e Skoda Fabia e appena sufficiente per quelli sui sedili anteriori della Nissan Pulsar. A rischio invece la parte inferiore delle gambe negli urti frontali per chi è al volante della BMW Serie 2 Active Tourer, mentre i livelli di protezione del torace offerti dalla Tesla Model S si sono dimostrati poco soddisfacenti nella più severa prova laterale del palo. Nei test di impatto frontale la Model ha evidenziato errori del software che regola l’airbag del passeggero, poi risolti dalla casa californiana.

Bambini e pedoni sono ancora l’anello debole

Pure nella protezione dei più piccoli sono emerse criticità: la Suzuki ha mostrato serie lacune nella tutela dei bimbi di tre anni in caso di urto frontale, mentre la Tesla e la BMW hanno conseguito risultati migliori. La complessità di installazione del seggiolino ha comunque penalizzato la Tesla Model S e la Skoda Fabia nella valutazione complessiva. Tesla e Nissan scontano anche qualche difficoltà nella disattivazione dell’airbag lato passeggero. I danni provocati ai pedoni da cofani e paraurti in caso di investimento hanno penalizzato, seppure in diversa misura, le pur buone performance degli altri modelli testati, sottolineando soprattutto la necessità di intervenire sul margine anteriore del cofano, in particolare sulle aree più decentrate. Solo la Nissan si è distinta in questo ambito. “I risultati dei crash test EuroNCAP dimostrano come le auto di nuova generazione offrano livelli di sicurezza attiva e passiva sempre più elevati – ha commentato il presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani –. E’ quindi necessario dare un forte impulso alla modernizzazione del parco auto circolante, che ha ormai raggiunto un’anzianità media di 9 anni e mezzo, davvero eccessiva per poter accelerare nei prossimi anni quel processo di riduzione della mortalità stradale che l’Europa ci impone”. Di seguito i risultati.

BMW Serie 2 Active Tourer 5 stelle

84% adulti
85% bambini
60% pedoni
70% dispositivi di sicurezza attiva

Nissan Pulsar 5 stelle

84% adulti
81% bambini
75% pedoni
68% dispositivi di sicurezza attiva

Renault Megane restyling 4 stelle

83% adulti
78% bambini
60% pedoni
56% dispositivi di sicurezza attiva

Nuova Skoda Fabia 5 stelle

81% adulti
81% bambini
69% pedoni
69% dispositivi di sicurezza attiva

Suzuki Celerio 3 stelle

61% adulti
74% bambini
68% pedoni
38% dispositivi di sicurezza attiva

Tesla Model S 5 stelle

82% adulti
77% bambini
66% pedoni
71% dispositivi di sicurezza attiva

Galleria fotografica - Crash Test BMW Serie 2 Active TourerGalleria fotografica - Crash Test BMW Serie 2 Active Tourer
  • Crash Test BMW Serie 2 Active Tourer - anteprima 1
  • Crash Test BMW Serie 2 Active Tourer - anteprima 2
  • Crash Test BMW Serie 2 Active Tourer - anteprima 3
  • Crash Test BMW Serie 2 Active Tourer - anteprima 4
  • Crash Test BMW Serie 2 Active Tourer - anteprima 5
  • Crash Test BMW Serie 2 Active Tourer - anteprima 6
Galleria fotografica - Crash Test Tesla Model SGalleria fotografica - Crash Test Tesla Model S
  • Crash Test Tesla Model S - anteprima 1
  • Crash Test Tesla Model S - anteprima 2
  • Crash Test Tesla Model S - anteprima 3
  • Crash Test Tesla Model S - anteprima 4
  • Crash Test Tesla Model S - anteprima 5
  • Crash Test Tesla Model S - anteprima 6
Galleria fotografica - Crash Test Nissan PulsarGalleria fotografica - Crash Test Nissan Pulsar
  • Crash Test Nissan Pulsar - anteprima 1
  • Crash Test Nissan Pulsar - anteprima 2
  • Crash Test Nissan Pulsar - anteprima 3
  • Crash Test Nissan Pulsar - anteprima 4
  • Crash Test Nissan Pulsar - anteprima 5
  • Crash Test Nissan Pulsar - anteprima 6
Galleria fotografica - Crash Test Suzuki CelerioGalleria fotografica - Crash Test Suzuki Celerio
  • Crash Test Suzuki Celerio - anteprima 1
  • Crash Test Suzuki Celerio - anteprima 2
  • Crash Test Suzuki Celerio - anteprima 3
  • Crash Test Suzuki Celerio - anteprima 4
  • Crash Test Suzuki Celerio - anteprima 5
  • Crash Test Suzuki Celerio - anteprima 6
Galleria fotografica - Crash Test nuova Skoda FabiaGalleria fotografica - Crash Test nuova Skoda Fabia
  • Crash Test nuova Skoda Fabia - anteprima 1
  • Crash Test nuova Skoda Fabia - anteprima 2
  • Crash Test nuova Skoda Fabia - anteprima 3
  • Crash Test nuova Skoda Fabia - anteprima 4
  • Crash Test nuova Skoda Fabia - anteprima 5
  • Crash Test nuova Skoda Fabia - anteprima 6

Autore:

Tag: Tecnica , crash test


Top