dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 30 ottobre 2014

BMW Creative Lab, l’edizione 2014 l’ha vinta l’abbigliamento “LINK”

Alla prima classificata, Serena Bonomi, uno stage di 12 mesi in BMW e Napapijri

BMW Creative Lab, l’edizione 2014 l’ha vinta l’abbigliamento “LINK”
Galleria fotografica - BMW Creative Lab 2014Galleria fotografica - BMW Creative Lab 2014
  • BMW Creative Lab 2014 - anteprima 1
  • BMW Creative Lab 2014 - anteprima 2
  • BMW Creative Lab 2014 - anteprima 3
  • BMW Creative Lab 2014 - anteprima 4
  • BMW Creative Lab 2014 - anteprima 5
  • BMW Creative Lab 2014 - anteprima 6

Trovare soluzioni per l’abbigliamento che si possono interfacciare con l’intermodalità di oggi. Questa è la sfida che BMW Creative Lab ha lanciato quest’anno ai giovani designer che studiano in Italia. L’iniziativa di BMW Group Italia, nata nel 2012 in cooperazione con BMW DesignworksUSA (studio di Monaco), si è svolta in collaborazione con Napapijri e attraverso il tema “Apparel design for smart mobility” ha spinto i ragazzi a creare capi d’abbigliamento che consentono di muoversi in modo multifunzionale passando dall’auto ai mezzi pubblici, dalla bici ai trasferimenti a piedi, in pieno comfort. La vincitrice si chiama Serena Bonomi e per lei adesso c’è uno stage di 12 mesi presso le due aziende (6 mesi in BMW DesignworksUSA, Munich Studio, e 6 mesi presso Napapijri, VF International).

La giuria tecnica - composta da Sonja Schiefer (Director Munich studio BMW DesignworksUSA), Andrea Cannelloni (Presidente Napapijri), Michele Capuani (Architetto), Moreno Ferrari (Fashion Designer), Aldo Colonetti (Filosofo) e Roberto Olivi (Corporate Communications BMW Group Italia) - ha scelto il suo progetto “LINK COLLECTION” perché analizza le diverse attività che possono entrare in gioco durante un viaggio, andando oltre la dimensione estetica. I “Link” sono dei collegamenti iconici che accompagnano il viaggiatore in tutte le tappe del percorso. Di seguito elenchiamo gli altri progetti:

Francesca Pievani: Con_Tact nasce con l'intento di agevolare il commuter nella fruizione e nella sua percezione dei mezzi di trasporto, agendo su tre macro aree: il comfort, l'igiene e la percezione umana. Tessuti specifici ed accorgimenti strutturali, per un capo che diviene estensione del corpo e delle sue necessità, dettagli studiati per trasformare il viaggio in un momento positivo della vita del cittadino, avvolgendolo in una piacevole sensazione di protezione e comodità. Contact rappresenta uno strumento facile ed immediato che vuole migliorare la qualità di ogni spostamento.

Emmanuel Zonta: Edi & EtaBeta, un prodotto che comunica già attraverso la ricerca dei materiali per enfatizzare il valore emozionale di viaggi in posti unici e difficili da raggiungere. Il viaggio interpretato dal punto di vista del nomadismo, un progetto modulato sulle esigenze del commuter, bisogni funzionali ed emozionali studiati attraverso elementi di sostenibilità, visibilità e portabilità degli oggetti. Un prodotto che comunica già attraverso la ricerca dei materiali per enfatizzare il valore emozionale di viaggi in posti unici e difficili da raggiungere.

Alice Alfaroli: Flash Jacket “How to Wear Urban”, uno studio che parte dalla luce all’interno dei contesti metropolitani interpretata come corpo e sostanza e che rappresenta l’ispirazione principale del progetto. Materiali luminescenti che rimandano alle luci delle città per dare vita a un concept che comunichi un vero e proprio lifestyle urbano attraverso una combinazione tra influenze urbane e attitudine fashion non convenzionale.

Uros Krstic: Monarch System, un progetto che fa della portabilità dell’oggetto il suo focus principale, per realizzare una soluzione completa che soddisfi pienamente le esigenze dei viaggiatori attraverso la creazione di un capo estremamente versatile, che non sia solo facilmente indossabile ma anche trasportabile. Un sistema unico studiato per garantire una mobilità totale dei movimenti per sposare completamente lo spirito dei viaggiatori.

Alfredo Carreno: Kokoon, un concept la cui analisi principale si basa sull’idea del vivere la città al massimo e al meglio attraverso l’adozione di abitudini sostenibili e la scelta di prodotti green. Un progetto studiato appositamente per i bambini, un prodotto che si propone come il perfetto compagno di viaggio per godersi la città, grazie ad un sistema capace di ridurre gli effetti nocivi dovuti ai forti tassi di smog e a una bassa qualità dell’aria.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Bmw , concorsi


Top