dalla Home

Test

pubblicato il 28 ottobre 2014

Alfa Romeo Giulietta Sprint, in pista col 1.4 MultiAir

A Balocco con la versione speciale da 150 CV che celebra i 60 anni di un mito del Biscione

Alfa Romeo Giulietta Sprint, in pista col 1.4 MultiAir
Galleria fotografica - Alfa Romeo Giulietta Sprint 2014Galleria fotografica - Alfa Romeo Giulietta Sprint 2014
  • Alfa Romeo Giulietta Sprint 2014 - anteprima 1
  • Alfa Romeo Giulietta Sprint 2014 - anteprima 2
  • Alfa Romeo Giulietta Sprint 2014 - anteprima 3
  • Alfa Romeo Giulietta Sprint 2014 - anteprima 4
  • Alfa Romeo Giulietta Sprint 2014 - anteprima 5
  • Alfa Romeo Giulietta Sprint 2014 - anteprima 6

La storia dell'Alfa Romeo Giulietta ve l'abbiamo raccontata di recente. Un mito, più che un'auto, che nel 2014 ha spento 60 candeline; data la portata della ricorrenza e il ruolo che la Giulietta ha avuto nella sua storia, l'Alfa Romeo ha deciso di festeggiarla con un allestimento chiamato Sprint, in onore di una delle varianti più amate di questo modello. La nuova versione si differenzia dal resto della gamma grazie ad alcuni elementi più estetici che funzionali e per il nuovo motore MultiAir 1.4 da 150 CV, che va a completare l'offerta già nota, composta da: 1.4 MultiAir TurboBenzina 170 CV - con cambio automatico a doppia frizione Alfa TCT – e, fra i turbodiesel, dall'1.6 JTDM 105 CV, dal 2.0 JTDM 150 CV e dal 2.0 JTDM 175 CV; anche quest'ultimo con Alfa TCT. Non manca la variante a doppia alimentazione, ovvero la 1.4 Turbo GPL da 120 CV.

Poche differenze, che però non sfuggono all’occhio esperto

Una scritta Sprint sul passaruota, cerchi in lega specifici e poi qualche dettaglio qua e là: la Sprint è diversa dalle altre Giulietta, ma non eccede con le personalizzazioni. Nel dettaglio, le modifiche interessano il paraurti posteriore con tanto di estrattore aerodinamico e le minigonne laterali. Ancora, i segni particolari della Sprint rispetto alle altre Giulietta sono i terminali di scarico maggiorati, i cerchi in lega Sprint 17" a 5 fori (a pagamento quelli da 18"), i vetri posteriori oscurati e le finiture lucide, in tinta antracite, su calandra, maniglie, calotte degli specchi retrovisori e cornici dei fendinebbia.

Abitacolo "total black"

Nero su nero: la Sprint è una Giulietta molto scura, nell'abitacolo. Colpiscono la mia attenzione i sedili Sprint, rivestiti in tessuto e Alcantara e caratterizzati dalle impunture in rosso, oltre che dal logo sui poggiatesta. Di serie sono anche il volante in pelle con cuciture rosse, la plancia e i pannelli porta rivestiti da pannelli in tinta carbonio. Nero, dicevamo: in questa tonalità sono anche i tappetini in velluto. Non ci sono differenze, invece, per quello che riguarda ergonomia, abitabilità e qualità degli interni, che ricalcano al 100% quelli delle altre Giulietta.

Su strada, la solita - ottima - Giulietta

Il lavoro dell'Alfa Romeo non si è però esaurito solo al "vestito", dato che sotto il cofano c'è ora un nuovo motore, l'1.4 MultiAir (dunque a benzina) da 150 CV. Un motore capace di spingere la compatta italiana fino a 201 km/h di velocità massima e, da 0 a 100 km/h, in 8,2 secondi. Proprio questo è il motore su cui mi sono concentrato. Un quattro cilindri vellutato e sempre pronto alle richieste dell'acceleratore, ma certamento non sportivo, come del resto c'era da aspettarsi, visto che si tratta di una variante "mediana" della gamma. Il contributo del turbo si fa sentire con decisione già a 1.400 giri e la spinta non ha tentennamenti fino a 5.200 giri, soglia oltre la quale non ha senso spingersi, sia dal punto di vista prestazionale, sia da quello ecologico. Per il resto, la Giulietta è la solita compatta che adora il misto, sia esso stretto o veloce: la tenuta è elevatissima, lo sterzo molto rapido (anche se non sensibilissimo) e il retrotreno sempre molto fedele. Il tutto, senza ricorrere a un assetto che fa scricchiolare le vertebre: l'assorbimento è più che buono sia negli avvallamenti sia sull'asfalto rotto della città. Peccato solo per il cambio manuale a sei rapporti, dagli innesti abbastanza gommosi e poco precisi.

Prezzi da 25.900 euro

La Giulietta Sprint è venduta a prezzi compresi fra 25.900 euro (1.4 Turbo Benzina 150 CV) e 31.200 euro (2.0 JTDM da 175 CV con cambio automatico Alfa TCT). La dotazione di serie include: cerchi in lega Sprint 17" a 5 fori, paraurti posteriore sportivo, terminali di scarico maggiorati, sedili Sprint rivestiti in tessuto e Alcantara con cuciture rosse e logo su poggiatesta, finiture interne in tinta carbonio, climatizzatore automatico bizona, fendinebbia e sedile passeggero regolabile in altezza.

Scheda Versione

Alfa Romeo Giulietta
Nome
Giulietta
Anno
2010 (restyling del 2013) - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Alfa Romeo , auto italiane , anniversari


Listino Alfa Romeo Giulietta

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.4 Turbo Benzina 105cv EU6 Impression anteriore benzina 105 1.4 5 € 19.750

LISTINO

1.4 Turbo Benzina 105cv EU6 Progression anteriore benzina 105 1.4 5 € 21.750

LISTINO

1.4 Turbo Benzina 120cv EU6 Progression anteriore benzina 120 1.4 5 € 22.500

LISTINO

1.4 Turbo Benzina GPL 120cv Impression anteriore GPL 120 1.4 5 € 22.750

LISTINO

1.4 Turbo Benzina 120cv EU6 Distinctive anteriore benzina 120 1.4 5 € 23.900

LISTINO

1.6 JTDm 105cv EU5+ Progression anteriore diesel 105 1.6 5 € 24.200

LISTINO

1.4 Turbo Benzina GPL 120cv Progression anteriore GPL 120 1.4 5 € 24.750

LISTINO

1.6 JTDM 120cv EU6 Progression anteriore diesel 120 1.6 5 € 24.750

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top