dalla Home

Curiosità

pubblicato il 27 ottobre 2014

Dossier #MIFACCIOUNCLASSICO

Peugeot 205 GTI, eccola prima del gran restauro

La seconda puntata di #MIFACCIOUNCLASSICO

Galleria fotografica - Peugeot 205 GTi prima del restauroGalleria fotografica - Peugeot 205 GTi prima del restauro
  • Peugeot 205 GTi prima del restauro - anteprima 1
  • Peugeot 205 GTi prima del restauro - anteprima 2
  • Peugeot 205 GTi prima del restauro - anteprima 3
  • Peugeot 205 GTi prima del restauro - anteprima 4
  • Peugeot 205 GTi prima del restauro - anteprima 5
  • Peugeot 205 GTi prima del restauro - anteprima 6

Lo avete visto: la 205 GTI l’ho cercata, l’ho scelta e, alla fine, me la sono portata a casa. Ma prima ho dovuto “studiare”, perchè un conto è conoscere a memoria la scheda tecnica dell’automobile che v’interessa, un altro è capire come sceglierla minimizzando la probabilità di prendere un fregatura. Che è sempre dietro l'angolo (per definizione!).

Colui che tutto sa delle Peugeot

Anche il sottoscritto si è fatto “consigliare”, perché nessuno nasce imparato quando si tratta di fare le pulci ad un’auto particolare con più di due decenni sulle spalle. Per evitare sorprese potete studiare le monografie dedicate o i manuali di officina, consultare la rete oppure, meglio ancora, parlare con un esperto. Io ho la fortuna di conoscere un “guru” della materia: Daniele Bellucci, fondatore e curatore della Galerie Peugeot di San Gimignano è una vera e propria autorità nel settore e, anche sulle 205. Tant'è che il libro che compare più volte in questi video lo ha scritto lui. Di GTi ne possiede diverse, e ne ha guidate tantissime, per non parlare dei restauri che ha portato a termine nei tanti anni di appassionata carriera. E’ stato lui a consigliarmi di scegliere una versione speciale (come per esempio Plus, Action o Gentry), perchè sono quelle più pratiche nell'utilizzo quotidiano: oltre al servosterzo e al climatizzatore (all'epoca erano di serie sui 1.9) ci sono pure gli interni in pelle che sono più facili da  sistemare...

La 205 GTi al microscopio!

L’emozione della trattativa, la foga di chiudere e portarsela a casa. Poi quando l’avete in garage è il momento di passarla al microscopio, con calma, per individuare tutte quelle imperfezioni che avevate già notato in al primo appuntamento. Poi viene il momento di guidarla nuovamente, ascoltare la meccanica e cercare di interpretare ogni vibrazione e ogni scricchiolio. L’obiettivo? Arrivare preparati da meccanico, carrozziere e tappezziere, sapendo già consigliarli sugli interventi necessari e, magari, ordinare per tempo i ricambi necessari per guadagnare tempo in fase di restauro. Così ho fatto, ma il risultato lo vedrete nella prossima puntata. Dunque continuate a seguirci qui su OmniAuto.it, ma anche su Facebook e Twitter. Memorizzate l’hashtag #MIFACCIOUNCLASSICO, mentre se volete provare a vincere la Peugeot 205 1.9 GTi che sto restaurando, iscrivetevi al concorso www.gtiisback.it.

Autore:

Tag: Curiosità , Peugeot , auto storiche


Top