dalla Home

Interviste

pubblicato il 23 ottobre 2014

Nuova Skoda Fabia, alla conquista degli italiani

Francesco Cimmino, direttore Skoda in Volkswagen Group Italia, parla di come e perché è un prodotto che funziona

Nuova Skoda Fabia, alla conquista degli italiani
Galleria fotografica - Skoda Fabia 2015Galleria fotografica - Skoda Fabia 2015
  • Skoda Fabia 2015 - anteprima 1
  • Skoda Fabia 2015 - anteprima 2
  • Skoda Fabia 2015 - anteprima 3
  • Skoda Fabia 2015 - anteprima 4
  • Skoda Fabia 2015 - anteprima 5
  • Skoda Fabia 2015 - anteprima 6

Una campionessa nella vendite, ma non in Italia. In Europa (UE+Efta) Skoda è il marchio numero 10 con il 4,4% di quota con punte dell’8% in Austria e volumi che alla fine dell’anno supereranno per la prima volta il milione di unità con l’obiettivo di raggiungere 1,5 milioni per il 2018. E dal 1999 la Fabia ha venduto 3,5 milioni di unità sostando spesso nella top ten delle vendite per modello. Skoda insomma funziona dappertutto, mentre in Italia raccoglie meno dell’1% ed è ancora percepito come il figlio di un dio minore. Ce la farà la nuova Fabia finalmente ad imporsi aprendo anche da noi la strada per l’affermazione del marchio di Mladà Boleslav? Secondo Francesco Cimmino, direttore della divisione Skoda di Volkswagen Group Italia, ha tutte le carte per riuscirci, a cominciare dal nuovo stile che veste la migliore tecnologia offerta dal gruppo Volkswagen per il pianale, la sicurezza, i motori e l’entertainment. Nuovi elementi che si uniscono all’intelligenza tipica delle vetture del marchio che vuol dire: spaziosità, praticità e qualità, i valori che finora hanno fatto trasformato Skoda da una casa di oltrecortina a un marchio di successo globale.

OA: Skoda, un marchio che sta ottenendo risultati commerciali, progressi nei numeri e nell’immagine...
Cimmino: “Skoda ha cominciato quest’anno quella risalita di cui aveva tanto bisogno. Diciamo che siamo a +22% rispetto all’anno scorso e anche se non parliamo di grandissimi numeri, per noi è un fatto importante. E questo salto è dovuto essenzialmente all’Octavia, che sta lavorando benissimo non solo per nelle flotte, ma anche con la versione G-Tec a metano presso la clientela privata”.

OA: Crescita nelle vendite e nell’immagine. Tutto questo è importante, ma allo stesso tempo è anche questione delicata per la presenza di altri marchi generalisti all’interno del gruppo. Come sta lavorando la vostra strategia?
Cimmino: “La strategia di Skoda è che noi non siamo la cenerentola del gruppo e stiamo anzi crescendo nel mondo in maniera importante. Quest’anno superiamo il milione di automobili, siamo il decimo brand in Europa e cresciamo a vista d’occhio in tutti i paesi. Il problema è che in Italia bisogna riuscire a convincere le persone che Skoda non è un brand low cost, ma che mette nelle proprie automobili tutto il meglio della tecnologia e oggi lo fa anche con in design innovativo. Fabia fa vedere chiaramente il salto in avanti di Skoda anche dal punto di vista dello stile”.

OA: Skoda ha avuto un cammino coerente e lineare che l’ha portata comunque ad imporsi soprattutto nei mercati esteri e lo si è visto anche dalle classifiche di vendita, con la Fabia che si è ritrovata spesso e volentieri nella top ten europea. Tutto questo però non è successo assolutamente in Italia. Perché?
Cimmino: “Questa è una domanda piuttosto complicata. E la ringrazio di avermela fatta (ride). Evidentemente c’è un retaggio culturale che bisogna assolutamente eliminare. In passato sentir parlare di Skoda non era qualcosa di molto attraente. Se oggi però in Svizzera è il secondo marchio, se in Austria abbiamo l’8%, una quota 8 volte più grande della nostra, se appena passate le Alpi succede tutto questo, ci sarà un motivo, soprattutto se si considera che stiamo parlando di mercati dove c’è grande attenzione alla qualità, alla funzionalità e al rapporto tra prezzo e contenuti”.

OA: Che cosa ha invece in più questa Fabia rispetto alla precedente, in particolare per convincere il cliente italiano e imporsi finalmente anche da noi?
Cimmino: “Prima di tutto è una macchina completamente nuova, ridisegnata da zero e che, dal punto di vista del product design, è un’auto che prende tutti gli elementi dell’ultima generazione del gruppo per le motorizzazioni, l’entertainment e il pianale. Questo consente di avere una vettura che ha fatto un po’ di dieta ed è più leggera di prima e consumi estremamente contenuti attraverso le nuovo motorizzazioni Euro6, a tutto vantaggio dei clienti che la sceglieranno. Inoltre la Fabia offre il massimo della sicurezza: ha di serie il controllo della pressione degli pneumatici e l’RBS, un sistema che consente di asciugare i dischi freno quando piove e dunque garantisce una frenata immediata e sicura e contribuisce a creare una vita a bordo più serena. I sistemi di connettività di bordo poi sono all’avanguardia, con il MirrorLink che permette al proprio smartphone di specchiarsi all’interno della vettura”.

OA: Un’altra caratteristica particolare della Fabia è la grande affermazione che ha avuto con la variante Wagon (oltre il 30% dei volumi, ndr). Questo può rappresentare un punto di forza anche per l’Italia oppure puntate solo sulla 5 porte?
Cimmino: “No, assolutamente. Noi puntiamo su entrambe le versioni, perché la Wagon acquisisce rispetto alla precedente uno stile molto distintivo e particolare e in quella categoria di vetture la competizione è molto ridotta quindi ci sono grandissime opportunità sia sul mercato delle flotte sia dei privati che hanno bisogno di più spazio a bordo. Il suo bagagliaio è decisamente al top della categoria, ma per ora non voglio dire tutto…”.

OA: Un’altra caratteristica di quest’auto che spesso viene dimenticata è la sportività. La Fabia detiene il titolo italiano ed europeo rally. Che cosa farete per esaltarla?
Cimmino: “Intanto siamo partiti dal design. È un’auto completamente ridisegnata che, grazie a questa Tornado line che circonda la vettura, ha forza e stazza. È più larga di prima, con i cerchi da 17 pollici è più sportiva di prima ed è possibile personalizzare anche le tinte di tetto, specchietti e cerchi con combinazioni che sono sicuramente sportive”.

OA: Skoda ha annunciato una novità ogni sei mesi da qui al 2017. Che cosa dobbiamo attenderci?
Cimmino: “Skoda sta lavorando alacremente su tutta la gamma. Ci sarà una grossa novità che riguarda evidentemente la nostra ammiraglia, ma questo lo scopriremo nella seconda metà del 2015 che si annuncia pieno di fuochi d’artificio”.

Scheda Versione

Skoda Fabia
Nome
Fabia
Anno
2010 (restyling del 2015)
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Interviste , Skoda , interviste


Listino Skoda Fabia

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.0 MPI 60cv Active anteriore benzina 60 1 5 € 12.520

LISTINO

1.0 MPI 60cv Business anteriore benzina 60 1 5 € 13.150

LISTINO

1.0 MPI 44kW Design Edition anteriore benzina 60 1 5 € 13.580

LISTINO

1.0 MPI 44kW Ambition anteriore benzina 60 1 5 € 13.580

LISTINO

1.0 MPI 44kW Twin Col.Des.Ed. Argento anteriore benzina 60 1 5 € 14.080

LISTINO

1.0 MPI 44kW Twin Col.Des.Ed. Nero anteriore benzina 60 1 5 € 14.180

LISTINO

1.0 MPI 55kW Ambition anteriore benzina 75 1 5 € 14.480

LISTINO

1.0 MPI 55kW Design Edition anteriore benzina 75 1 5 € 14.480

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top