dalla Home

Attualità

pubblicato il 22 ottobre 2014

Dossier Auto e Salute

Colpo di sonno, ogni anno causa 2 incidenti su 10

Per prevenirlo è partita la campagna SLEEP STOP che invita a risposare 15-20 minuti se si è stanchi di guidare

Colpo di sonno, ogni anno causa 2 incidenti su 10

Il colpo di sonno non è uno scherzo. Ne sentiamo parlare spesso e forse proprio per questo la sensazione di molti automobilisti è che si tratti di una sciocchezza. In verità il calo dell’attenzione, i riflessi poco pronti e la stanchezza causano circa 3.500 incidenti stradali l’anno solo nel Comune di Roma, 4.300 nella provincia, 5.200 nel Lazio ed oltre 40.000 in Italia. In pratica parliamo del 22% di tutti i sinistri registrati. Per questo l’Automobile Club Roma ha organizzato oggi il primo appuntamento della campagna di sicurezza stradale SLEEP STOP, promossa da ACI e TTI (Tavolo Tecnico Intersocietario “Sonnolenza e Sicurezza nei Pazienti OSAS”) con il supporto della FIA per sensibilizzare ed educare i conducenti sui rischi della sonnolenza al volante.

Fermarsi a riposare 15-20 minuti fa la differenza

Gli studi scientifici condotti dai medici specialisti del TTI hanno dimostrato che gli incidenti dovuti al sonno sono molto gravi, soprattutto sulla rete extraurbana, con un rischio di mortalità più che doppio rispetto a quelli determinati da altre cause. La campagna SLEEP STOP, presentata il 6 settembre scorso a Monza in occasione del Gran Premio di Formula 1, vuole aumentare la consapevolezza dei guidatori ed invitarli ad una breve sosta di non oltre 20 minuti se si sentono particolarmente stanchi. Quest’accortezza può fare la differenza e tutti gli automobilisti sono invitati a collaborare compilando un questionario pubblicato sul sito www.aci.it e su quello dell’AC Roma www.roma.aci.it.

Il progetto è legato all’Ue

Come ha spiegato il presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani, il progetto SLEEP STOP “rientra nell’ambito del più ampio FIA Road Safety Grant Programme che ha assegnato all’ACI un importante riconoscimento per il costante impegno a favore di una mobilità più sicura e responsabile. La campagna contro la sonnolenza al volante è collegata all’iniziativa My World, con cui la FIA e tutti gli Automobile Club internazionali danno voce agli automobilisti per sollecitare il riconoscimento della sicurezza stradale tra le priorità di azione dell’ONU”. Ricordiamo che l'Ue a settembre è intervenuta sul tema con una direttiva invitando gli stati membri, e quindi anche l'Italia, a porre ai patentati domande sui disturbi del sonno.

Le prossime tappe

L’Automobile Club Roma è il primo ente territoriale ad avviare sul piano operativo la campagna. Le prossime tappe, che contano sul supporto di partner pubblici e privati (come Bosch), si svolgeranno a Firenze (6 novembre), Lecce (10 novembre), Genova (12 novembre), Caltanissetta (21 novembre) e Torino (28 novembre).

Autore:

Tag: Attualità , sicurezza stradale , salute


Top