dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 21 ottobre 2014

Dossier Nuovo Codice della strada

Il nuovo Codice della Strada avrà "poche norme, ma efficaci”

Il sottosegretario al ministero della Giustizia, Cosimo Maria Ferri, parla così della riforma in corso

Il nuovo Codice della Strada avrà "poche norme, ma efficaci”

Il nuovo Codice della Stradasarà snello. “Non servono tante norme, ma poche purché chiare ed efficaci”. Ne è convinto Cosimo Maria Ferri, sottosegretario al ministero della Giustizia, uno degli uomini chiave per il settore della sicurezza stradale in Italia (già protagonista nel settore risarcimenti Rca, in difesa dei diritti di automobilisti e motociclisti), parlando della riforma del Codice della Strada. Il testo, lo ricordiamo, è passato alla Camera ed è al vaglio al Senato. “Parlamento e Governo stanno lavorando in questo senso: semplificazione, efficienza, prevenzione ed educazione - spiega Ferri -. Gli automobilisti devono prestare più attenzione per tutti ed in particolare per gli tenti deboli”.

Ferri è infatti convinto che per rendere le nostre strade più sicure si debba partire dalle scuole, dagli studenti, “ai quali dobbiamo spiegare l'importanza dell'educazione stradale, della cultura della legalità, del rispetto delle regole. Le istituzioni sono molto impegnate anche su questa strada”. E poi, oltre alla prevenzione ovvero alla formazione di automobilisti responsabili, c’è l’altra parte della medaglia, quella delle sanzioni. L’ergastolo della patente è una - se non “la” - novità più importante del nuovo Codice della strada (in totale ve ne abbiamo riassunte 11). Si tratta del ritiro a vita della patente a chi causa incidenti gravi dopo aver assunto alcol o droga. Adesso, in questi casi, la licenza di guida viene ritirata temporaneamente, ma molti automobilisti sono recidivi. Anche per questo, assicura Ferri, il Governo ed il Parlamento “daranno risposte concrete”.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , codice della strada


Top