dalla Home

Novità

pubblicato il 28 marzo 2007

Peugeot 207 GTI

Peugeot 207 GTI
Galleria fotografica - Peugeot 207 GTIGalleria fotografica - Peugeot 207 GTI
  • Peugeot 207 GTI - anteprima 1
  • Peugeot 207 GTI - anteprima 2
  • Peugeot 207 GTI - anteprima 3
  • Peugeot 207 GTI - anteprima 4
  • Peugeot 207 GTI - anteprima 5
  • Peugeot 207 GTI - anteprima 6

La 207 GTI si presenta al mercato come naturale erede della celebrata 206 GTI. Per attualizzare i principi che hanno decretato il successo di quest'ultima, i progettisti francesi hanno dovuto armonizzare e far convivere anime ed esigenze diverse, quali sicurezza passiva, dotazioni e comfort (ovvero un maggior peso) con tenuta di strada, handling e reattività; inoltre le prestazioni meccaniche dovevano essere elevate, ma rispettose dell'ambiente ed infine era necessaria un estetica sportiva, ma comunque senza eccessi.

Quest'ultimo aspetto viene sottilmente evidenziato dalle modanature nere dei finestrini, dai diversi specchietti retrovisori, da bei cerchi a 9 razze da 17 pollici e pneumatici 205/45 R17W, da un doppio scarico sportivo - nell'aspetto e ancor più nel sound - ed infine da uno spoiler montato sulla parte superiore del lunotto.

La vettura, nella filosofia Peugeot, vuole essere un prodotto di nicchia in grado di trainare il resto della gamma. Per caratterizzare la particolarità di quest'auto, l'interno ha solo 4 posti ed è caratterizzato dai due sedili anteriori avvolgenti che assicurano una tenuta lombare e laterale perfetta, da un volante in pelle di diametro ed impugnatura sportiva che telegrafa esattamente posizione e "lavoro" delle ruote alle mani del pilota. Bella e funzionale la pedaliera in alluminio ed infine il cambio, con pomello sempre in alluminio, ben manovrabile e resistente anche a qualche "violenza"; buona la leggibilità della strumentazione a parte il contagiri che a nostro avviso avrebbe potuto essere di diametro maggiore.

Dovendo scendere per forza di cose a qualche compromesso, Peugeot ha messo a punto un'auto dalla doppia personalità: eccellente nelle prestazioni stradali e disponibile, al contempo, per accompagnarvi comodamente ad una serata al cinema o al teatro: non siamo alla quadratura del cerchio, ma iniziamo ad avvicinarci.

La nostra prova su strada si è svolta nell'entroterra di Nizza, su un percorso urbano ed extraurbano che comprendeva anche le strade ove si sono corse due prove speciali del Rallye di Montecarlo.
La GTI - che così si chiama in Italia in omaggio alla sua celebre ava 206, mentre nel resto del mondo si chiamerà RC - ha confermato le sue caratteristiche double-face, sopravvivendo senza problemi ad incolonnamenti cittadini per poi scatenarsi verso limiti veramente elevati.
Messa alla frusta, su un tipo di strade che sono da sempre un selettivo banco di prova per uomini e mezzi, ha digerito con disinvoltura curve di traverso, prime inserite al volo al centro di tornanti stretti da 30 km/h con cambio di pendenza a centro curva e tratti di misto veloce - anche in discesa - da quarta e quinta in appoggio, da concludere con frenate estremamente decise.
In tali circostanze l'impianto frenante, dopo essere stato sollecitato a lungo, ha mostrato segni di fading con leggero allungamento della corsa del pedale e diminuzione di efficacia, peraltro rapidamente recuperata dopo un ritorno a ritmi di guida normali.
L'assetto è ovviamente rigido, ma senza arrivare all'effetto tavola di concorrenti più estreme e l'accenno di rollio, dovuto appunto a sospensioni non esasperatamente rigide, si traduce in un appoggio sulle ruote esterne, peraltro facilmente controllabile.
L'elettronica non è invasiva e lascia intatto il piacere della guida correggendo efficacemente eventuali esuberanze del driver; si basa sul nuovo sistema SSP (Steering Stabilty Program) che fa dialogare, in frenata, l'ESP ed il servosterzo consentendo al guidatore una correzione della direzione "aiutata" da una ripartizione della frenata.

A parte le doti telaistiche e della ciclistica, le emozioni sono garantite dal propulsore benzina di 1.6 litri 16 valvole, iniezione diretta e compressore twin-scroll sviluppato in collaborazione con BMW, in grado di erogare 175 cavalli a 6000 giri/minuto (è lo stesso motore della MINI Cooper S). Un regime di tutta sicurezza per un motore turbo a iniezione diretta che spinge la vettura a sino 220 km/h e che la fa scattare da 0 a 100 km/h in 7,1 secondi (il chilometro con partenza da fermo si percorre in 27,8 secondi mentre il passaggio 80-120 km/h in 5° marcia in 7).

La nuova 207 GTI è già ordinabile in concessionaria ad un prezzo base chiavi in mano di 22.800 Euro. Trattandosi della versione top di gamma 207, è previsto un equipaggiamento di serie molto ricco che comprende tra le altre cose i sensori di parcheggio, il cruise control, i sensori di perdita di pressione dei pneumatici, l'accensione automatica di proiettori e tergicristalli nonchè i retrovisori esterni elettrici. Sottointesi sono ABS, ESP (più SSP) e una batteria di 6 airbag.

Scheda Versione

Peugeot 207 Plus 3 porte
Nome
207 Plus 3 porte
Anno
2006 (restyling del 2009) - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
2 volumi
Porte
3 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Giovanni Notaro

Tag: Novità , Peugeot


Top