dalla Home

Test

pubblicato il 18 ottobre 2014

Dossier #perchécomprarla

Nissan Juke restyling, perché comprarla... e perché no [VIDEO]

Ha un bagagliaio più grande e si può personalizzare molto. Il carattere invita a premere sull’acceleratore, ma per il portafogli è meglio di no

Galleria fotografica - Nissan Juke restylingGalleria fotografica - Nissan Juke restyling
  • Nissan Juke restyling - anteprima 1
  • Nissan Juke restyling - anteprima 2
  • Nissan Juke restyling - anteprima 3
  • Nissan Juke restyling - anteprima 4
  • Nissan Juke restyling - anteprima 5
  • Nissan Juke restyling - anteprima 6

Ci sono auto che non passano inosservate, come la Nissan Juke. Questo curioso incrocio fra un SUV, una coupé e una citycar lo conosciamo dal 2010 e adesso, con il restyling di metà carriera, si è arricchito di fari a LED, indicatori di direzione sugli specchietti e di un programma di personalizzazione molto ricco. Così risponde alla crescente voglia dei clienti di distinguersi, ma proprio perché si tratta di un modello così particolare può non piacere. In questo #perchécomprarla abbiamo constatato quant’è cambiata, se è migliorata e come va su strada.

Pregi e difetti

La Nissan Juke si conferma, anche con il restyling, una dei crossover più compatti del mercato (è lunga 4 metri e 14 centimetri). Il bagagliaio è migliorato (ora parte da 354 litri), però solo per le versioni a due ruote motrici, e c’è una mensola che con un gesto permette di raddoppiare lo spazio. L’abitacolo è molto “plasticoso”, ma si percepisce qualità ed è un effetto voluto caratterizzato dal tunnel centrale d’ispirazione motociclistica. Il navigatore è facile da usare ed ha una grafica elementare, mancano tuttavia i comandi vocali. La posizione di guida rialzata aiuta ad avere un’ottima percezione del frontale, mentre dietro è diverso perché i vetri sono piccoli e serve l’aiuto della retrotelecamera. Il 1.2 turbo benzina da 115 CV è silenzioso e scattante, una caratteristica che, unita all’assetto un po’ rigido, induce a dare gas a tutto svantaggio del portafogli (ma non del divertimento).

Qual è la migliore

Su questa versione c’è il Nissan Dynamic Control System che permette di scegliere tre modalità di guida: Normal, Sport ed Eco. Chi si muove in città fa bene ad usare quest’ultima, la Normal è piacevole per viaggiare e la Sport va riservarla alle occasioni “speciali”, quando ci si vuole divertire o serve tutta la potenza. Occhio però ai consumi. Fuori città si risparmia un po’, ma se fate molti chilometri o avete il piede pensate per consumare poco è preferibile il diesel 1.5.

Sul nostro Trovauto potete fare i confronti con la concorrenza e sul Listino trovate tutte le schede tecniche, gli equipaggiamenti, gli accessori ed i prezzi.

Scheda Versione

Nissan Juke
Nome
Juke
Anno
2010 (restyling del 2014)
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Nissan , auto giapponesi , guida all'acquisto


Listino Nissan Juke

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.6 Visia Zero anteriore benzina 94 1.6 5 € 16.350

LISTINO

1.6 Visia anteriore benzina 117 1.6 5 € 16.650

LISTINO

1.6 Young anteriore benzina 94 1.6 5 € 16.650

LISTINO

1.6 5MT Visia anteriore benzina 94 1.6 5 € 17.150

LISTINO

1.5 dCi Visia anteriore diesel 110 1.5 5 € 18.050

LISTINO

1.5 dCi Visia New anteriore diesel 110 1.5 5 € 18.050

LISTINO

1.6 Acenta anteriore benzina 117 1.6 5 € 18.550

LISTINO

1.6 Eco Visia anteriore GPL 117 1.6 5 € 18.650

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top