dalla Home

Attualità

pubblicato il 8 ottobre 2014

Ferrari, Montezemolo dice addio a Maranello

Molti i selfie scattati insieme ai dipendenti. Al suo posto dal 13 ottobre ci sarà Sergio Marchionne

Galleria fotografica - Ferrari, Montezemolo saluta i dipendentiGalleria fotografica - Ferrari, Montezemolo saluta i dipendenti
  • Ferrari, Montezemolo saluta i dipendenti - anteprima 1
  • Ferrari, Montezemolo saluta i dipendenti - anteprima 2
  • Ferrari, Montezemolo saluta i dipendenti - anteprima 3
  • Ferrari, Montezemolo saluta i dipendenti - anteprima 4
  • Ferrari, Montezemolo saluta i dipendenti - anteprima 5
  • Ferrari, Montezemolo saluta i dipendenti - anteprima 6

Luca di Montezemolo così commosso forse non si è mai visto. Ieri sera a Maranello c’è stato un incontro storico tra lui e i dipendenti, per un “saluto”, l’ultimo, visto che da lunedì 13 ottobre il nuovo Presidente di Ferrari sarà Sergio Marchionne. Montezemolo lascia dopo 23 anni e a piangere sotto il palco c’erano diverse persone che hanno chiesto nei giorni scorsi di poterlo incontrare prima che parta per gli Stati Uniti, dove celebrerà i 60 anni Ferrari in Nord America. Sarà il suo ultimo atto “presidenziale” prima della svolta e la quotazione in borsa di FCA. Ad accompagnare la serata sono state le note della canzone di Gino Paoli “Una lunga storia d’amore”, che è stata scelta per ripercorrere gli anni di Montezemolo a Maranello.

Una lunga storia d’amore

“Non è facile”, ha esordito Montezemolo visibilmente commosso. Davanti a lui, nella tensostruttura interna alla fabbrica, c’erano duemila persone che avevano appena ascoltato i due brevi interventi introduttivi del vicepresidente Piero Ferrari e dell’amministratore delegato Amedeo Felisa. “Siete voi la forza di questa azienda, che è la più bella al mondo. Siete voi i veri artefici dei suoi trionfi. Siete voi la Ferrari”, ha detto Montezemolo e più volte, mentre pronunciava, questo discorso, è stato interrotto dagli applausi.

“Siete voi la Ferrari”

Nel suo discorso il Presidente ha più volte ribadito l’importanza dei lavoratori di Maranello. Ha ricordato i successi in Formula 1, dove la Ferrari resta la scuderia più vincente, e delle vetture GT del Cavallino nel mondo, si è detto “orgoglioso di aver vissuto con voi questi anni meravigliosi” e certo che “il futuro della Ferrari, che non produce vetture ma sogni, resterà luminoso perché qui ci siete tutti voi”. Poi ha avuto un pensiero affettuoso e commosso per Michael Schumacher e per Jules Bianchi, il giovane pilota della Marussia cresciuta nella FDA che lotta per la vita dopo il drammatico incidente di Suzuka. Dopo, sceso dal palco, è stato travolto dalla gente che voleva stringergli la mano e in tanti ne hanno approfittato per un “selfie” con lui.

Galleria fotografica - Montezemolo, 23 anni in FerrariGalleria fotografica - Montezemolo, 23 anni in Ferrari
  • Montezemolo, 23 anni in Ferrari - anteprima 1
  • Montezemolo, 23 anni in Ferrari - anteprima 2
  • Montezemolo, 23 anni in Ferrari - anteprima 3
  • Montezemolo, 23 anni in Ferrari - anteprima 4
  • Montezemolo, 23 anni in Ferrari - anteprima 5
  • Montezemolo, 23 anni in Ferrari - anteprima 6

Autore:

Tag: Attualità , Ferrari , VIP , torino


Top