dalla Home

Novità

pubblicato il 30 settembre 2014

Volkswagen Passat GTE, l’ibrida da 218 CV

Berlina o Variant, la plug-in tedesca consuma 2 l/100 km e fa 50 km con un pieno elettrico

Volkswagen Passat GTE, l’ibrida da 218 CV
Galleria fotografica - Volkswagen Passat Variant GTEGalleria fotografica - Volkswagen Passat Variant GTE
  • Volkswagen Passat Variant GTE - anteprima 1
  • Volkswagen Passat Variant GTE - anteprima 2
  • Volkswagen Passat Variant GTE - anteprima 3
  • Volkswagen Passat Variant GTE - anteprima 4
  • Volkswagen Passat Variant GTE - anteprima 5
  • Volkswagen Passat Variant GTE - anteprima 6

La Volkswagen Passat GTE che viene presentata al Salone di Parigi (4-19 ottobre 2014) rappresenta per il gruppo tedesco il terzo passo nel mondo delle ibride plug-in, dopo la Golf GTE e l’Audi A3 Sportback e-tron. Per la prima volta il modulo ibrido plug-in composto dal 1.4 TSI e dal motore elettrico con batterie ricaricabili "alla spina" fa il suo esordio su un modello del segmento D, sia con carrozzeria berlina che familiare. Il merito è del pianale modulare trasversale (MQB) che è alla base della nuova Passat e permette l’installazione di batterie agli ioni di litio col cui "pieno" può percorre fino a 50 km in modalità elettrica "E-Mode". L’arrivo sul mercato è fissato per la seconda metà del 2015 e con i suoi 218 CV e un’autonomia totale di quasi 1.000 km la Volkswagen Passat GTE troverà come unica rivale la Volvo V60 Plug-in Hybrid, che ha 283 CV ed è offerta solo con carrozzeria station wagon.

Finiture blu per la prima Passat Ibrida

La prima Passat ibrida plug-in della storia si distingue dal resto della gamma per una serie di dettagli specifici come ad esempio la griglia anteriore cromata con fascia blu, il paraurti modificato nelle prese d’aria e le luci diurne a LED sagomate a forma di C. Oltre a questo la Passat GTE propone cerchi Astana da 17", volante multifunzione e leva del cambio DSG con cuciture blu a contrasto, strumentazione dedicata al sistema ibrido, rivestimenti in tessuto Sevilla e pannelli interni in look alluminio e nero lucido. Il tasto GTE sulla console centrale serve invece a sfruttare i 218 CV combinati dei due motori per dare alla Passat un comportamento sportivo. In tutto le modalità di guida sono quattro: "E-Mode", "Hybrid", "Battery Charge" e "GTE".

50 km con un pieno elettrico

Il cuore pulsante della Volkswagen Passat GTE è il sistema composto dal quattro cilindri turbo 1.4 TSI da 156 CV e dall’elettromotore da 115 CV integrato nel cambio DSG 6 marce appositamente dotato di tre frizioni. Assieme sviluppano 218 CV e sono in grado di consumre nel ciclo combinato 2,0 l/100 km, equivalenti a 45 g/km di CO2. Con le batterie la Passat GTE può percorrere fino a 50 km in configurazione "E-Mode" e grazie al serbatoio di 50 litri di benzina ha un’autonomia totale di oltre 1.000 km. In modalità elettrica raggiunge i 130 km /h, mentre pigiando il tasto GTE sulla plancia può arrivare a 220 km/h e scattare da 0 a 100 km/h in 8,0 secondi. La trazione è sulle ruote anteriori sia sulla Passat GTE che sulla GTE Variant e a livello di emissioni rispetta la norma Euro 6. La batteria può essere ricaricata da una comune presa di corrente da 230 volt in 4 ore e 15 minuti, ma usando la speciale wall box opzionale Volkswagen da 3,6 kW o una colonnina di ricarica pubblica il tempo di ricarica scende a 2 ore e 30 minuti.

Si controlla con lo smartphone

Nella dotazione di serie della Passat GTE sono inclusi molti equipaggiamenti importanti come ad esempio i fari full LED, il Driver Alert System, il Front Assist comprensivo di frenata di emergenza in città, il ParkPilot e il Post-Collision Braking. I proprietari della Passat GTE possono controllare sul proprio smartphone le funzioni elettriche della vettura: attraverso l’apposita app CAR-NET e-Remote è possibile monitorare lo stato di carica della batteria, far partire o spegnere la ricarica, comandare la climatizzazione, analizzare le statistiche di guida e localizzare la posizione di parcheggio. Di serie è anche il touchscreen Composition Media da 6,5" che diventa da 8" se si sceglie l’opzionale Discover Pro; sul grande display è possibile visualizzare il raggio di autonomia elettrica e totale, l’indicatore del flusso di energia del sistema ibrido e l’e-manager per la programmazione della ricarica e della climatizzazione da fermo. Fra glioptional c’è anche l’Active Info Display, lo schermo ad alta risuluzione da 12,3" che integra il navigatore e tutte le altre funzioni specifiche della GTE.

Galleria fotografica - Volkswagen Passat GTEGalleria fotografica - Volkswagen Passat GTE
  • Volkswagen Passat GTE - anteprima 1
  • Volkswagen Passat GTE - anteprima 2
  • Volkswagen Passat GTE - anteprima 3
  • Volkswagen Passat GTE - anteprima 4
  • Volkswagen Passat GTE - anteprima 5
  • Volkswagen Passat GTE - anteprima 6

Scegli Versione

Autore:

Tag: Novità , Volkswagen , auto europee , parigi , auto ibride


Top