dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 26 settembre 2014

Nissan Leaf, come funziona il primo servizio di taxi elettrico in Italia

La sperimentazione è partita con due auto, altrettante colonnine ed una unità mobile di ricarica

Nissan Leaf, come funziona il primo servizio di taxi elettrico in Italia

La Nissan Leaf si è vestita da taxi anche in Italia. Dopo essere entrata in servizio a New York, Londra, Città del Messico, Kyoto, San Paolo, Lisbona ed Amsterdam, è entrata nella flotta della Compagnia 3570. Per ora i primi taxi elettrici d’Italia sono soltanto due ed operano a Roma, ma Nissan guarda già a Firenze e a Milano e molte altre compagnie di taxi si sono fatte avanti interessate. Il progetto infatti non conta su alcun finanziamento pubblico ed è nato solo grazie alla collaborazione tra Nissan e l’Unione Radiotaxi d’Italia. E’ un’iniziativa sperimentale che rientra nel progetto URI “Via col Verde”: la casa giapponese ha fornito le due auto in comodato d’uso gratuito per un anno ad altrettanti tassisti e ad un NV400 che l’Unione Radiotaxi d’Italia ha fatto trasformare in unità mobile di ricarica da una società specializzata, la FCS Mobility. E’ così che è stato aggirato il principale ostacolo alla diffusione dei veicoli elettrici in Italia: la rete di ricarica. La Leaf ha un’autonomia di 199 km e si ricarica in quatto ore col caricatore da 6,6 kW integrato, ma chi fa questo lavoro ha esigenze particolari visto che percorre in media 150 km al giorno. Vediamo in dettaglio.

Cosa significa essere un taxi elettrico a Roma

Roma è la città italiana con il maggior numero di colonnine di ricarica per auto elettriche: ne ha 150. Peccato che spesso non si possano utilizzare. Non si tratta solo di porblemi tecnici, ma di cattiva educazione degli altri automobilisti che spesso parcheggiano l’auto non elettrica nei posti riservati per la ricarica oppure lasciano in sosta la loro auto ricaricata senza permettere ad altre vetture di usufruire dell’energia. Per un taxi significa non lavorare. Da qui l’idea di una unità mobile disponibile 24 ore su 24 che in appena 15 minuti ricarica la macchina da zero all’80%. L’NV400 così trasformato è unico nel suo genere ed ha una potenza di picco che può alimentare fino a 30 utenze domestiche da 3 Kw contemporaneamente per 30 minuti. A sua volta ha bisogno di ricaricarsi e lo fa nella sede romana dell’URI, la prima compagnia di taxi in Europa ad avere un impianto fotovoltaico. Otre a questa unità mobile le due Leaf taxi possono ricaricarsi a costo zero presso la stessa sede oppure all’Aeroporto di Fiumicino, dove l’Enel sta installando una seconda colonnina che dovrebbe essere operativa entro due mesi. E’ ovvio che questo tipo di rifornimento impone vincoli geografici che altre auto non hanno, ma il taxi elettrico - proprio perché fa questo lavoro - è una scommessa e i due tassisti scelti tra i candidati per la sperimentazione sono entrambi residenti nella zona prossima alle colonnine.

Perché un tassista sceglie l’elettrico

Le testimonianze dei tassisti che all’estero già usano da mesi le Nissan Leaf sono tutte positive, ma come abbiamo detto per l’Italia il discorso è delicato, vista la carenza della rete infrastrutturale di ricarica. I due tassisti romani coinvolti nel progetto hanno circa 40 anni, lavorano da 10 e si sono candidati a provare l’auto elettrica perché sono attratti dai costi di gestione molto bassi. Stando ai calcoli di Nissan una Leaf ha costi annui (variabili) che si aggirano attorno ai 545 euro (niente tassa di possesso; 96 euro per la manutenzione e 449 euro per il rifornimento di 15.000 km); per una familiare equipaggiata con un 1.5 diesel sono stati stimati 1.789 euro l’anno (209 euro per la tassa di possesso; 281 euro per la manutenzione e 1.299 euro per il rifornimento, considerando 8,66 euro per 100 km); una familiare 1.6 benzina costerebbe ogni anno 2.081 euro (222 euro per la tassa di possesso; 195 per la manutenzione e 1.664 per il carburante, 11,09 euro per 100 km). Il risparmio nel primo caso è del 70% e nel secondo del 75%. E poi i tassisti ci hanno detto di apprezzarne la silenziosità di marcia e la guidabilità. Molti però restano scettici sull’autonomia visto che anche 199 km sono pochi per chi fa questo lavoro. Servono colonnine ben distribuite e usabili. Questa sperimentazione serve anche a questo: a capire dove dovrebbero necessariamente essere installate le colonnine di ricarica per un servizio come quello dei taxi.

Scheda Versione

Nissan Leaf
Nome
Leaf
Anno
2011 (restyling del 2013)
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
elettrica
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Listino Nissan Leaf

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
Visia Flex anteriore elettrico 109 0 5 € 23.790

LISTINO

Visia Plus Flex anteriore elettrico 109 0 5 € 24.490

LISTINO

Acenta Flex anteriore elettrico 109 0 5 € 26.990

LISTINO

Acenta 30KWh Flex anteriore elettrico 109 0 5 € 28.990

LISTINO

Visia anteriore elettrico 109 0 5 € 29.690

LISTINO

Tekna Flex anteriore elettrico 109 0 5 € 29.690

LISTINO

Visia Plus anteriore elettrico 109 0 5 € 30.390

LISTINO

Tekna 30KWh Flex anteriore elettrico 109 0 5 € 31.690

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Nuovo commento 21 Commenti

1

Dunque...

Visto che, come dichiarato...

Pubblicato il 27/09/2014 alle 12:38

...i taxi percorrono in media 150 km al giorno i 199 km di sutonomia della leaf sembrano sufficienti, anche perche' sono proprio le auto dei tassisti, quelle piu' sfruttate inquinanti e "fumanti" a circolare nelle nostre citta' e spesso percorrono anche solo 50-100 km al giorno, quindi anche in assenza di colonnine potranno ricaricare il proprio taxi in pochi secondi, mentre riposano, attaccando la presa di carica al ritorno a casa, per staccarla al risveglio...la Leaf poi, puo' ricarsi anche a corrente continua consentendo di caricare 40-60 km in 5-10 minuti e l80% capacita' batteria in 30 min, basterebbe per cominciare, una di queste colonnine per ogni parcheggio taxi...e poi...avranno centinaia di migliaia di km senza dover intervenire su motore turbine distribuzioni iniettori cambio frizione batteria al piombo scarichi filtri dpf catalizzatori...all'estero inoltre per chi ha bisogno di piu' autonomia (fino a 500km), in particolare ad Amsterdam, molti tassisti stanno gia scegliendo la Tesla Model S, l'auto che presto, speriamo, verra' provata da Fabio, sul percorso Roma Forli'...nel frattempo...stay charged...

2

@Commento sopra.

Vanni

Pubblicato il 28/09/2014 alle 01:01

Che bello sei tornato.Come sono contento di leggere il tuo commento! Cominciavo a sentire la tua mancanza.Volevo dirti,che mi hai convinto,lunedì passo in concessionaria ed ordino una Tesla model s, oppure ne prendo una subito se c' è a km 0,poi mi compro un terreno agricolo e ci faccio una centrale solare.Ovviamente,prima di tutto questo,passo a svaligiare il caveu di una banca ed un paio di gioiellerie.

3

Sarebbe inutile

Sei senza speranze

Pubblicato il 28/09/2014 alle 20:16

Ma no...non servirebbe a nulla...continueresti sempre e comunque ad inquinare con le tue farneticanti fandonie..."il motore endotermico produce energia" , "qualsiasi motorizzazione installata sulla stessa tipologia di auto avra' lo stesso consumo energetico a 90 kmh". Per te, qualsiasi tentativo di riscatto sarebbe comunque inutile...anche se potessi disporre di tutto l'oro del mondo...

4

io aspetto..

Ciccio

Pubblicato il 29/09/2014 alle 12:49

io invece aspetto un nuovo test: il milano bologna in autostrada SENZA RIFORNIMENTO... anche della Tesla....

5

a 130 km/h

Ciccio

Pubblicato il 29/09/2014 alle 12:50

ovviamente a 130 km/h di media.... non a 70...

6

Troppo

Facile

Pubblicato il 29/09/2014 alle 13:27

Troppo facile, solo 200 km per un'auto che puo' arrivare ad oltre 500 km di autonomia, a meno che per ciccio anche milano e bologna siano separate da oltre 1000 km come Roma e Forli ahahahahah e conunque grazie ai superchargers di prossima installazione anche la distanza milano roma sara' percorribile gratuitamente. Per ora invece hai gratis la distanza marsiglia milano, magari prendendo un caffe a Dorno (italia)...e' tornato cicciobello...quello dell'ampera senza cambio...ahahahah...comunque il test milano bologna puo' farlo tu, basta richiedere un test drive on line sul sito tesla...cerca di parlare poco...facci sapere come andra'...a presto!

7

una unità mobile disponibile 24 ore su 24 che in appena 15 minuti ricarica la macchina da zero all’80%.

piero14

Pubblicato il 29/09/2014 alle 16:14

roba da chiodi.

8

fai bene i conti a 130

Ciccio

Pubblicato il 29/09/2014 alle 17:13

e allora facciamola non vedo il problema... PS a differenza tua io non faccio questo lavoro e non posso perder tempo in prove, lo lascio fare a chi lo fa di mestiere. Per inciso lo stesso che dice che la BMW I3 con il range extender consuma un sacco di benzina quando usa il motorone Kymco (leggi bene la prova su omniauto che citi tanto). Altro PS io non ho mai detto io che la ampera non ha il cambio (come al solito inventi tu per aver ragione a tutti i costi). Comunque se vai all'indirizzo http://www.teslamotors.com/it_IT/goelectric#range ti stima l'autonomia, al massimo a 120 km/h (si vede che a 130 si vergognano) e viebe fuori 340 km di autonomia, ne mancano 40 km a coprire i 380 km di andata a ritorno (casello/casello, poi dal casello a casa ci vai a piedi... se spegni l'aria condizionata per tutto il viaggio sale a 358 km... vorrei solo capire perche non si può fare la stima 130 km (che sicuramente sarebbe peggio... buon carro atrezzi

9

er con la 60Kw

Ciccio

Pubblicato il 29/09/2014 alle 17:17

e quella strada la fai con la 85Kw se prendi la 60, di strada ne fai ben di meno, 281 km secondo la stessa Tesla... ancora buon carro attrezzi

10

ma...

Ciccio

Pubblicato il 29/09/2014 alle 17:20

ma puoi sempre passare per Dorno... per andare a Bologna da Milano.... molto furbo

11

e non di inverno

Ciccio

Pubblicato il 29/09/2014 alle 17:28

ahhhh... e non facciamo il test di inverno perche se la temperatura esterna e di 0 gradi con la 85 kw di km ne fai 308 e 240 con la 60 kw.... questi dati li ho ricavati dal sito www.teslamotors.com... ma mi dirai che e un complotto... che non e vero... ecc... il disco lo conosciamo tutti

12

Ahahah come al solito ritratti

Ahahahah

Pubblicato il 29/09/2014 alle 18:07

Dai cicciobello prima parli di milano bologna poi di andata e ritorno sei un povero clown, le batterie Tesla lavorano a temperatura stabile perhe' raffreddate a liquido e riscaldate dalla climatizzazione a pompa di calore a basso consumo e a milano e bologna sono gia disponibili colonnine enel a 22 kw. La model s 60 kwh e' data sul sito per 390 km e la 85 kwh per 502 km sei proprio un vanni ahahah addio cicciobello cambio giocattolo non mi diverti piu' ahahah roma forli 1000 km ahahah non installeranno superchargers in Italia ahahah non sei credibile anche per usufruire del test drive di una twizy ahahaah

13

Tranquillo

Potrai ritrattare sempre...

Pubblicato il 29/09/2014 alle 19:05

Potrai ritrattare e raddoppiare il percorso milano bologna percorribile sia con la 60 che con la 85 in qualsiasi condizione (come hai dimostrato) tutte le volte che vorrai, anche all'infinito con 30 € al mese con enel drive ricarica pubblica...e presto anche gratis grazie al prossimo supercharger...aumenta aumenta i km come roma forli..tanto paga Musk...ahahaha...con la tua stufetta pero' paghi tu...

14

si va beh

Ciccio

Pubblicato il 30/09/2014 alle 08:59

Visto che sapevamo tutti cosa avresti risposta (per la cronaca cavolate). ah certo tu ne sai piu della Tesla che la macchina la costruisce... certo, lo vedi sei prevedibile nelle buffonate che dici, se le batterie sono raffredate e controllate come dici tu perche nel sito tesla per calcolare l'autonomia devi mettere la temperatura esterna???, 502 km a 80 km/h a 130 non si sa perchè è una veclocità che nel sito non enemmeno prevista (guarda che anche le macchine elettriche se vanno piu veloci consumano di piu). resta il fatto che se non ti fermi non fai nemmeno Milano Bologna andata e ritorno, il resto son chiacchere da Bar ossia le tue.. ciao fulminato. La cosa bella e che contraddici pure la Tesla che osanni tanto... mah

15

Dati Ufficiali Tesla

Ciccio

Pubblicato il 30/09/2014 alle 09:02

i km di percorrenza stimati (e bada bene i cicli con cui li stimano son sempre generosi) son dati ufficiali che puoi ricavare dal sito tesla se vai al link che ho postato sopra (per la cronoca invito tutti a farlo cosi verificano in prima persona)... ciao omino piccolo e stupido tu non hai mai divertito, al massimo fatto pena (la cosa grave e che se hai dei figli hai messo in giro dei geni bacati come i tuoi)

16

Ahahah

Ahahah

Pubblicato il 30/09/2014 alle 09:35

Ciccobello: "io invece aspetto un nuovo test: il milano bologna in autostrada SENZA RIFORNIMENTO... anche della Tesla....ovviamente a 130 km/h di media.... non a 70..." (percorso milano bologna 200 km) sempre cicciobello:"308 km a 120 kmh zero gradi con simulatore Tesla con 85 kwh e 240km con la 60 kwh". Pensiero di cicciobello: cavolo siamo molto al di sopra della prova di autonomia milano bologna che avevo proposto...cavolo mi invento che l'ampera e' a trazione elettrica e non ha il cambio...che la renault vende le batterie delle auto elettriche, che roma forli distano 1000 km...che la prova consumi della i3 omniauto e' stata sfavorevole...che il 2 cilindri kimko non e' euro 6... No ecco ho trovato! Intendevo dire milano bologna andata e ritorno e che non trovo la simulazione a 10 kmh di velocita' in piu'...posso sempre ritrattare tanto sono abituati...ahahahahahahahahaaha cosa aspettarsi da chi crede che roma e milano sono distanti 1000 km ahahahahaah ritratta ritratta ahahahaaha tutti al Bar offre ciccio ahahahahahah sei talmente stupidotto che non capisci che hai a parlare bene della tesla model s sei stato proprio tu ahahahahah

17

Certo andata e ritorno

Ciccio

Pubblicato il 30/09/2014 alle 10:52

certo che si conta andata e ritorno è OVVIO, tu quando vai in un qualsiasi posto dopo non torni a casa???? se vai lavorare non torni a casa? se vai in vacanza non torni a casa? se vai a fare un gita non torni a casa??? ma come ragioni!!!! fammi capire.... Comunque una macchina da 90.000 euro che non riesce nemmeno a fare milano bologna andata e ritorno... sisi proprio la tecnologia del futuro

18

xche non rispondi

Ciccio

Pubblicato il 30/09/2014 alle 11:03

distanza milano Bologna (fonte ACI) da casello a casello 195 km, andata e ritorno pertanto 390 km (almeno la matematica la sai?) Per la cronaca la Ampera va con motore elettrico (il 1.4 ecotec e generatore), la renault le batterie le affitta e paghi il canone mensile e ti incollo la frase della prova che TU TIRI SEMPRE IN BALLO (QUELLA DELLA I3), adesso metto le virgolette vuol dire che sto facendo copia e incolla della prova del Roma Forli che ti piace tanto (non le ho scritte io queste cose ma quello stesso giornalista a cui chiedi di provare la Tesla, il Sig. Fabio Gemelli, leggila bene è il penultimo paragrafo se non credi a me vai a rileggerla): "Attenzione però, perché se ci si fa prendere dal piacere della velocità la i3 diventa un’autentica divoratrice di energia, come ho sperimentato nel percorso di ritorno Forlì-Roma a velocità superiore (86 km/h di media). Partito con le batterie al 50% e il pieno di 9 litri di benzina ho fatto 60 km in elettrico e poi mi sono fermato tre volte per rabboccare il serbatoio, per un consumo effettivo di quasi 8 l/100 km, quasi il doppio dell’andata. Mettendo alla prova in maniera così estrema e quasi autostradale il sistema Range Extender mi sono dotato di una mazzetta di banconote da 10 e 5 euro, utili per fare rifornimento al self service, mentre il bicilindrico di origini Kymco ha fatto sentire maggiormente la sua voce" (chiuse virgolette, ora a 86 km/h, quasi autostradale de che???? in autostrada si viaggia a 130 km/h giusto oltre il 50% in piu di velocità, di media fa 8 km/l.... andiamo bene). Fallimento Tesla e BMWi3... ciao passa Dorno anche per andare a Napoli...

19

Anche il tuo amato

Ciccio

Pubblicato il 30/09/2014 alle 11:10

test del Roma-Forlì è andata e ritorno, perche questo deve essere diverso, perche ti fa comodo????

20

Ahahahah

Ahahahah

Pubblicato il 30/09/2014 alle 11:21

Tu hai dei problemi seri! Il test Roma Forli e' di sola andata appunto su 360 km come fai a non saper leggere e capire sei da ricovero e mi fai tanta pena! Ho sbagliato io a risponderti dall'inizio, non hai speranze, nella tua stupidita' sta la forza dell'affermazione della mobilita' elettrica grazie di tutto a mai piu'! Marco

21

ma sai leggere?

Ciccio

Pubblicato il 30/09/2014 alle 18:16

QUINDI AMMETTI CON 8 LT/100 KM E UN BUON CONSUMO O CHE UNA MACCHINA CHE NON RIESCE A FARE NEMMENO AVANTI E INDIETRO DA BOLOGNA IN AUTOSTRADA FA SCHIFO... MAMMA CHE PENA.... CIAO

Top