dalla Home

Test

pubblicato il 23 settembre 2014

Lexus NX, beati gli ultimi

Arriva qualche anno dopo BMW X3, Mercedes GLK e Audi Q5, ma con caratteristche uniche

Lexus NX, beati gli ultimi
Galleria fotografica - Lexus NX HybridGalleria fotografica - Lexus NX Hybrid
  • Lexus NX Hybrid - anteprima 1
  • Lexus NX Hybrid - anteprima 2
  • Lexus NX Hybrid - anteprima 3
  • Lexus NX Hybrid - anteprima 4
  • Lexus NX Hybrid - anteprima 5
  • Lexus NX Hybrid - anteprima 6

Il ritardo è di dieci anni tondi tondi: la BMW X3 di prima generazione fa il suo debutto nel 2004, dando vita al segmento delle SUV medie di fascia premium. Alla spicciolata, nel listino arrivano poi la Mercedes GLK, l'Audi Q5 e la seconda generazione di X3, che ha avuto anche il tempo di farsi un lifting di mezza età. Poco male. I giapponesi ci hanno abituato a un approccio “singolare” con le tempistiche del mercato, giustificato ampiamente, peraltro, dalle peculiarità del prodotto Lexus NX: la più ovvia è la trazione ibrida, ma non è l'unica. L'altra, se non forse la principale, è il design a dir poco di rottura. Ci sono poi sistemi inediti (almeno per la Casa) di interfaccia uomo-macchina e un temperamento che, a detta del presdiente Akio Toyoda, farà ricredere tutti quelli che pensano che le Lexus siano auto noiose.

Sguardo felino

Se si parla di design, non si può non comincare dal muso: sottile, affilato, spigoloso. Un biglietto da visita che mi colpisce subito e che cattura l'attenzione di molti, per le strade attorno a Vienna lungo le quali si svolge il test drive in anteprima mondiale. A calamitare lo sguardo sono in particolare i due “fulmini” illuminati con diodi a led, che a mo' di matita valorizzano il “contorno occhi” della NX. Non è una novità, ma fa sempre un discreto effetto, la mega calandra a forma di clessidra che si spalanca sulla strada, che sembra voler divorare più aria possibile, anche se in realtà il sistema ibrido Lexus è tutto tranne che vorace, di qualsiasi elemento si tratti. Giro intorno alla vettura e la fiancata mi rimane impressa per l'alto numero di linee dalle quali è movimentata (almeno 8, a un primo rapido conteggio), ma anche per l'unico elemento che non riesce a convincermi fino in fondo: lo sbalzo anteriore molto pronunciato che toglie un po' di senso di compattezza alle linee della SUV giapponese. Dietro, la NX si “raccoglie” come un gomito nella classica posizione del braccio di ferro: gli spazi liberi (la terza luce laterale, per intenderci) si riducono parecchio e la predominanza di lamiera sul vetro regala uno spiccato dinamismo. Dinamismo ripreso anche dietro, grazie al lunotto particolarmente inclinato, allo spoiler che lo sovrasta e al taglio molto geometrico e netto dei fari posteriori.

Ergonomia migliorata

E' sparito il “mouse”: chi ha provato la Lexus CT 200h sa di costa sto parlando, ovvero del comando che si ispira ai computer e che sulla compatta giapponese funge da interfaccia con il sistema di infotainment. Non il massimo della facilità di utilizzo, anzi. Sulla NX c'è un più intuitivo touchpad, la cui superficie è anche in grado di “leggere” la calligrafia del guidatore per l'immissione di nomi o indirizzi. Si tratta di un collegamento uomo-macchina decisamente più efficace di quello fin qui utilizzato, anche se forse la più semplice rotella rimane imbattibile per semplicità d'uso. A proposito di tecnologia, come non segnalare la presenza, sotto il bracciolo centrale, di uno spazio “magico” sul quale appoggiare il proprio smartphone (se dotato di tecnologia compatibile) e ricaricarne la batteria in wireless. Per il resto, la NX riprende l'impostazione un po' più fasciante e sportiva dell'abitacolo delle ultime Lexus: la plancia è piuttosto sporgente, il piantone di sterzo gode di un'ampia regolazione in profondità e la posizione di guida si adatta a tutti i tipi di corporatura. Nella media della categoria lo spazio per chi siede dietro; in due si viaggia comodi senza (o quasi) limiti di statura, mentre in tre si deve accettare qualche compromesso solo a livello delle spalle. Più che lo spazio in senso stretto, su una SUV di fascia premium conta la qualità e la cura: la NX non sbaglia un colpo e si posiziona sui livelli delle sue rivali. I materiali sono piacevoli al tatto, gli accostamenti delle plastiche si rivelano precisi anche nelle zone meno in vista e gli abbinamenti di colore sono fatti con cura. Infine, il bagagliaio: con 555 litri, offre tutto lo spazio che serve per un weekend famiglia o per una giornata di sport.

Curve, che piacere

L'abito fa il monaco: se la NX è sportiva nel look, lo è ancor di più nel comportamento stradale. Basta una curva per accorgersene. La SUV Lexus ci si butta abbastanza rapidamente, concedendo poco al rollio e con una riserva di aderenza che rassicura in ogni condizione. Nonostante l'altezza da terra superiore rispetto a quella di una berlina, la NX è agilissima nei cambi di direzione e invita a spingere più di quanto mi sarei aspettato. Valido supporto è offerto dal sistema ibrido, che sopperisce con il motore elettrico laddove il quattro cilindri a benzina è carente: ai bassi regimi. Peccato solo per il rumore: l'ingranaggio epicicloidale che collega i due motori e sostituisce il cambio genera un “effetto scooter”, in accelerazione e ripresa, che è tutto tranne che appagante. Urge un cambio “vero”, fosse anche solo una questione di percezioni. Tanta reattività fra le curve, non pregiudica comunque il comfort, grazie all'assorbimento non vellutato da parte delle sospensioni in città. Ottima, infine, anche l'insonorizzazione.

Solo ibrida, 2 o 4WD

La scelta di campo di Lexus Italia è ormai nota: nel nostro Paese tutte le auto del marchio giapponese sono disponibili solo con sistema ibrido; niente benzina né diesel. Così è anche per la NX, le cui uniche varianti proposte riguardano la trazione - anteriore o integrale (con un motore elettrico aggiuntivo sull'asse posteriore - e l'allestimento: base (solo per la 2WD), Executive e, solo per la 4WD, F Sport e Luxury. I prezzi: si parte dai 39.800 della Hybrid 2WD, si sale a 42.500 per la 2WD Executive, mentre le 4WD Executive, F Sport e Luxury vengono rispettivamente 44.500, 52.800 e 54.800euro. Ricca fin dalla versione base la dotazione di serie: Bluetooth, vernice anti-graffio, sedili anteriori con protezione dal colpo di frusta, ingressi aux e usb, radio con MP3, climatizzatore automatico e schermo da 8” sono compresi nel prezzo. Tra gli optional, da segnalare: il navigatore (950 euro), il tetto apribile elettricamente (1.100) e il sistema di ricarica wireless dello smartphone (1.150 euro, venduto insieme a cruise control adattivo e sistema Pre Crash).

Lexus NX Hybrid

Ci siamo: anche il SUV compatto diventa ibrido e una proposta così dirompente non può che arrivare dal gruppo Toyota. Il nuovo arrivato si chiama Lexus NX, SUV ibrido e premium che ha debuttato al Salone di Pechino. Eccolo dal vivo.

Scheda Versione

Lexus NX Hybrid
Nome
NX Hybrid
Anno
2014
Tipo
Premium
Segmento
superiore
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
ibrida
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Adriano Tosi

Tag: Test , Lexus , auto giapponesi


Listino Lexus NX

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
300h 2WD anteriore elettrico 197 2.5 5 € 39.950

LISTINO

300h Executive 2WD anteriore elettrico 197 2.5 5 € 43.000

LISTINO

300h Executive 4WD 4x4 elettrico 197 2.5 5 € 45.000

LISTINO

300h Icon 4WD 4x4 elettrico 197 2.5 5 € 47.000

LISTINO

300h F Sport 4WD 4x4 elettrico 197 2.5 5 € 53.300

LISTINO

300h Luxury 4WD 4x4 elettrico 197 2.5 5 € 55.300

LISTINO

 

Top