dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 17 settembre 2014

Renault Eolab, la francese che fa 100 km con 1 litro

Il prototipo è il primo passo verso la commercializzazione di un’auto che consuma meno di 2 l/100 km entro il 2020

Renault Eolab, la francese che fa 100 km con 1 litro
Galleria fotografica - Renault Eolab ConceptGalleria fotografica - Renault Eolab Concept
  • Renault Eolab Concept - anteprima 1
  • Renault Eolab Concept - anteprima 2
  • Renault Eolab Concept - anteprima 3
  • Renault Eolab Concept - anteprima 4
  • Renault Eolab Concept - anteprima 5
  • Renault Eolab Concept - anteprima 6

Vendere un'auto che percorre 100 km con meno di due litri di carburante. Entro il 2020 anche Renault ha l’obiettivo di farlo contribuendo al piano “Nuova Francia Industriale” il cui target di consumo è stato indicato dal governo francese. Un passo in questa direzione si chiama Eolab ed è un prototipo con tecnologia Z.E. hybridbenzina-elettrico che percorre 100 km con 1 litro. E’ un progetto che fa venire in mente la concorrenza tedesca ovvero la Volkswagen XL1 che sfrutta il sistema ibrido diesel+elettrico plug-in e che è stata già venduta per più di 100mila euro (ma chi la possiede potrà fare 60 km spendendo solo 1 euro al distributore…). Certamente però l’obiettivo per il 2020 non è quello di mettere in vendita auto per milionari, ma mezzi alla portata di tutti a un costo accessibile. E la Eloab, presentata al Salone di Parigi, è già studiata per essere prodotta in grande serie in una prospettiva decennale.

Per raggiungere un valore di 1 l/100 km, pari a 22 g di emissioni di CO2/km in ciclo misto, i progettisti hanno lavorato molto, oltre che sulla tecnologia, sul peso e sull’aerodinamica. La silhouette è stata disegnata per penetrare perfettamente nell’aria, anche grazie ad elementi come lo spoiler attivo o i flap laterali che si aprono come alettoni, e rispetto ad un’auto del segmento B (a cui appartiene) è stata allegerita di 400 kg grazie ad una scocca multimateriale (fatta di acciaio, alluminio e compositi) e ad un tetto in magnesio di appena 4 kg. Questo alleggerimento si è tradotto anche in un vantaggio economico, perché ha permesso di ridurre il costo degli organi del prototipo (motore, batteria, ruote, freni…) e di finanziare la scelta dei materiali più costosi. Progettandolo, Renault ha lavorato in una logica di co-innovazione con partner della filiera automobilistica francese, come Saint-Gobain per i vetri, Faurecia per i sedili e Michelin per i pneumatici. Renault si è anche rivolta ad altri, come Continental e Posco.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Renault , parigi , carburanti alternativi


Top