dalla Home

Curiosità

pubblicato il 1 settembre 2014

Zenos E10 S, la barchetta inglese da 253 CV

Il Ford 2.0 turbo spinge forte i 700 kg della biposto in carbonio e alluminio

Zenos E10 S, la barchetta inglese da 253 CV
Galleria fotografica - Zenos E10 SGalleria fotografica - Zenos E10 S
  • Zenos E10 S - anteprima 1
  • Zenos E10 S - anteprima 2
  • Zenos E10 S - anteprima 3
  • Zenos E10 S - anteprima 4
  • Zenos E10 S - anteprima 5
  • Zenos E10 S - anteprima 6

Ha due posti scoperti, non ha porte né parabrezza, è omologata per l’uso stradale, ma non è la KTM X-Bow. La curiosa barchetta nera e verde che vedete in queste foto è l’inglese Zenos E10 S, versione potenziata della già interessante E10 aspirata. In posizione centrale c’è il quattro cilindri turbo Ford EcoBoost di 2 litri, 253 CV e 400 Nm che le permette di accelerare da 0 a 100 km/h in poco più di 4 secondi e di toccare i 217 km/h. A dare un carattere decisamente corsaiolo alla Zenos E10 S ci pensa il telaio monoscocca in fibra di carbonio e alluminio che contiene il peso complessivo entro i 700 kg. Ansar Ali, il numero uno della Zenos Cars ed ex CEO di Caterham, la vende con guida a destra o a sinistra ad un prezzo base di 29.995 sterline, pari al cambio odierno a 37.892 euro.

La Zenos E10 S vanta tutta una serie di dotazioni degne di una vettura da corsa come le sospensioni a quadrilatero su tutte le ruote dotate di ammortizzatori Bilstein o gli alettoni rimovibili davanti e dietro; non mancano neppure i roll bar ad arco in acciaio dietro i poggiatesta e i cerchi OZ da 16 o 17 pollici con pneumatici Avon. Per i clienti che vogliono cimentarsi in pista con la nuova E10 S è disponibile la versione “track” da 32.995 sterline (41.682 euro al cambio attuale) che dispone di cambio a 6 marce, differenziale autobloccante, sedili in materiale composito, volante a sgancio rapido e ammortizzatori regolabili. Sia la Zenos E10 che la E10 S verranno prodotte a partire da gennaio 2015 e le prime consegne sono previste per il prossimo mese di marzo.

Autore:

Tag: Curiosità , auto inglesi


Top