dalla Home

Motorsport

pubblicato il 25 agosto 2014

Hyundai, doppietta storica per le i20 al rally di Germania

Thierry Neuville e Dani Sordo portano per la prima volta al successo la scuderia coreana

Hyundai, doppietta storica per le i20 al rally di Germania
Galleria fotografica - Hyundai i20 in trionfo al WRCGalleria fotografica - Hyundai i20 in trionfo al WRC
  • Hyundai i20 in trionfo al WRC - anteprima 1
  • Hyundai i20 in trionfo al WRC - anteprima 2
  • Hyundai i20 in trionfo al WRC - anteprima 3
  • Hyundai i20 in trionfo al WRC - anteprima 4
  • Hyundai i20 in trionfo al WRC - anteprima 5
  • Hyundai i20 in trionfo al WRC - anteprima 6

La prima vittoria della Hyundai Motorsport nel mondiale rally resterà scolpita nella storia dell’automobilismo. Thierry Neuville, 26 enne belga, ha centrato il primo successo in carriera al Rally di Germania, nona prova del campionato iridato, precedendo il compagno di squadra, lo spagnolo Dani Sordo. L’incredibile doppietta della Casa coreana, al debutto nella specialità con la i20 WRC, è il frutto di una gara incredibile fatta di clamorosi colpi di scena.

La storia inizia nel 2013...

Michel Nandan, team principal, non ci voleva credere, perché se è vero che la Vw l’anno scorso aveva colto la prima affermazione alla seconda gara (Svezia), va ricordato che i tedeschi avevano programmato l’ingresso nella serie da tre anni, mentre la Hyundai Motorsport ha compresso i tempi in un terzo: all’inizio del 2013, infatti, ad Alzenau c’era solo un capannone vuoto. Non esisteva la squadra, non esisteva la vettura, i20 WRC. La struttura, il team e la macchina sono cresciuti in parallelo: un’operazione che dagli esperti era stata giudicata impossibile. E, invece, c’è stato il miracolo, perché i vertici del marchio coreano si sarebbero accontentati di salire almeno una volta sul terzo gradino del podio. La Hyundai è entrata nel WRC con una mentalità aggressiva: niente motor-home per l’hospitality e le tende per rialzare le macchine al parco assistenza, ma una gigantesca struttura di due piani in vetro e tubi dove alloggiare tutta la squadra e gli ospiti. Calda d’inverno e rinfrescata con l’aria condizionata d’estate. Una rivoluzione per i puristi della categoria. Una provocazione, si diceva, per fare parlare di sé non potendo vincere sulla strada.

Il miracolo della squadra

I critici sono stati smentiti perché se Thierry Neuville ha centrato la vittoria a Trier è perché i meccanici sono riusciti a ricostruire la sua vettura distrutta prima della partenza in una paurosa uscita di strada nel corso dello shakedown. Il belga è finito con la sua i20 WRC in una vigna dopo una serie impressionante di capottamenti. Equipaggio incolume, ma la macchina era molto conciata. Altri avrebbero rinunciato alla corsa, non alla Hyundai Motorsport. Gli uomini del team hanno lavorato ininterrottamente per 18 ore, ma al via del rally si è presentato sulla pedana di partenza con una vettura che sembrava… nuova. L’avvio è stato guardingo, giusto per vedere che tutto funzionasse a dovere, ma poi il belga ha cominciato a tirare mettendosi alle spalle delle due Vw Polo R WRC di Sebastien Ogier e Jari-Matti Latvala e alla Citroen DS3 WRC di Kris Meeke. Il quarto posto era un piazzamento che testimoniava la competitività della i20 WRC che sta crescendo gara dopo gara. L’obiettivo era mettere pressione agli avversari per conquistare il terzo podio, dopo i terzi posti di Neuville in Messico e Polonia.

Gara a eliminazione

Un’impresa difficile, ma non impossibile specie se qualcuno davanti avesse commesso un errore. Il campione del mondo, Sebastien Ogier, che capeggiava la corsa è volato fuori strada all’ultima prova della prima tappa. Un fatto insolito per il francese che era impegnato in una sfida sul filo dei decimi di secondo con il compagno di squadra finlandese. Il podio, quindi, era già alla portata. Latvala aveva quasi un minuto di vantaggio e poteva gestire la corsa: non l’ha fatto ed è finito fuori strada anche lui all’inizio della seconda tappa. Il Deutschland si stava trasformando in una gara a eliminazione, come se un sortilegio colpisse i piloti che andavano al comando del rally: Kris Meeke non ha fatto in tempo ad assaporare il gusto di stare davanti che si è dovuto ritirare anche lui dopo aver divelto un rail. L’inglese non ha retto la pressione: dietro le Hyundai si stavano facendo minacciose e non volevano accontentarsi dei due gradini più bassi del podio. Sarebbe già stato un successo, ma così si è concretizzata una clamorosa doppietta.

Finale da leggenda

Thierry Neuville ha rotto l’incantesimo: quando è passato al comando ha anche vinto la prova speciale, convincendosi che quello sarebbe stato il grande giorno della Hyundai. La i20 WRC è stata perfetta senza manifestare alcun problema di affidabilità su un terreno molto difficile e selettivo che continuava a menomare i partecipanti. E Dani Sordo, grande specialista dei fondi asfaltati, gli guardava le spalle da Andreas Mikkelsen con la Polo R superstite. Se l’inizio del Rally di Germania è sembrato quello di una fiaba, il finale si è trasformato in una… leggenda. E la Casa coreana non ha alcuna intenzione di fermarsi: mentre la i20 WRC inizia a vincere, ad Alzenau sta nascendo la macchina nuova che avrà l’abito della nuova i20 che verrà presentata ufficialmente al Salone di Parigi di inizio ottobre. Un altro progetto nel quale si stanno accorciando i tempi di realizzazione perché la macchina da corsa viene sviluppato nello stesso momento di quella stradale. Rivelando una stretta parentela fra il prodotto di serie e la bomba dei rally.

Scheda Versione

Hyundai i20 5 porte
Nome
i20 5 porte
Anno
2008 (restyling del 2012) - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Motorsport , Hyundai , auto coreane , rally


Listino Hyundai i20

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.2 MPI Classic anteriore benzina 85 1.2 5 € 12.200

LISTINO

1.2 MPI GO! BRASIL anteriore benzina 85 1.2 5 € 13.450

LISTINO

1.1 CRDi Classic anteriore diesel 75 1.1 5 € 13.725

LISTINO

1.2 MPI Econext GPL Classic anteriore GPL 85 1.2 5 € 13.725

LISTINO

1.2 MPI Sound Edition anteriore benzina 85 1.2 5 € 13.800

LISTINO

1.1 CRDi GO! BRASIL anteriore diesel 75 1.1 5 € 14.975

LISTINO

1.1 CRDi Sound Edition anteriore diesel 75 1.1 5 € 15.325

LISTINO

1.2 MPI Econext GPL Sound Edition anteriore GPL 85 1.2 5 € 15.325

LISTINO

 

Top