dalla Home

Curiosità

pubblicato il 18 agosto 2014

Pebble Beach 2014, è trionfo Ferrari

La 375 MM Scaglietti di Roberto Rossellini ha vinto il titolo 2014 di Best In Show e due aste sono state da record

Pebble Beach 2014, è trionfo Ferrari
Galleria fotografica - Pebble Beach 2014Galleria fotografica - Pebble Beach 2014
  • Pebble Beach 2014 - anteprima 1
  • Pebble Beach 2014 - anteprima 2
  • Pebble Beach 2014 - anteprima 3
  • Pebble Beach 2014 - anteprima 4
  • Pebble Beach 2014 - anteprima 5
  • Pebble Beach 2014 - anteprima 6

Non c’è due senza tre.Ferrari può dirlo forte visto che, dopo due battute d'asta da record (la 250 GTO del 1962 assegnata per 30 milioni di euro e la 275 GTB/4 di Steve McQueen rivenduta per quasi 7,5 milioni di euro), ha conquistato il titolo Best In Show 2014 di Pebble Beach con una splendida 375 MM Scaglietti del 1954. Ed è la prima volta nella storia del concorso che  una Rossa si aggiudica il titolo più importante, tra l'altro con una vettura prodotta nel dopoguerra.

La California ama Maranello

Chi ha viaggiato negli States sa quanto le Ferrari siano apprezzate e anche relativamente diffuse nelle città più importanti. La California, in particolare, ha un legame fortissimo con il Cavallino Rampante grazie alla passione per le Rosse dei grandi divi del cinema o della musica e sul prato di Pebble Beach i binomi più illustri di quest’anno sono stati quelli Ferrari-Rossellini e Ferrari-McQueen. La Best In Show 2014 è una Scaglietti richiesta dal celebre regista italiano in persona ed è basata su una Spyder Pininfarina da competizione il cui telaio fu rivisto per l’uso stradale. La sua storia è molto affascinante perché, premio a parte, venne ritrovata dall’attuale proprietario in un garage semi abbandonato nei sobborghi di Parigi ed è tornata alla sua vecchia gloria dopo un restauro nel 1995. Nel 2012 è invece stata restaurata da Ferrari Classiche la 275 GTB/4 del 1967 appartenuta a Steve McQueen che l’aveva acquistata per sostituire la 275 Nart Spyder che era rimasta incidentata. La ritirò sul set di Bullitt, ma ne cambiò il colore perché il nocciola non gli piaceva: meglio il Rosso Chianti.

Lusso ad alta velocità

Com’è noto il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach è anche una passerella per le auto da sogno di oggi e l'edizione 2014 è servita, ad esempio, a McLaren per esporre di nuovo la 650S ed anticipare la P1 GTR “di serie” che il comparto McLaren Special Operations completerà entro l’anno prossimo. La Concept presentata in California la dice lunga sulle sue prestazioni, vista la linea fortemente aerodinamica, e già è noto che sotto al cofano ci sarà l’ultima evoluzione dal V8 3.8 litri Twin-Turbo abbinato ad un motore elettrico. Jaguar-Land Rover ha mostrato i muscoli con la Range Rover SVR che scatta da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi e raggiunge i 260 km/h ed ha presentato all’America la F-TYPE Project 7 che ha fatto il suo debutto mondiale alla Le Mans Classic di quest’anno. Nostalgica la Lightweight E-Type, prodotta in appena sei esemplari. Lamborghini ha svelato tutti i dettagli della versione da corsa della Huracan, la Huracan Super Trofeo, che correrà nel Lamborghini Blancpain Super Trofeo 2015. BMW ha portato la one-off i8 Concours d’Elegance Edition (battuta all'asta per più di 600 mila euro), la concept Vision Future Luxury e la serie speciale 30 Jahre M5 di cui 30 esemplari sui 300 totali sono riservati agli Stati Uniti. Curioso anche l'elettrico elaborato da Saleen, che partendo da una Tesla Model S ha creato la più estrema Foursixteen.

Autore:

Tag: Curiosità , Ferrari , auto storiche , auto italiane , aste


Top