dalla Home

Test

pubblicato il 30 luglio 2014

Land Rover Discovery, il coltellino svizzero dei SUV [VIDEO]

La 4x4 inglese è un incredibile fuoristrada, ma non solo: è super spaziosa e pratica, con consumi paragonabili agli ingombri

Galleria fotografica - Land Rover Discovery XXV Special EditionGalleria fotografica - Land Rover Discovery XXV Special Edition
  • Land Rover Discovery XXV Special Edition - anteprima 1
  • Land Rover Discovery XXV Special Edition - anteprima 2
  • Land Rover Discovery XXV Special Edition - anteprima 3
  • Land Rover Discovery XXV Special Edition - anteprima 4
  • Land Rover Discovery XXV Special Edition - anteprima 5
  • Land Rover Discovery XXV Special Edition - anteprima 6

Ci sono poche cose che mi danno il senso di libertà di un fuoristrada. Di quelli “veri”, intendo. Inarrestabili. Come la Land Rover Discovery: un nome mitico che in inglese vuol dire scoperta, ma che è anche sinonimo di avventura, esplorazione. E se questo è il lato più conosciuto della 4x4 inglese, è anche vero - come spiegato nel video - che il SUV britannico è anche un’auto multiuso, che può essere usata quasi come un furgone per caricare di tutto, oltre che essere perfetta per chi nel tempo libero ama fare sport con attrezzature “ingombranti”. Una compagna ideale, insomma, per viaggiare con la famiglia o con gli amici senza quasi avere dei limiti, se non quello di dover gestire ingombri importanti negli spazi stretti o nei parcheggi e di stare su medie comprese fra i 12 litri su 100 km di questa prova ai 7 del nostro test di consumo. Il tutto a un prezzo di almeno 44.500 euro. Vorreste spendere di meno?

Beh, ancora un po’ di pazienza perché al Salone di Parigi di ottobre debutta la più piccola Discovery Sport, che di fatto sostituisce la Freelander inaugurando la nuova famiglia di modelli Discovery. Nel 2015 è fissato l’arrivo della Discovery 5 e poi, dovrebbe essere la volta dell’intoccabile Defender. Un altro tris di vetture, dunque, che affiancherà l’Evoque, la Range Sport e la Range Rover. Puntando, come loro, sul nuovo design, ma sottolineando quella che in Land Rover chiamano capability e che è il vero DNA della Discovery: spazio e versatilità, su ogni terreno. Con innovazioni importanti, come la tecnologia che rende "trasparente" il cofano motore per vedere l'immagine di cosa c'è davanti alle ruote, rendendo ancora più efficace la guida in offroad. Senza rinunciare ad un altro marchio di fabbrica del modello - i 7 posti - e, chissà, magari adottando un'altra peculiarità tecnica delle vetture made in UK: la scocca in alluminio già adottata dalle Range Rover e dalle Jaguar.

Scegli Versione

Autore:

Tag: Test , Land Rover , auto inglesi


Top