dalla Home

Curiosità

pubblicato il 30 luglio 2014

Ferrari 365 P Berlinetta Speciale, all'asta la "Tre Posti"

L'esemplare unico appartenuto a Luigi Chinetti potrebbe raggiungere la quotazione record di 20 milioni di dollari

Ferrari 365 P Berlinetta Speciale, all'asta la "Tre Posti"
Galleria fotografica - Ferrari 365 P Berlinetta SpecialeGalleria fotografica - Ferrari 365 P Berlinetta Speciale
  • Ferrari 365 P Berlinetta Speciale - anteprima 1
  • Ferrari 365 P Berlinetta Speciale - anteprima 2
  • Ferrari 365 P Berlinetta Speciale - anteprima 3
  • Ferrari 365 P Berlinetta Speciale - anteprima 4
  • Ferrari 365 P Berlinetta Speciale - anteprima 5
  • Ferrari 365 P Berlinetta Speciale - anteprima 6

C'è stata anche una Ferrari a tre posti, bellissima e nota agli appassionati per la sua unicità: è la Ferrari 365 P Berlinetta Speciale del 1966 che sta per essere messa all'asta al Concorso d'Eleganza di Pebble Beach (16-17 agosto 2014) ad una cifra che si preannuncia molto elevata. Secondo la casa d'aste Gooding & Company, questa Ferrari potrà essere venduta intorno ai 20 milioni di dollari, e costituire un record per le proprie aste, finora detenuto dalla Ferrari 250 Testa Rossa battuta a "soli" 16,39 milioni di dollari.

Ex Luigi Chinetti

La 365 P Berlinetta Speciale, telaio 8971, è davvero una fuoriclasse: è un esemplare unico, realizzato per il celebre pilota e imprenditore Luigi Chinetti, primo rivenditore Ferrari negli USA, e messo a disposizione dalla famiglia. In condizioni pari al nuovo, ha percorso appena 7.900 km, con la slanciata livrea Pininfarina verniciata in bianco Gardenia, gli interni in pelle nera con pavimento rosso e il tetto trasparente. Dopo il debutto al Salone di Parigi del 1966, la vettura fu protagonista negli stand della celebre carrozzeria italiana nei saloni del 1966 e 1967, per essere quindi ceduta alla statunitense Chinetti Motors.

Meccanica da corsa a 12 cilindri

La particolarità dell'auto sta proprio nell'abitacolo, che dispone di tre posti, con il guidatore quasi al centro e i passeggeri a fianco, su due sedute arretrate. E, sotto alla carrozzeria, lo stesso telaio della Ferrari 365 P2 da competizione: questo spiega la coda di grandi dimensioni, trattandosi della prima 12 cilindri Ferrari a motore centrale realizzata per uso stradale. Tante "unicità", che potrebbero farle ottenere il raggiungimento del record di valutazione.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Ferrari , auto italiane , aste


Top