dalla Home

Curiosità

pubblicato il 28 luglio 2014

Auto del futuro come palline da golf?

Un ricercatore del MIT inventa una superficie che può generare fossette utili all'aerodinamica

Auto del futuro come palline da golf?

Cosa hanno in comune un'automobile ad alte prestazioni e una pallina da golf? Al momento quasi nulla, ma in futuro potrebbe esserci forse qualche affinità. Un ricercatore del MIT, l'ingegner Pedro Reis, ha infatti inventato una particolare tecnologia chiamata smorph (smart morphable surface) che è in grado di trasformare una superficie da liscia a rugosa, con delle fossette simili a quelle delle palline da golf. Una particolare "pelle", rigida e dal comportamento diverso a seconda dello spessore, è in grado di cambiare forma, quasi come gli acini dell'uva passa, quando dal nucleo centrale cavo, costituito da uno strato spugnoso di vari polimeri, viene aspirata l'aria.

Lo studio nella galleria del vento ha dimostrato che le fossette delle palline da golf riducono la resistenza aerodinamica, a velocità relativamente basse, grazie ai numerosi vortici d'aria generati. La tecnologia smoprh potrebbe quindi essere adottata, in futuro, anche sulle auto ad alte prestazioni, variando lo spessore della pelle e la produzione di "rughe" in base alle esigenze aerodinamiche: ad altissime velocità è infatti più efficace una superficie liscia. Nessuna controindicazione? In effetti, al momento la tecnologia non funziona su superfici piane, come potrebbe essere il pannello di una carrozzeria: per il momento, l'unico prototipo prodotto è una sfera, dall'aspetto molto simile ad una pallina da golf. Pedro Reis conta però di riuscire a creare una superficie lievemente ad arco, capace di cambiare la propria pelle e generare le utili fossette.

Tecnologia smorph al MIT

Un ricercatore del MIT, l'ingegner Pedro Reis, ha inventato una particolare tecnologia chiamata smorph (smart morphable surface) che è in grado di trasformare una superficie da liscia a rugosa, con delle fossette simili a quelle delle palline da golf, e di ridurre la resistenza aerodinamica.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità


Top