dalla Home

Test

pubblicato il 24 luglio 2014

Mercedes Classe C Wagon, fratelli coltelli

Grazie a un design più curato che mai potrebbe insidiare la versione a 3 volumi

Mercedes Classe C Wagon, fratelli coltelli
Galleria fotografica - Mercedes Classe C Station WagonGalleria fotografica - Mercedes Classe C Station Wagon
  • Mercedes Classe C Station Wagon - anteprima 1
  • Mercedes Classe C Station Wagon - anteprima 2
  • Mercedes Classe C Station Wagon - anteprima 3
  • Mercedes Classe C Station Wagon - anteprima 4
  • Mercedes Classe C Station Wagon - anteprima 5
  • Mercedes Classe C Station Wagon - anteprima 6

Come ogni Mercedes, anche la Classe C è sinonimo di berlina a tre volumi: persino gli italiani – i più grandi innamorati d'Europa delle SW – l'hanno sempre preferita in configurazione tre volumi (tranne un sostanziale equilibrio fra le due carrozzerie nel 2013). Ma si può sempre cambiare idea e la variante familiare della nuova Classe C sembra avere tutte le carte in regola modificare i gusti dei clienti Mercedes. Quali carte? Una, fondamentalmente: il design, perché per il resto la vettura ricalca al 100% la berlina da cui deriva. Identici i motori, i cambi, la cura per i dettagli e la qualità dei materiali, così come la miriade di dispositivi elettronici che tutto (o quasi) vedono e prevedono ai fini della sicurezza. Audi A4 Avant e BMW Serie 3 Touring hanno una rivale in più: una rivale che già c'era, ma che adesso è più agguerrita che in passato. La vettura è già in vendita, sarà in consegna da settembre e i prezzi vanno dai 37.372 euro della C180 ai 53.016 della C250 Bluetec (diesel) Premium con cambio automatico. In attesa di altre versioni, fra cui la 300 Hybrid, il cui prezzo verrà ufficilizzato a fine luglio.

Apparentemente "seduta"

Il trucco - non nuovo, in verità, ma sempre efficace – utilizzato dai designer Mercedes è quello del montante posteriore che si restringe mano a mano che dal tetto si scende verso la linea di cintura. In questo modo, il terzo finestrino laterale ha un taglio molto discendente e, vista di profilo, la Classe C Wagon sembra abbassarsi verso la coda, come dev'essere su una SW premium. In realtà, però, il lunotto è più verticale rispetto a quello di Audi A4 Avant e BMW Serie 3 Touring, a tutto vantaggio della capacità di carico e della possibilità di sfruttare i centimetri disponibili. Terzo volume e porte posteriori a parte, la C Wagon è ovviamente identica alla C berlina: si ritrovano dunque lo sbalzo anteriore ridotto al minimo, la “pennellata” al centro delle fiancate (delimitata da due linee convergenti verso la coda della vettura) e la grande mascherina a due listelli con Stella incastonata per Executive, Sport, Business e Premium; a tre listelli con Stella sporgente sul cofano per la Exclusive.

Solita classe, tanto spazio per le valigie

Si diceva prima della posizione quasi verticale – se paragonata a quella delle rivali – del lunotto. In termini di volume, ovvero di capacità di carico, questa differenza non si traduce in un grande vantaggio: 490-1.510 litri di bagagliaio contro i 495-1.500 della BMW e i 490-1.430 dell'Audi. Detto questo, il vano di carico della C Wagon è ben sfruttabile grazie alla forma regolare, alla presenza di un gancio e di una rete per assicurare le borse (di serie) e dell'Easy Box (201,3 euro) per riporre i piccoli oggetti. Se a questo si aggiunge che la soglia di carico è a soli 60 cm dall'asfalto, si capisce che la tedesca non mira a stabilire record di capienza, ma a rendere facile la vita di chi spesso deve accedere al vano bagagli. Invariato, ovviamente, l'abitacolo: il nuovo taglio delle porte posteriori non influisce sull'accessibilità, mentre davanti si trova la consueta ergonomia, fatta di comandi dalla grafica intuitiva, facili da raggiungere e da una posizione di guida esemplare, capace di non stressare le articolazioni persino dopo parecchie ore a bordo. La qualità? Difficile chiedere di più sia in termini di materiali sia in termini di assemblaggio. Le poche e piccole disattenzioni delle Mercedes di qualche anno fa sono state brillantemente superate e la Classe C rispetta in pieno i severi canoni della Casa di Stoccarda.

Non ci sono più le Mercedes di una volta. Ce ne sono due in una

Ci sono luoghi comuni duri a morire. Uno di questi è che le Mercedes siano auto tutte comfort e morbidezza; affermazione vera, ma solo in parte, dato il cambio di rotta impresso a partire proprio dalla Classe C precedente a questa (AMG a parte, si intende). I motori e la messa a punto degli assetti sono infatti tangibilmente più dinamici che in passato e la nuova C Wagon non tradisce: l'esemplare da me provato, 250 Bluetec Sport, era dotato di assetto Agility Control con sospensioni pneumatiche (1.451,8 euro). Una volta impostato il setup Sport o Sport+ le risposte delle sospensioni sono decisamente a misura di curve e cambi di direzione, che la tedesca affronta in modo spigliato grazie anche allo sterzo progressivo: in pratica, all'aumentare dell'angolo di rotazione del volante, il rapporto di demoltiplicazione si fa più diretto, per risposte più pronte. Molto del suo ce lo mette il solito 2.2 biturbo da 204 CV e, soprattutto, 500 Nm di coppia disponibili già a 1.600 giri. Un quattro cilindri che non conosce ritardi di risposta e che trova il suo più grande limite nel cambio 7G tronic: un automatico migliorato nell'immediatezza di risposta ai comandi impartiti manualmente, ma che ancora mostra dei limiti rispetto all'8 marce by ZF sia nella fluidità di funzionamento sia nella logica di gestione in modalità automatica. Il comfort? In Mercedes non si sono dimenticati come si fa a “confezionarlo”: basta selezionare la modalità Comfort, appunto, del sistema Agility Control, per distendere, letteralmente, la Classe C. L'assetto si ammorbidisce tangibilmente (forse si ondeggia fin troppo, negli avvallamenti), il 7G tronic passa appena possibile al rapporto superiore, mentre i fruscii aerodinamici e la rumorosità meccanica rimangono lontani dalle orecchie dei passeggeri.

Tante versioni, infinite personalizzazioni

La versione base è rappresentata dalla C180 Executive con motore 1.6 a benzina turbo da 156 CV: 37.372 euro per un'auto la cui dotazione non è più ai limiti della sufficienza – se non sotto – come accadeva fino a qualche anno fa. Di serie sono previsti, tra gli altri: sedili anteriori regolabili elettricamente in altezza e inclinazione, freno di stazionamento elettromeccanico, stop&start, strumentazione display TFT a colori in alta definizione, sedile posteriore con schienale ad abbattimento frazionato 40/20/40 ed elettrico, Attention Assist (rilevamento stanchezza del guidatore), Collision Prevention Assist Plus (avvisa il guidatore con un segnale ottico e acustico quando la distanza dal veicolo che precede o l'ostacolo fisso èinferiore al limite di sicurezza e, in caso di rischio impatto, effettua una frenata parziale automatica), due prese USB, interfaccia Bluetooth. Non manca la versione Business riservata ai clienti con partita IVA, proposta solo con motori 220 e 250 CDI, che per 689,3 euro aggiunge, alla dotazione della Executive, cerchi in lega da 17”, il clima bizona, i fari anteriori diurni a led, sensori di parcheggio, navigatore Garmin Pilot. Salendo la scala delle dotazioni troviamo poi la Sport – 1.451,8 euro in più della Executive, 2.305 nel caso della 180 - con assetto Agility Control (sospensioni ribassate di 15 mm con rigidezza regolabile a piacimento), dettagli esterni Avantgarde e sistema multimediale Tablet Garmin Pilot. Al top di gamma si posiziona infine la Exclusive, che sotto un'estetica più classicamente Mercedes, fatta di Stella a sbalzo sul cofano e mascherina a tre lamelle, nasconde una dotazione comprensiva di molti accessori, fra i quali: touchpad per il controllo del sistema multimediale, specchi regolabili elettricamente, fari a led, Garmin Map Pilot, sedili in pelle ecologica. Il sovrapprezzo della Exclusive rispetto alla Executive è di 4.440,8 euro per la 180 e 3.574,6 per le altre motorizzazioni.

Scheda Versione

Mercedes-Benz Classe C Station Wagon
Nome
Classe C Station Wagon
Anno
2014
Tipo
Premium
Segmento
medie
Carrozzeria
Wagon
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Mercedes-Benz , auto europee


Listino Mercedes-Benz Classe C

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
C180 d Executive posteriore diesel 116 1.6 5 € 37.256

LISTINO

C180 Executive posteriore benzina 156 1.6 5 € 38.388

LISTINO

C180 d Sport posteriore diesel 116 1.6 5 € 39.587

LISTINO

C200 d Executive posteriore diesel 136 1.6 5 € 39.685

LISTINO

C180 d Executive Automatic posteriore diesel 116 1.6 5 € 39.818

LISTINO

180 d Sport Plus posteriore diesel 116 1.6 5 € 39.871

LISTINO

C180 d Business Automatic posteriore diesel 116 1.6 5 € 40.508

LISTINO

C180 Sport posteriore benzina 156 1.6 5 € 40.719

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top