dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 22 luglio 2014

Vergilius, il controllo della velocità si estende

Il fratello del Tutor arriva sulla Salerno-Reggio Calabria

Vergilius, il controllo della velocità si estende

Era già attivo da giugno 2012 su alcune Statali del Lazio, della Campania e della Emilia-Romagna, adesso si estende ulteriormente per vigilare su chi corre troppo: parliamo del Vergilius, sistema di controllo della velocità, da pochi giorni è funzionante anche su una parte dell’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria. Per migliorare la sicurezza della circolazione sulle strade, anche attraverso l'attività di prevenzione, controllo e accertamento di comportamenti illeciti, la Polizia stradale si è affidata a uno strumento particolare, messo a disposizione dall'Anas. Proprio come il “fratello”, il Tutor, che opera in autostrada, il Vergilius rileva soprattutto la velocità media delle auto in transito su strade statali e autostrade: secondo un accordo sottoscritto con l’Anas, viene gestito dalla Stradale. Il tratto interessato si trova tra Salerno e Sicignano, e più precisamente dal km 4+350 al 51+480 in direzione sud e dal km 51+480 e il km 8+580 in direzione nord. Il sistema installato è composto da 30 postazioni di controllo (16 in sud e 14 in nord), coi portali collocati prima degli svincoli di uscita e dopo gli svincoli di entrata: consentendo così, anche a fini statistici, la valutazione della tipologia dei veicoli in transito. Le violazioni rilevate dal Vergilius, che è stato consegnato in comodato d’uso alla Polstrada dall’Anas, verranno accertate dal Centro nazionale accertamento infrazioni (Cnai) della Stradale stessa. Non solo: l’Anas ha comunicato che è stato installato il Vergilius anche nella Galleria S. Maria di Pozzano, della strada statale 145 Sorrentina, in provincia di Napoli.

Proprio per l’esodo estivo...

“Abbiamo reso disponibile il sistema già collaudato su altre tratte stradali - ha affermato il presidente dell’Anas Pietro Ciucci - in tempo utile per la piena funzionalità nel corso del prossimo esodo estivo 2014. Obiettivo, migliorare la sicurezza della circolazione sulle strade di propria competenza, anche attraverso attività di prevenzione, controllo e, ove consentito, accertamento dei comportamenti illeciti, anche con l’ausilio di sistemi e strumenti di rilevamento automatico”. Inoltre, evidenzia Ciucci, il sistema è già stato sperimentato con successo su alcune strade statali nel Lazio sulla SS1 Aurelia, in Campania sulla SS7 quater Domitiana e in Emilia Romagna sulla SS309 Romea”. Il progetto realizzato sull’A3 in provincia di Salerno prevede anche la fornitura e la messa in opera di un sistema di pannelli a messaggio variabile, telecamere, sensori di traffico, stazioni meteorologiche per il controllo, sistema di postazioni di emergenza SOS, l'estensione alle gallerie della copertura radio VHF per i veicoli di servizio e la gestione del traffico nel nuovo tratto autostradale salernitano. In questo modo, gli fa eco Giuseppe Bisogno, direttore del servizio Polizia stradale, le pattuglie potranno dedicarsi a tutte quelle operazioni che non possono essere delegate alla tecnologia, come le verifiche delle condizioni psicofisiche dei conducenti, i controlli sull’efficienza dei veicoli, nonché l’attività di soccorso e di rilievo dei sinistri stradali”.

Limiti, guai a fare confusione

In definitiva, col limite di 90 km/h, il Vergilius c’è da luglio 2012 nel Lazio sulla SS1 Aurelia, ai chilometri 11+950, 15+700 e 23+450; in Campania sulla SS7 quater Domitiana, ai chilometri 44+580 e 54+300; e in Emilia-Romagna sulla SS309 Romea, ai chilometri 1+680 e 7+080. Invece, col limite di 60 km/h, è presente nella galleria S. Maria di Pozzano, lungo la strada statale 145 “Sorrentina”, in provincia di Napoli. Infine, sempre da pochi giorni, col limite di 130 km/h, il Vergilius vigila l’A3, tra gli svincoli di Salerno e Sicignano-Potenza, in numerosi tratti.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , autovelox


Top