dalla Home

Tecnica

pubblicato il 14 luglio 2014

Jaguar Land Rover: ecco i nuovi motori Ingenium

Architettura modulare turbo a gasolio e benzina: si parte con il 2.0 diesel della nuova Jaguar XE

Jaguar Land Rover: ecco i nuovi motori Ingenium
Galleria fotografica - Jaguar XE, le prime immaginiGalleria fotografica - Jaguar XE, le prime immagini
  • Jaguar XE, le prime immagini - anteprima 1
  • Jaguar XE, le prime immagini - anteprima 2
  • Jaguar XE, le prime immagini - anteprima 3
  • Jaguar XE, le prime immagini - anteprima 4
  • Jaguar XE, le prime immagini - anteprima 5
  • Jaguar XE, le prime immagini - anteprima 6

Non si fermano le novità per il gruppo Jaguar Land Rover: arriva ora Ingenium, la nuova famiglia di motori turbo a gasolio e a benzina, che ha tra le caratteristiche principali la compattezza, il basso peso, e i livelli ridotti di attriti ed emissioni, con prestazioni più elevate. La particolare architettura modulare consente di ricavare più versioni, di varie potenze e cilindrate, da adattare ai modelli del gruppo con differenti trazioni e trasmissioni, integrando anche sistemi ibridi e nuove tecnologie.

Motori modulari turbo a iniezione diretta

I motori Ingenium sono realizzati con monoblocchi in alluminio che condividono corsa, alesaggio e spaziatura fra cilindri, dalla cilindrata unitaria fissa di 500 cc; per tutti i motori è previsto l'impiego del turbocompressore, dell'iniezione diretta ad alta pressione montata centralmente, delle valvole a fasatura variabile e della tecnologia stop/start. Tra le altre tecnologie condivise, i cuscinetti a rulli sugli alberi a camme con contralberi, le pompe dell'olio e dell'acqua a portata variabile controllate da computer, il sistema di raffreddamento a circuiti gemelli, gli alberi motore disassati e gli ugelli di raffreddamento dei pistoni a controllo elettronico. Nonostante le migliori prestazioni, il peso è ridotto fino a 80 kg rispetto all'attuale V6.

Nel 2015 il diesel 2 litri, anche sulla nuova Jaguar XE

Ingenium è un progetto che fa parte dell'investimento complessivo di 40 milioni di sterline per il potenziamento del Powertrain Engineering, presso il Centro Tecnico di Whitley. Il primo Ingenium che andrà in produzione sarà il 2 litri diesel AJ200D, con attriti interni diminuiti del 17% rispetto al modello corrente. La produzione di serie di questi motori, interamente sviluppati dagli ingegneri Jaguar Land Rover, inizierà all’inizio del 2015 nei nuovi impianti di Wolverhampton, nel Regno Unito: tra le prime auto a beneficiarne ci sarà la Jaguar XE, inedita berlina di segmento D che debutterà nella seconda metà del prossimo anno.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Tecnica , Jaguar , auto inglesi


Top