dalla Home

Tuning

pubblicato il 13 marzo 2007

Espera Sbarro Turbo S20

Espera Sbarro Turbo S20
Galleria fotografica - Espera Sbarro Turbo S20Galleria fotografica - Espera Sbarro Turbo S20
  • Espera Sbarro Turbo S20 - anteprima 1
  • Espera Sbarro Turbo S20 - anteprima 2
  • Espera Sbarro Turbo S20 - anteprima 3
  • Espera Sbarro Turbo S20 - anteprima 4
  • Espera Sbarro Turbo S20 - anteprima 5
  • Espera Sbarro Turbo S20 - anteprima 6

La creatività nel mondo dell'auto esiste ancora? Ebbene sì, e sono spesso giovani studenti a ricordarlo. Al Salone di Ginevra ha fatto la sua apparizione una interessante Concept frutto della collaborazione tra la scuola di design Espera Sbarro e la trasmissione televisiva francese "Turbo". Nulla di più semplice è stato ricavare il nome per questo prototipo chiamato Turbo S20, dove "20" sta sia per il numero degli studenti impegnati nel progetto sia per ricordare l'anniversario ventennale della scuola.

Peculiarità fondamentale di questo progetto è l'aver creato qualcosa di inedito utilizzando però parti di vetture di serie. La meccanica, ad esempio, proviene dalla passata serie della Mercedes Classe E, da cui è stato preso in prestito il poderoso V8 da 5 litri portato a 350 cv di potenza massima, un dato molto interessante considerando i soli 1.150 kg di massa totale dell'auto.

Linee tese, aerodinamica da Formula 1 e generosi cerchi da 19 pollici all'anteriore e 20 pollici al posteriore, queste le caratteristiche più evidente di questa concept, anche se osservando da vicino Turbo S20 ci si accorge che altre parti, specie negli interni, derivano da automobili note e davvero poco "estreme" come la Smart Roadster o la Fiat Seicento. Problemi di budget o ci troviamo di fronte ad un nuovo ed efficiente modo di progettare?

Autore:

Tag: Tuning


Top