dalla Home

Test

pubblicato il 19 giugno 2014

Nissan e-NV200 Evalia, ecologia al cubo

Forme squadrate, emissioni zero, spazio a volontà: l'MPV diventa 100% elettrico

Nissan e-NV200 Evalia, ecologia al cubo
Galleria fotografica - Nissan e-NV200 EvaliaGalleria fotografica - Nissan e-NV200 Evalia
  • Nissan e-NV200 Evalia - anteprima 1
  • Nissan e-NV200 Evalia - anteprima 2
  • Nissan e-NV200 Evalia - anteprima 3
  • Nissan e-NV200 Evalia - anteprima 4
  • Nissan e-NV200 Evalia - anteprima 5
  • Nissan e-NV200 Evalia - anteprima 6

Al primo sguardo sembra una monovolume come un altra, magari un po' più stretta e alta del solito. In realtà è molto di più: La Nissan e-NV200 Evalia è un veicolo per trasporto persone, in numero di cinque, a emissioni zero. Da qui a sostenere, come il Direttore della divisione Veicoli Elettrici di Nissan Europe Jean-Pierre Diernaz, che: “siamo di fronte alla rivoluzione elettrica”, di cose ne devono succedere. L'autonomia delle batterie va incrementata sensibilmente, per esempio; la rete di ricarica deve diventare più capillare e il portafoglio degli automobilisti godere di vantaggi tangibili. Sta di fatto però che in Nissan ci credono e, dopo la Leaf, ecco il secondo veicolo 100% elettrico, che con la “sorella” a due volumi condivide la meccanica. Rispetto all'NV200 con motore a gasolio, la variante elettrica ha circa il 30% di componenti assolutamente inediti: le novità interessano telaio e interni, oltre ovviamente motore e pacco batterie.

FISIONOMIA NOTA
Il dinamismo delle linee è un'altra cosa, non c'è bisogno che ve lo dica: ve ne sarete accorti guardando la foto d'apertura. Ma l'e-NV200 sa che non farà mai innamorare qualcuno al primo sguardo. Va conosciuto, apprezzato nel tempo, cominciando magari dalla somiglianza con qualcuno di già famoso. Avete presente la Leaf? L'e-NV200 ha subito un “trapianto di faccia” proprio da lei, dalla due volumi elettrica di Casa Nissan. Attenzione, non si tratta di mancanza di estro da parte dei designer, ma di voglia, da parte degli uomini del marketing, di conferire una personalità comune a due veicoli che condividono una missione - ripulire l'aria delle nostre città - e gran parte della meccanica. Ecco dunque che al di sotto del logo Nissan si cela lo sportello con la presa EV: a proposito, durante la ricarica, il cavo di alimentazione è custodito gelosamente da un meccanismo di blocco che previene i tentativi di manomissione. Ai lati del logo, si trova ciò che più determina la somiglianza fra Leaf e ed e-NV: i fari con luci di posizione e diurne a forma di freccia in azzurro ghiaccio. Un colore ripreso nelle scritte “Zero Emission” sulla fiancata del veicolo. Inoltre, per distinguere la versione elettrica dall’NV200 a gasolio e a benzina, i proiettori posteriori sono a LED. C'è poi un'importante modifica, a livello di carrozzeria, anche se non si vede: il sottoscocca è piatto e contribuisce migliorare l’aerodinamica. Cambiano anche le dimensioni: per guadagnare i 40 mm di carreggiata anteriore necessari per alloggiare il gruppo propulsore elettrico, l'e-NV200 ha passaruota più ampi e dunque “spalle” più larghe (+ 6 cm). L'e-NV200 è anche più lungo di 16 cm, tutti aggiunti nel muso, rispetto al fratello diesel e benzina.

TECNOLOGIA E CENTIMETRI A VOLONTA'
Se il design cubico degli esterni non fa scattare il classico amore a prima vista, la monovolume giapponese ha molte possibilità di far scoccare scintille nell'abitacolo, almeno nei confronti di chi è sensibile ai temi dello spazio e dell'abitabilità. Già, perché con una carrozzeria tanto squadrata, nell'abitacolo si liberano “praterie” incredibili: il pianale di carico tocca quota 2,04 m in lunghezza e, nel punto più stretto tra i passaruota, 1,22 m. Il tutto, esteso su 1,31 metri in altezza. Spazio a volontà, dunque, ma anche tanta tecnologia: a catturare l'attenzione è il quadro strumenti a LED che sostituisce la classica strumentazione analogica, mentre la plancia è dominata dal pannello stile tablet dal quale si comandano quasi tutte le funzioni del veicolo. Per il resto, la posizione di guida è da vero e proprio veicolo commerciale: il top per chi vuole guardare dall'alto i “suvvisti”, un po' meno per chi preferisce la sensazione di controllo del veicolo che solo una seduta vicino all'asfalto sa dare. Poco male, l'e-NV200 è razionalità allo stato puro, è libertà di abbattere gli schienali, di caricare valigie fino quasi a perderne il conto e di muoversi senza ostacoli per gomiti, spalle e ginocchia.

NUOVA DIMENSIONE DELLA GUIDA
Date le premesse, tutto mi aspettavo dall'Evalia elettrico, ma non il piacere di guida in senso classico, ovvero precisione tra le curve, reattività di risposta agli input e feeling di sterzo. E non mi sbagliavo: per quanto i progettisti abbiano fatto ogni sforzo per posizionare in basso le masse (267,5 kg di batterie installate sotto il pianale del veicolo, all’interno del passo), l'e-NV200 resta un veicolo più alto che largo – 1,86 m contro 1,77 – e coerente con il proprio “voto” di astinenza dal petrolio. Le curve è meglio affrontarle piano, pena un sensibile appoggio sulle ruote esterne, mentre nei cambi di direzione le inerzie si fanno sentire parecchio: il peso in ordine di marcia è di 1.641 kg, contro i 1.400 della variante a benzina. Meglio dunque godersi il privilegio di viaggiare nel silenzio totale, lasciarsi coinvolgere dalla reattività del motore elettrico, prontissimo nel far riprendere velocità all'Evalia. Nel dettaglio, l'e-NV200 è spinto dallo stesso motore sincrono in c.a. della Leaf, che è in grado di sviluppare 109 CV e 254 Nm di coppia, alimentato da una batteria agli ioni di litio. Capitolo a parte la frenata, che richiede un minimo di assuefazione per modulare al meglio il rallentamento, visto che è legata alla rigenerazione di energia: il sistema CRBS combina la coppia frenante rigenerativa (energia elettrica) con il classico attrito fra pastiglie e dischi (energia termica) e il risultato è che, sulle prime, si fa fatica a frenare dolcemente. Altro neo, dal punto di vista del comfort, è l'assorbimento delle sospensioni, un po' troppo da furgno: sulle sconnessioni c'è una sensibile tendenza al “rimbalzo” che non può che inficiare il comfort. Infine, le prestazioni: Nissan dichiara una velocità massima di 123 km/h e 14 secondi per passare da 0 a 100 km/h.

VANTAGGI INDIRETTI, PREZZO ELEVATO
Il costo d'acquisto dei veicoli elettrici è ancora oggi uno dei più grandi freni alla diffusione di questi veicoli: l'e-NV200 ha un listino compreso fra 30.950 e 33.400 euro (in caso di noleggio della batteria oppure fra 36.850 e 39.300 se invece si acquistano le batterie. Nel dettaglio, il costo del noleggio batterie varia in base al chilometraggio: 73 euro al mese se si percorrono 12.500 km/anno, 76 euro fino a 17.500 km/anno, 90 euro con 20.000 km/anno e 106 euro con 25.000 km/anno. Tanto, troppo, rispetto ai 18.600 euro della versione di ingresso a benzina (1.6 Visia), ma anche in relazione ai 22.450 dell'1.5 dCi da 110 CV nell'allestimento top di gamma n-tec. Certo, ci sono vantaggi a livello di accesso alle ZTL, di parcheggio gratuito, di agevolazioni sull'acquisto o sulla tassa di circolazione, ma solo a livello locale, in base al buon cuore delle amministrazioni: in Italia manca una legislazione nazionale che favorisca la diffusione di veicoli elettrici. Quanto all’autonomia, secondo il ciclo NEDC è variabile da 163 a 170 km in base alla versione (nella nostra prova sulle strade di Barcellona abbiamo rilevato un'autonomia di circa 155 km), mentre le modalità di ricarica sono tre. La prima è quella attraverso la presa domestica a 10 ampere; la seconda attraverso i caricatori standard da 16 ampere, che restituiscono alla batteria il 100% della capacità in 8 ore. Nissan propone una terza via: il caricatore da 6,6 kW integrato (opzionale), capace di sfruttare le colonnine a 32 ampere per dimezzare i tempi di ricarica e ripristinare il 25% di una batteria quasi scarica in un’ora sola. Infine, è molto ricca la dotazione di serie, comprensiva su tutte le versioni di: gestione del climatizzatore automatico da remoto (PC o smartphone), comandi al volante, sedili anteriori riscaldabili, sedili posteriori con schienale regolabile, doppia porta laterale scorrevole e telecamera posteriore.

Scheda Versione

Nissan e-NV200 Evalia
Nome
e-NV200 Evalia
Anno
2014
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
Multispazio
Porte
5 porte
Motore
elettrica
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Nissan , auto giapponesi


Listino Nissan Evalia

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
Visia Flex anteriore elettrico 109 0 5 € 31.461

LISTINO

Acenta Flex anteriore elettrico 109 0 5 € 33.411

LISTINO

Tekna Flex anteriore elettrico 109 0 5 € 33.911

LISTINO

Visia anteriore elettrico 109 0 5 € 37.361

LISTINO

Acenta anteriore elettrico 109 0 5 € 39.311

LISTINO

Tekna anteriore elettrico 109 0 5 € 39.811

LISTINO

 

Top