dalla Home

Test

pubblicato il 13 giugno 2014

Nuova Toyota Aygo, si fa notare e consuma poco

La piccola giapponese è “strana” fuori, ben dotata dentro e piacevole da guidare. Non è un fulmine e sa stare alla larga dai benzinai

Nuova Toyota Aygo, si fa notare e consuma poco
Galleria fotografica - Nuova Toyota AygoGalleria fotografica - Nuova Toyota Aygo
  • Nuova Toyota Aygo - anteprima 1
  • Nuova Toyota Aygo - anteprima 2
  • Nuova Toyota Aygo - anteprima 3
  • Nuova Toyota Aygo - anteprima 4
  • Nuova Toyota Aygo - anteprima 5
  • Nuova Toyota Aygo - anteprima 6

Macchina piccola uguale auto da città. O anche auto per i giovani. Una definizione che calza veramente a pennello alla nuova Toyota Aygo, è il motivo per cui non è una frase di circostanza lo si capisce anzitutto guardandola. La sua linea è esplicitamente ispirata al mondo dei manga, i fumetti giapponesi che sono diventati un cult anche fra gli adolescenti occidentali. E poi c’è il sistema multimediale che offre la possibilità di replicare sullo schermo alcune funzioni degli smartphone, come il navigatore. Un contenuto interessante per i neopatentati di oggi, che mangiano pane e tecnologia da quando erano bambini. Mentre ad interessare di più i genitori c’è una citycar allineata agli ultimi standard in materia di sicurezza, avendo di serie anche gli airbag a tendina o i sensori di pressione pneumatici. È con questo mix di idee che ho “approcciato” il primo test drive della sostituta di un'auto che in sette anni è piaciuta tanto per economia, maneggevolezza, praticità. Vediamo come va su strada e che cosa migliorerei.

ROTONDITÀ VADE RETRO
Ce lo aveva descritto in anteprima Nobuo Nakamura in questo video: il design della nuova Aygo non si può certo definire banale o noioso. Ha delle linee molto forti, che possono non piacere, ma con i colori accesi e con il bianco - accoppiati ad elementi a contrasto neri - dal vivo ha sicuramente il pregio di far girare i passanti. L’abitacolo della giapponesina è più convenzionale, oltre che allineato a quello delle francesi Peugeot 108 e Citroen C1 con cui condivide buona parte della progettazione e lo stabilimento produttivo. Lo spazio nel bagagliaio (da un minimo di 168 litri) è aumentato in profondità, anche se rimane soprattutto sfruttabile in altezza e per questo si fa fatica a sollevare gli oggetti più pesanti.

SI DÀ UN GRAN DA FARE
Chi sta seduto dietro, se non è uno spilungone, ha abbastanza centimetri a disposizione se i passeggeri anteriori non indietreggiano troppo con i sedili. In altezza, poi, le “gobbe” ricavate sul tetto aiutano. E contribuiscono anche a far ottenere un coefficiente di penetrazione aerodinamica Cx di 0.29 (o 0.28 nella versione Eco), davvero notevole per un’auto così corta. La strumentazione è più ricca e leggibile che in passato, il volante è regolabile solo in altezza (come sulle principale concorrente) e al centro c’è uno schermo touchscreen da 7”. Risponde bene al tocco, ha una grafica accattivante ma non convince ancora in pieno la tecnologia Mirror Link che avevo già provato al Salone di Ginevra. In quest’ambito i clienti giovani sono abituati al funzionamento fluido e intuitivo delle app per smartphone e tablet, per cui le aspettative sono alte. Le plastiche semplici e robuste sono invece accettabili per la categoria, con qualche finitura migliorabile (la cappelliera, ad esempio, ha una cornice metallica che può diventare rumorosa).

NON BEVE, NON SI SCOMPONE, NON CORRE
Le strade fra Amsterdam e Rotterdam sono molto pianeggianti e con poche curve, pertanto non ho potuto approfondire più di tanto il comportamento dinamico di una macchina lunga 3 metri e 45 e con un passo di 2 e 34. Parlando invece del motore 1.0 a benzina, rivisto sopratutto nella camera di combustione, nel raffreddamento e nel rapporto di compressione (passato da 11:1 a 11.5:1), devo dire che fa segnare sul computer di bordo consumi medi molto bassi: è difficile andare oltre i 5.0 litri su 100 km, ovvero fare peggio di 20 km con un litro. Le prestazioni - specie nella versione Eco con start&stop di serie e rapporti del cambio allungati - non sono un granché e il sound del motore è quello dei 3 cilindri “vecchia maniera”, nel senso che ci sono motori più recenti che hanno un timbro meno “monótono”. C'è da dire anche che è omologato solo come Euro 5. Il comfort a velocità costante, comunque, non è compromesso e le sospensioni sono molto efficaci sulle buche, permettendo comunque di alzare un po’ il ritmo di guida fra le curve, visto che lo sterzo elettrico restituisce un bel feeling. Un bel passo avanti rispetto al modello precedente, infine, è stato fatto nel cambio: la leva è molto più scorrevole e precisa, con una frizione leggera che non teme la marcia nel traffico.

POSSONO BASTARE 100 EURO AL MESE
Fin qui vi ho raccontato le prime impressioni di uno dei modelli più importanti del segmento A, la stessa categoria dell’auto preferita dagli italiani, la Fiat Panda, e di concorrenti come il trio Volkswagen up!, Skoda Citigo, Seat Mii o la Hyundai i10. Sono solo alcune delle circa 20 citycar presenti sul mercato, contro le 9 del 2005, anno in cui debutto la “vecchia” Aygo. Ecco perché il prezzo è uno dei tasti fondamentali per la scelta di un cliente: per il lancio si parte dagli 11.350 euro della versione x-play a 3 porte (stesso listino della meno equipaggiata x-cool), che con l’offerta scendono a 10.250 euro. È stata prevista inoltre prevista una formula d’acquisto chiamata Pay per Drive che con un anticipo di 2.860 euro permette di portarsi a casa la macchina pagando 100 euro al mese, con un tasso agevolato al 4,90% per 48 mesi e stabilendo fin da subito il valore residuo con la formula Valore Futuro Garantito. Anche l’anticipo può essere finanziato a tasso zero (fino a 3.000 euro senza interessi a 24 mesi). E in più, c’è la possibilità di restituire l'auto in ogni momento, senza nessun costo aggiuntivo.

Scheda Versione

Toyota Aygo 5 porte
Nome
Aygo 5 porte
Anno
2014
Tipo
Normale
Segmento
citycar
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Toyota , auto giapponesi


Listino Toyota Aygo

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.0 VVT-i x-cool anteriore benzina 69 1 4 € 11.500

LISTINO

1.0 VVT-i x-cool MMT anteriore benzina 69 1 4 € 12.250

LISTINO

1.0 VVT-i x-play anteriore benzina 69 1 4 € 12.700

LISTINO

1.0 VVT-i x-play MMT anteriore benzina 69 1 4 € 13.450

LISTINO

1.0 VVT-i x-cite anteriore benzina 69 1 4 € 14.000

LISTINO

1.0 VVT-i x-pure anteriore benzina 69 1 4 € 14.000

LISTINO

1.0 VVT-i x-clusiv anteriore benzina 69 1.0 4 € 14.100

LISTINO

1.0 VVT-i x-wave anteriore benzina 69 1 4 € 14.400

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top